mercoledì 19 Gennaio 2022
0.6 C
Venezia

I fantasmi di “Santa Maria della Scala” secondo l’occhio di Federico Pacini

HomeLibri, recensioni e nuove usciteI fantasmi di "Santa Maria della Scala" secondo l'occhio di Federico Pacini

santa maria della scala

Federico Pacini
è uno di quei fotografi in grado di fermare la realtà e donarla allo “spettatore” in maniera vera, sentita, ma assolutamente senza filtri. Ed è così che arriva ai nostri occhi Santa Maria della Scala un libro di opere d’arte nell’opera d’arte edito da Quinlan, che pone lo sguardo sulla riqualificazione dell’ex Ospedale di, appunto, Santa —maria della Scala a Siena, risalente al XI secolo e che si registra come il luogo di cura più antico dell’Occidente.

In questo momento l’edificio si trova in quella via di mezzo tra antico e restauro per diventare un museo (una cui metà già si trova a svolgere questa funzionalità) e Pacini riesce con il suo obiettivo a dare vita pulsante alle macerie e rovine di questa metà ancora senza un’identità precisa. Sono fotografie, quelle di questo libro, che fermano su pellicola fantasmi di epoche passate: ci sono sedie vuote che nella nostra memoria evocano persone che attendevano un malato, oppure aspettavano per sapere l’esito di qualche operazione o esame; ci sono resti di affreschi, ma anche progetti che indicano nuova vita, nuovi sogni e nuove speranze.

Di particolare potenza una foto che rappresenta un teschio a metà e che riesce ad evocare più sentimenti allo stesso tempo; dalla morte che ha una seconda casa in un Ospedale, ma anche al teatro, a degli spazi che, una volta vuoti, potrebbero far emergere il palcoscenico della vita, messo in scena con tutte le sue paure, ma anche le sue gioie.

E’ una raccolta fotografica questa di Pacini che mischia diverse emozioni e diversi elementi, rimanendo sempre fedele al suo stile “urban”, con uno sguardo sulle cose perdute, rovinate, ma che portano con sé energia intrinseca pronta ad esplodere. Cerca di fermare una realtà sfuggevole, che cambia in un battito di ciglia per donare qualcosa di assolutamente personale e di, come detto, forte impatto emotivo.

C’è una vita dietro quelle fotografie, dietro a quei luoghi, c’è una storia passata che sta sullo sfondo per lasciare spazio a quella dell’immaginario, quella che nasce e vive nelle nostre menti alla visione di un’opera d’arte, come quelle create dagli antichi, come quelle create dai fotografi contemporanei come Pacini.

Sara Prian
28/02/2016

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Porto off-shore: tempi lunghi e incertezza sulla crocieristica

Le 11 proposte per il concorso di idee del porto Off-shore di Venezia arrivate all’Autorità di Sistema portuale del Mare Adriatico Settentrionale sono state accolte con ottimismo. C’è chi ha letto in questa nutrita partecipazione un inaspettato interesse per Venezia ma in...

Brugnaro in situazione di conflitto di interessi? Interrogazione al governo

I terreni acquistati da Brugnaro all' "entrata" di Venezia oggetto di un conflitto di interessi? Lo chiede SI con un'Interrogazione, "Secondo un'inchiesta del quotidiano 'Il Domani', la giunta del Comune di Venezia, all'interno del piano per la mobilità sostenibile Venezia 2030, ha...

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

“Cucina veneziana? Bangladesh. Negozi? Cinesi. Ma quale nostra ‘economia fiorente’ del turismo?”. Lettere

In risposta alla lettera: “Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Ristoranti con cucina veneziana? Cuochi e camerieri Bangladesh. Negozi souvenir? Ancora Bangladesh e/o cinesi. Commesse attività commerciali? Ragazze dell’est Europa, e per piacere non ditemi che i nostri...

Malattia durante le ferie del lavoratore dipendente. Che fare?

Innanzitutto, ringrazio la Voce di Venezia per avermi concesso questa rubrica in materia di diritto del lavoro. Sovente i media menzionano parole come TFR, licenziamento per giusta causa, parasubordinazione, contratti collettivi e infinite altre, dando per scontato il loro significato. In realtà,...

A Venezia barche solidali (e molti taxi) contro l’obbligo di GP a bordo

A Venezia le barche solidali trasportano gli isolani che non possono salire sui mezzi pubblici. “Aiutiamoci”, e una barca solidale parte dalla Palanca alla Giudecca e attraversa il Canale. Il porto sono le Zattere e i viaggiatori sono persone non vaccinate...

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

Venezia? Città invivibile per tutti. Lettere

In risposta a: “L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. La città è invivibile per tutti. Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quasi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il...

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

Assessore alla Sicurezza spara durante una lite: morto marocchino

Massimo Adriatici, avvocato, assessore alla sicurezza del Comune di Voghera (Pavia), è l'uomo che ha sparato il colpo di pistola che ieri sera, poco dopo le 22, ha ucciso un uomo di 39 anni di nazionalità marocchina. Il fatto è accaduto...

La Venezia Scomparsa: Molin e il Ponte dei Giocattoli. I ricordi, la chiusura: incontro con Federico, l’ultimo gestore, 12 anni dopo

Il negozio Molin, conosciuto da tutti i veneziani tanto da aver ribattezzato “il Ponte dei Giocattoli”, non rappresentava per me un semplice, piacevole prolungamento del percorso mattutino, ma un vero e proprio luogo dei sogni a due soli passi da casa. La...