COMMENTA QUESTO FATTO
 

Grande successo per i piccoli solisti del Kolbe Children's Choir del Centro p.M.Kolbe
È stata accolta da un grandissimo successo l’interpretazione dei piccoli solisti del Kolbe Children’s Choir del Centro Culturale p.M.Kolbe di Mestre impegnati nelle recite di Tannhäuser di Richard Wagner al Teatro La Fenice.

L¹applauso è per tutti i giovanissimi interpreti del coro di voci bianche che si sono misurati nelle parti solistiche di comprimariato: Chiara Cattelan, Martina Pelizzaro e Alice Cagnolato si sono alternati nel ruolo del giovane pastore, mentre Anastasia Bregantin, Laila D’Ascenzio, Emma Formenti, Veronica Mielli, Gianluca Nordio, Francesca Pelizzaro, Matilde Preguerra, Sebastiano Roson ed Edoardo Trevisan hanno dato voce, in alternanza, ai quattro nobilgiovani.

Il merito dell’ottima performance, che ha visto i ragazzi padroneggiare con sicurezza le difficoltà contenute nella partitura wagneriana, va anche al maestro Alessandro Toffolo, fondatore e direttore della compagine, che ha preparato le voci bianche e le ha seguite durante tutte le prove e le recite.

Per Voci bianche si intendono le voci dei bambini che ancora non hanno raggiunto l’età della pubertà. In questa fase della crescita, la voce infantile ha caratteristiche differenti rispetto alla struttura anatomica di quella adulta: il minor sviluppo dei risonatori e le corde vocali più corte e sottili contribuiscono a rendere il suono prodotto meno ricco di armoniche.

A livello musicale, non si può distinguere tra voci maschili e femminili, ma solo tra i registri di soprano, mezzosoprano e contralto. La soavità delle voci dei bambini ha inevitabilmente affascinato i musicisti di ogni tempo, a partire dal medioevo, quando i cori di voci bianche che venivano chiamati a cantare composizioni di musica sacra durante le funzioni religiose, fino al giorno doggi e alle sperimentazioni della musica contemporanea, passando per il melodramma e la grande operistica.

(Nella foto i piccoli solisti del Kolbe impegnati nella produzione con il direttore Omer Meir Wellber, Venezia, febbraio 2017)

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here