7.5 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Incidente in barca: pescatori si salvano salendo sulla barca rovesciata

HomeNotizie NazionaliIncidente in barca: pescatori si salvano salendo sulla barca rovesciata
la notizia dopo la pubblicità

Incidente in barca nel Canale dei Petroli, pescatori si salvano salendo sulla barca rovesciata

Il più classico e probabilmente il più pericoloso degli incidenti nautici che si possono verificare in barca a Venezia. Un palo di ferro a filo d’acqua non visto dal conducente ne’ dagli occupanti che ti procura uno squarcio allo scafo e ti fa finire in acqua per l’urto, non essendo preparato a reggerti a qualche sostegno.

E’quello che è accaduto l’altra notte nel canale di Fusina a tre pescatori a bordo che rientravano in barca dal lavoro. A causa dell’impatto i tre sono finiti in acqua. Si sono messi in salvo trascinandosi sopra allo scafo rovesciato, dove hanno atteso ben più di un’ora che qualche mezzo passasse per dare l’allarme. Il più grave dei tre si era procurato un trauma cranico con ferita che perdeva sangue.

Portati in ospedale, i primi due sono stati dimessi dopo accertamenti e medicazioni, mentre il ferito, ha avuto bisogno di più cure dei sanitari. Tutto sommato danni contenuti per un incidente che avrebbe potuto trasformarsi facilmente in tragedia.

Alle 4 del mattino, nel buio e in una barena praticamente deserta, la barca che durante la navigazione incontra inaspettatamente nel canale dei Petroli un palo di ferro a pelo d’acqua che squarcia lo scafo è la cosa più grave che ti possa capitare. La barca ha cominciato a imbarcare acqua, si è rovesciata su se stessa e affondava. I tre pescatori chioggiotti sono tutti finiti in acqua mentre tornavano verso casa.

Fortunatamente l’entità dei danni non è stata grave come pareva nei minuti iniziali. Il ferito, infatti, è entrato in pronto soccorso in una maschera di sangue al volto a causa della ferita. Dopo i primi accertamenti i medici hanno stabilito che doveva “solo” essere trattenuto in osservazione, con prognosi di dieci giorni, ma poteva certamente finire molto peggio. I tre, finiti in acqua, una volta risaliti sulla barca rovesciata, non avevano modo di chiedere soccorso, i telefonini erano andati.
Solo alle prime ore dell’alba qualcuno ha avvisato la guardia costiera che con i vigili del fuoco sono arrivati a salvare i tre pescatori.

L’incidente ha inevitabilmente offerto l’occasione per riproporre il tema della sicurezza nella navigazione in laguna, soprattutto in riferimento della manutenzione di pali, paline e bricole. Al vaglio delle indagini sull’incidente anche la velocità del mezzo.

Mattia Cagalli
02/04/2016

(cod incibachio)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Vaporetti Actv Venezia: torna la Linea 2 fino a Lido

Actv implementa più corse: Linea 2 adesso arriva fino a Lido e ci sono corse supplementari 5.1 2 5.2.

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...

Bella giornata a Venezia rovinata da una dimenticanza: 184 euro di multa Actv

Buongiorno, sono una studentessa 25enne in corso di laurea magistrale e vorrei raccontarVi quanto accadutomi stamane 02/04/2017, al ritorno dalla "So e Zo per i ponti" a Venezia. Premetto di aver passato una bellissima mattinata in compagnia del mio fratellino e di un...

Lettere. Nuova legge sugli alloggi pubblici, Zaia tratta i veneti peggio delle altre regioni leghiste

NUOVA LEGGE ALLOGGI PUBBLICI: TANTA PROPAGANDA SULL’AUTONOMIA, MA PROPRIO IL POPOLO VENETO E’ TRATTATO DALLA REGIONE DI ZAIA PEGGIO DELLA LOMBARDIA! I VENETI “FIGLI DI UN NORD MINORE”?

La Venezia Scomparsa: Molin e il Ponte dei Giocattoli. I ricordi, la chiusura: incontro con Federico, l’ultimo gestore, 12 anni dopo

Il negozio Molin, conosciuto da tutti i veneziani tanto da aver ribattezzato “il Ponte dei Giocattoli”, non rappresentava per me un semplice, piacevole prolungamento del percorso mattutino, ma un vero e proprio luogo dei sogni a due soli passi da casa. La...

Situazione Actv/Avm Venezia: Brugnaro convoca i sindacati

Nonostante a Venezia i flussi turistici siano ripresi, nei primi dieci mesi del 2021 situazione ricavi peggiore di quanto si prevedeva

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...

Elezioni scolastiche: “Far votare solo con chi ha Green Pass è discriminatorio!”. Lettere

Ci sono cittadini di serie a e di serie z... e poi ci sono i fedelissimi esecutori, che oggi come nel '36 eseguono ordini come autentiche macchinette da regime... ma che poi si pentono amaramente come nel '45. Inutile dire che ...

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."