11.9 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Gocce di Veleno – Quando la penna scava nell’amore malato

HomeLibri, recensioni e nuove usciteGocce di Veleno - Quando la penna scava nell'amore malato
la notizia dopo la pubblicità

gocce di veleno

Più mi divora, più mi sento di essere importante per lui.

Ci sono libri che per ogni epoca in cui viviamo diventano assolutamente necessari. Ci sono quei libri che ti scavano una fossa dentro, decidono, fin dalla prima riga, di non risparmiarti, di metterti al muro e colpirti. E non puoi sfuggire, devi rimanere lì, combattere, anche perché è impossibile staccarsi da quelle pagine.
Questo accade con Gocce di Veleno di Valeria Benatti, storica voce di Rtl 102.5, e che arriva grazie a Giunti nelle nostre librerie in concomitanza della Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne il 25 novembre.
E di violenza psicologica quando fisica si racconta in questo toccante e doloroso diario dove Claudia,  donna libera, autonoma, colta e determinata, è vittima di un uomo narciso e manipolatore che la ferisce nel corpo e nell’anima, la stritola, ne annienta la personalità.
E se inizialmente siamo quasi respinti da questa donna, ci sentiamo quasi capaci di criticarla e pensare “ma come fa a non mollare questo uomo”, ci troviamo pian piano a comprenderla, a voler prenderci noi cura delle sue ferite, di tenere il fiato sospeso ad ogni pagina, sperando che, voltandola ci ritroveremo davanti ad un cambio di direzione anche per la protagonista.
La struttura del libro, rispecchia quello di Claudia, una discesa dantesca tra gli inferi di un uomo possessivo, che non sa amare e che solo l’aiuto di una guida virgiliana come le amiche e ancora di più l’associazione Cerchi D’Acqua può aiutare a far emergere lì dove è possibile riveder le stelle.
Ogni segno lasciato dall’inchiostro è una cicatrice sulla pelle della protagonista, ferite che si fanno universali, portavoce di tutte quelle donne che ogni giorno nel mondo subiscono violenza da chi dice di amarle, da chi dovrebbe proteggerle ed, invece, le mette in pericolo.
Benatti riesce con lucidità e trasporto a mettere in evidenza le fasi di presa di coscienza, riflettendo sull’amore malato e quello vero e puro. Sì perché Claudia è circondata da persone che le trasmettono la bellezza di questo sentimento in tutte le sue forme, eppure di fronte a quell’uomo spietato e narciso, l’amore prende altri connotati, si macchia di paura, ma anche di desiderio, di bisogno di sentirsi accettate e amate senza essere in grado di guardarsi attorno. Ma Claudia ce la fa e diventa per questo un’eroina moderna, che mette in mostra al lettore tutte le sue contraddizioni senza farsene scudo ed esce da una situazione quasi mortale, scavando in un passato burrascoso e torbido.
Gocce di Veleno è un libro necessario, è un diario che fa sentire le donne vittima di violenza meno sole, che aiuta a trovare il coraggio di dire “Io conto, io esisto”.

Come me, come tutte: pensiamo sempre che sia colpa nostra.

Sara Prian

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Accludo una fotografia emblematica del disastro che state combinando nella vostra città (Venezia, ndr). A un primo esame si potrebbe pensare che si tratta della foto di qualche bazar in Medio Oriente o un mercatino in centro America o Africa, invece corrisponde...

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

Le sirene esistono? Ecco un video reale di pescatori per farvi riflettere e decidere (video non manipolato)

Le sirene sono personaggi leggendari che hanno sempre accompagnato la mitologia di tutte le culture. In tempi moderni la questione si è ulteriormente arricchita grazie all'avvento di telecamere più economiche, così sono cominciati a circolare sedicenti video che le riprendevano. Le sirene...

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

Banchi souvenir in Piazza San Marco: più grandi e più ordinati

In arrivo nuove regole per i banchi di souvenir in piazza San Marco: stamani il sopralluogo sul posto  dell'assessore Costalonga. Il Comune è infatti al lavoro per riformare il vecchio regolamento per gli ambulanti del mercato di piazza San Marco, risalente al...

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

Morto turista tedesco, dipendente del campeggio di Cavallino indagato

Morto il turista tedesco ricoverato all'Angelo dopo un litigio in un camping di Cavallino-Treporti, il dipendente ritenuto responsabile potrebbe a momenti essere accusato di omicidio In base alle risultanze d'indagine, infatti, la Procura della Repubblica deciderà nelle prossime ore se indagare l'aggressore...

Venezia e sovraffollamento di turisti: altro weekend di passione

Ritorna l’onda alta della marea di turisti che assediano Venezia e che rispecchiano, come già tante volte abbiamo visto in questi anni, le situazioni di disagio e di crisi che la città si trova a subire a causa del sovraffollamento, dopo...

“Vi invidio colleghi sospesi, passerete Natale a casa”: la lettera di una dottoressa in prima linea. Di Andreina Corso

Lettera di una dottoressa che combatte il Covid in prima linea ai colleghi sospesi: "Passerete Natale con i cari e poi tornerete al lavoro"

Morte improvvisa dopo vaccino, esposto in Procura a Mira

Alessandro Cavarretta, 51 anni, mercoledì scorso si sottopone al vaccino, dopo due giorni la morte improvvisa lasciando tutti nell'angoscia e con una domanda pendente: perché? Il certificato di decesso parla di arresto cardiocircolatorio ma essa non chiarisce come diagnosi di morte, è...

“Alle vetrerie di Murano 3 milioni, anche ai furbetti, quelli che evadono milioni di euro”. Lettere

In riferimento all'articolo: "Fornaci di Murano ‘salvate’ dalla Regione". Lettere al giornale. Io penso che: …ma come, le vetrerie di Murano vengono finanziate con tre milioni di euro, dopo che più di qualcuna, da quanto leggo su quotidiani locali,   è stata “pizzicata” ad...