24.9 C
Venezia
venerdì 18 Giugno 2021

I bomber di Serie B: il Venezia c’è con Schwoch

HomeCalcioI bomber di Serie B: il Venezia c'è con Schwoch

È inutile negare il fascino della serie cadetta, un campionato che in Italia fa sempre parlare per la sua estrema competitività e per le battaglie tra squadre che tra loro si equivalgono, come sta succedendo quest’anno. Il torneo di Serie B 2020-21 vede in questo momento, infatti, ben sei squadre puntare alla promozione alla massima serie del calcio italiano, ma si tratta solo di una tendenza temporanea che potrà essere ribaltata, vista la storica alternanza di risultati in questo campionato.
Il Venezia, che da quasi vent’anni non disputa una stagione di Serie A, si trova in questo momento al decimo posto a 12 punti dalla capolista Empoli, la grande favorita alla promozione diretta se diamo un’occhiata alle quote calcio più attuali del momento. E fu proprio nella squadra della laguna che giocò il bomber che forse più di ogni altro rappresenta l’archetipo di grande attaccante della Serie B. Parliamo di Stefan Schwoch, attaccante nato a

Bolzano nel 1969 e da poco identificato come il giocatore più prolifico di sempre nella serie cadetta. L’ex numero 9 della squadra neroverde ha messo a segno ben 135 reti con tutte le maglie con le quali ha giocato, 17 delle quali proprio con la società lagunare, e in questo momento è lui il capolista dell’elenco dei bomber storici della B. Velocissimo e dotato di gran tecnica, l’altoatesino avrebbe lasciato la Laguna per recarsi a Napoli nel gennaio del 1999, il tutto dopo aver trascinato il Venezia nel massimo campionato italiano nell’annata precedente. I suoi numeri da marcatore, tuttavia, non sarebbero tali senza la grande parentesi a Vicenza, squadra con la quale ha siglato 74 reti, tutte in Serie B.

Dietro di lui ci sono tanti altri bomber conosciuti soprattutto in periferia, partendo da Daniele Cacia, Giuseppe Costanzo e Antonio De Vitis. Al quinto posto, invece, si trova un simbolo del Brescia, quell’Andrea Caracciolo capace di far molto bene anche in A e diventato poi per tutti l’Airone per via del suo modo peculiare di esultare dopo ogni rete. Ancora attivo, come dimostra il suo recente ingaggio al Lumezzane militante in Serie C, il centravanti nato a Milano nel 1981 ha segnato in serie cadetta 122 reti, tutte con il Brescia, squadra della quale è stato anche capitano e uomo simbolo nell’ultimo decennio. Tra i grandi bomber del Venezia, al di là di Schwoch, va tuttavia menzionato un attaccante come Filippo Maniero, che vestì la casacca neroverde dall’estate del 1998 a quella del 2002 andando in goal in ben 54 occasioni tra Serie B e Serie A, diventando così il secondo marcatore di sempre dei lagunari dietro Francesco Pernigo, autore di 70 goal ma in nove stagioni totali. 

Al giorno d’oggi, invece, i tifosi del Venezia fanno appello allo stato di forma di Francesco Forte, centravanti di 27 anni in prestito dal Chievo e attualmente miglior goleador della squadra lagunare con nove reti all’attivo. Sarà su di lui che il tecnico Paolo Zanetti farà leva per cercare di risalire la china in classifica. 

Data prima pubblicazione della notizia:

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor