Immigrati, il prefetto: “Se ci dicono no, se ci sono 80 posti ne mettiamo 80”

ultimo aggiornamento: 15/06/2015 ore 17:08

114

immigrati in veneto nuovi arrivi dal prefetto
“Anche se un Comune ci dice di no, per evitare problemi devastanti io e i miei colleghi dobbiamo sistemarli dove troviamo posto. Per cui, se un Comune ci dice di no per dieci immigrati, ma lì troviamo ottanta posti, ne metteremo lì ottanta”. Il prefetto di Venezia, Domenico Cuttaia, ha chiarito così, prima di entrare al vertice convocato oggi su richiesta del governatore della Regione Luca Zaia, la posizione dei Prefetti veneti sull’emergenza migranti.
“Ecco perché – ha proseguito Cuttaia – è importante trovare una soluzione a livello territoriale, se non vengono prese decisioni in altra sede. E la mia posizione, che tutti già conoscono, di fronte alla necessità di accogliere la quota di migranti assegnata al Veneto e le altre migliaia in arrivo, è quella di applicare anche all’interno delle province il criterio che abbiamo individuato e riteniamo equo: cioè la distribuzione in base al criterio demografico, con il concetto di partenza che, se tutti partecipano, la quota di migranti spettante a ciascuno è ridotta al minimo”. Cuttaia ha ricordato che su 5.006 migranti assegnati al Veneto, ne sono stati sistemati 3.550, ma in soli 105 Comuni su 550, rispondendo così alla polemica innescata da Eraclea.
“Non è stata una scelta – ha spiegato – puntare su Comuni di località turistiche, ma abbiamo mandato ad Eraclea 130 migranti solo perché lì c’erano posti disponibili e stiamo facendo di tutto per spostarli. In caso contrario, avremmo dato una pessima immagine del Veneto, con problemi di ordine pubblico, sicurezza e sanità. E’ per questo che ci dobbiamo sforzare di trovare una soluzione all’insegna del pragmatismo, cercando di metterci tutti insieme per limitare il disagio”.

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here