mercoledì 19 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

Incendio al grattacielo di Milano, molti hanno perso tutto. Il racconto dei testimoni

Homeil drammaIncendio al grattacielo di Milano, molti hanno perso tutto. Il racconto dei testimoni

Incendio nel grattacielo a Milano, nessuna vittima ma c’è chi ha perso tutto.
Nessun deceduto, per fortuna, si ripete, ma si parla di umani. Se ci si riferisce anche alle altre vite le cose cambiano.
L’incendio ha riguardato dal piano più alto fino al seminterrato, 60 metri di palazzo andato in fiamme con pannelli che “si sciolgono come burro” e una colonna di fumo visibile praticamente ovunque in città e ci si chiede il perché del fuoco.
Fortunatamente, dunque, non sono arrivate segnalazioni di feriti o, peggio, di vittime, ma c’è purtroppo chi fuggendo precipitosamente ha dovuto abbandonare l’amico domestico.
Potrebbe finire quindi solo con alcune persone intossicate lievi uno degli incendi più grossi che si siano mai visti a Milano, con le fiamme che hanno avvolto alle 17.45 l’intera Torre del Moro, nuovo grattacielo residenziale nella periferia sud della città.
Dal quindicesimo piano è iniziato tutto, per cause che verranno accertate quando verranno spente le fiamme che ancora dopo ore continuano a distruggere il palazzo.
L’odore di fumo è stato subito forte ed è stato quello che ha probabilmente salvato i condomini presenti, oltre all’immediato intervento dei vigili del fuoco.
Circa 60 le famiglie nei due civici 32 e 34 di via Antonini, alcune delle quali sicuramente in vacanza, ma molte altre nelle loro abitazioni che i pompieri stanno ancora ispezionando, entrando casa per casa dopo aver spaccato tutte le porte in una ricerca che proseguirà per ore tra fumo e calore.
Le fiamme hanno avvolto tutto, a partire dai pannelli della facciata che hanno iniziato a staccarsi, uno a uno, trasformandosi in proiettili infuocati caduti in strada e spinti dal vento anche lontano dal grattacielo dove si trovano, oltre a un Mcdonald’s e a un supermercato, entrambi chiusi, anche due pompe di benzina.

INCENDIO GRATTACIELO MILANO: IL RACCONTO DEI TESTIMONI

E’ stato immediato l’intervento di decine di mezzi di vigili del fuoco e ambulanze, oltre alle forze dell’ordine che hanno delimitato l’intera zona, con l’elicottero in volo per capire se qualcuno avesse trovato rifugio sul tetto.
Altissime le fiamme che hanno fatto temere il peggio, dato che hanno ridotto il grattacielo in breve tempo in uno scheletro annerito.
Eppure la Torre è un edificio del 2011, realizzato in calcestruzzo con lastre prefabbricate di polistirene, che fa parte della riqualificazione della zona Vigentino.
Non doveva quindi bruciare così facilmente e così rapidamente: “Ci avevano detto che i pannelli che ricoprivano il palazzo erano ignifughi, invece sono bruciati rapidamente come fossero burro”, ha raccontato all’ANSA una delle condomine del palazzo.
“Saranno i tecnici a fare una verifica – ha aggiunto – ma ricordo perfettamente che ci avevano detto che i pannelli erano resistenti al fuoco”.
Alla fine, chi con un animale, chi con poche cose recuperate in fretta, si sono tutti ritrovati in strada, spaventati, senza più una casa, ma salvi.
“Io ero in terrazzo, abito ad in piano medio alto e ho visto arrivare dei calcinacci infuocati da sopra”, ha raccontato una ragazza corsa in strada con la gabbietta del suo gatto.
“Ho alzato lo sguardo e ho visto che in alto c’erano delle fiamme e ho chiamato i vigili del fuoco che mi hanno detto di uscire subito”, ha aggiunto.

Sul posto è arrivato anche il sindaco Beppe Sala, che ha dato subito notizie confortanti: “Per ora non abbiamo segnalazioni di vittime o feriti, una ventina di persone sono uscite senza problemi e siamo positivi rispetto al fatto ci sia stato il tempo di uscire”. Nessuna segnalazione di feriti neanche negli ospedali.
“Sono qua con un paio di jeans e una maglietta e non hanno niente altro. Stiamo trovando delle camere d’albergo però è chiaro che queste persone hanno perso tutto. Vanno valutate rapidamente le responsabilità”, ha aggiunto il sindaco.
Per farlo, in via Antonini sono arrivati il pm di turno di Milano Pasquale Addesso e il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano.
Toccherà a loro capire come sia stato possibile che un edificio vecchio solo 10 anni sia bruciato in questo modo.

ORE 17.45: SI SCATENA L’INFERNO

Dal piano più alto fino al seminterrato, 60 metri di palazzo andato in fiamme con pannelli che “si sciolgono come burro” e una colonna di fumo visibile praticamente ovunque in città.
Si tratta di uno degli incendi più grossi che si siano mai visti a Milano, con le fiamme che hanno avvolto alle 17.45 l’intera Torre del Moro, nuovo grattacielo residenziale nella periferia sud della città.

Dal quindicesimo piano è iniziato tutto, per cause che verranno accertate quando verranno spente le fiamme che ancora dopo ore continuano a distruggere il palazzo.
L’odore di fumo è stato subito forte ed è stato quello che ha probabilmente salvato i condomini presenti, oltre all’immediato intervento dei vigili del fuoco: circa 60 le famiglie nei due civici 32 e 34 di via Antonini, alcune delle quali sicuramente in vacanza, ma molte altre nelle loro abitazioni che i pompieri stanno ancora ispezionando.

Le fiamme hanno avvolto tutto, a partire dai pannelli della facciata che hanno iniziato a staccarsi, uno a uno, trasformandosi in proiettili infuocati caduti in strada e spinti dal vento anche lontano dal grattacielo.
Immediato l’intervento di decine di mezzi di vigili del fuoco e ambulanze, oltre alle forze dell’ordine che hanno delimitato l’intera zona, con l’elicottero in volo per capire se qualcuno avesse trovato rifugio sul tetto.

Altissime le fiamme che hanno fatto temere il peggio, dato che hanno ridotto il grattacielo in breve tempo in uno scheletro annerito.
I pareri sono concordi: non doveva bruciare così facilmente e così rapidamente: “Ci avevano detto che i pannelli che ricoprivano il palazzo erano ignifughi, invece sono bruciati rapidamente come fossero burro”, ha raccontato all’ANSA una delle condomine del palazzo.

Il sindaco Beppe Sala tranquillizza tutti sulla mancanza di vittime: “Per ora non abbiamo segnalazioni di vittime o feriti, una ventina di persone sono uscite senza problemi e siamo positivi rispetto al fatto ci sia stato il tempo di uscire”. Nessuna segnalazione di feriti neanche negli ospedali.
“Sono qua con un paio di jeans e una maglietta e non hanno niente altro. Stiamo trovando delle camere d’albergo però è chiaro che queste persone hanno perso tutto”, ha aggiunto il sindaco.

Intanto anche questa mattina stanno continuando le operazioni di spegnimento.
I vigili del fuoco sono costantemente in via Antonini a Milano dove ieri ha preso fuoco il palazzo di 15 piani. In strada ci sono detriti, pezzi di vetri e di facciata che si sono staccati durante l’incendio.
“La situazione attuale è che l’incendio formalmente ancora non è estinto completamente – ha spiegato Giuliano Santagata, comandante dei vigili del fuoco di Milano -. Dentro la torre concretamente ci sarà ancora qualche focolaio che andrà verificato e spento.
“Mai vista a Milano una cosa così. È probabile che la facciata fosse fatta di materiale molto combustile”, ha detto il comandante.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Mario Nascimbeni
Giornalista professionista, collabora ed ha collaborato con grandi testate nazionali. Ha base operativa a Roma, ma la sua professione lo porta in ogni parte del mondo come inviato o per reportage personali.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Incontro cittadino sui plateatici: i tavolini di Venezia al posto originale il 31/12

A fine anno scadono le concessioni che hanno consentito di moltiplicare i plateatici a Venezia, lo ha garantito l'Assessore

Ponte della Costituzione scivoloso, altri lavori. Amore-odio dei veneziani per il Ponte di Calatrava

Ancora guai per il Ponte della Costituzione progettato dall’architetto Santiago Calatrava, che tanto ha fatto discutere i cittadini veneziani, che hanno prima incontrato e poi vissuto gli effetti di un’opera che è costata 11 milioni di euro. Il Ponte era entrato nell’immaginario...

Ore 12, settanta persone al Pala Expo si alzano in piedi e si mettono a cantare: è il coro della Fenice che ringrazia il...

Come in un flash mob, bello perché sorprende ed emoziona. Improvvisamente e inaspettatamente 70 persone, che parevano in attesa del proprio turno, a mezzogiorno si sono alzate in piedi e si sono esibite per mezz'ora a sorpresa, in mezzo allo stupore degli...

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...

Rottweiler libero in spiaggia azzanna una donna, paura a Jesolo

Il rottweiler ha attaccato e affondato i denti al polso della malcapitata che cercava proprio in questo modo di "parare il colpo".

Reliquie Santa Lucia da Venezia alla Sicilia con assistenza della Polizia

Santa Lucia da Venezia alla Sicilia Domenica 14 dicembre, la Polizia di Stato accompagnerà “Santa Lucia” nel suo prossimo viaggio in Sicilia. Alle 7:30 del mattino le spoglie della Santa saranno portate, con imbarcazioni della Polizia di Stato, dalla basilica dei Santi Geremia...

Venezia conserva l’ultimo “Mussin”, l’imbarcazione settecentesca che apriva la Regata Storica

Venezia: nascosta in uno squero, al sicuro, coperta da un telo che la protegge dalle intemperie e dal passare del tempo. Sola, con se stessa, memore degli splendori del suo passato e lontana dagli sguardi indiscreti di chi potrebbe restare deluso...

Malore fatale: a Cà savio morto 41enne

Un altro malore fatale. La sventura colpisce di nuovo a Cà Savio. Vittorio Gersich, 41 anni, del posto, è morto venerdì sera forse a causa di un attacco di cuore improvviso. Il 41enne si è accasciato per strada, poco distante dalla sua...

Il Natale che verrà: con nuovo picco di contagi priorità a salute o economia?

Caro amico ti scrivo. Tra poco sarà periodo pre-natalizio: con i numeri in continua salita priorità all'economia o ad eventuali prescrizioni?

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione