I Murazzi del Lido di Venezia sono un luogo del cuore

352

I Murazzi non sono solo una storica opera di difesa o un semplice accesso al mare ma un vero luogo del cuore, per quanti preferiscono – al di là del fatto economico – il silenzio e la natura al posto della comodità e della vita sociale delle spiagge attrezzate.

Ogni porzione ha una propria caratteristica e i propri fruitori abituali. C’è chi ha il “proprio” scoglio da anni: sulla bianca pietra d’Istria tra l’azzurro di un mare spesso privo di presenze umane per lunghissimi tratti e il variegato verde della fascia di vegetazione che li separa dal resto del Lido.

C’è chi con canne e legni spiaggiati realizza capanne e ripari: creative costruzioni, alcune di dimensioni minime e aperte a tutti (basta che le rispettino, vi si scrive) e che il mare d’inverno distrugge, altre negativamente più impattanti.

Per facilitare il transito sugli scogli (già realizzati sono gli accessi, intervallati, dalla strada) a volte si auto-costruiscono minimi passaggi con legni e altri materiali compatibili.

Da qualche anno i Murazzi sono certamente più frequentati, un po’ per la crisi economica ma soprattutto per le spiaggette che si sono create con i nuovi grandi pennelli a mare, che hanno favorito una maggior fruizione. Ovviamente possono esserci, come in tutti i posti, episodi di poco rispetto e civiltà. Ma è un luogo che non può essere omologato ad altri e che non deve essere alterato da interventi inutili, sovradimensionati e impattanti, in particolare quelli che distruggerebbero la fitta vegetazione a margine, importantissima anche per la biodiversità che ospita, ne’ quelli che impedirebbero assurdamente il percorso sul camminamento, che permette a pedoni e ciclisti uno straordinario sguardo panoramico sul mare, sulla Laguna e su alcune zone naturali ancora esistenti nell’isola.

Un luogo del cuore, i Murazzi, che va compreso, rispettato e salvaguardato.

Cristina Romieri, Antonella Costantini, Manuela Di Sanzo, Laura Saccon

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here