Giovanni, Gianpiero, Riccardo e Marco: quattro nuovi sacerdoti per la Chiesa di Venezia

ultimo aggiornamento: 20/06/2019 ore 17:32

1352

Giovanni, Gianpiero, Riccardo e Marco: quattro nuovi sacerdoti per la Chiesa di Venezia

Il grande e gioioso appuntamento delle ‘ordinazioni sacerdotali’ – quattro quest’anno – è in programma la mattina di sabato 22 giugno 2019 quando, alle ore 10.00, nella basilica cattedrale di S. Marco a Venezia, per l’imposizione delle mani e la preghiera di consacrazione del Patriarca Francesco Moraglia, saranno ordinati presbiteri i quattro diaconi formati e provenienti dal Seminario Patriarcale di Venezia.

Ecco i loro nomi e un brevissimo profilo personale:


– don Giovanni Carnio (45 anni, laureato in Giurisprudenza, originario della parrocchia di S. Pietro di Favaro e dall’anno scorso impegnato nella collaborazione pastorale di Eraclea);

– don Gianpiero Giromella (27 anni, diplomato all’Istituto alberghiero, proveniente dalla parrocchia di Carpenedo e attualmente in servizio nella parrocchia di S. Maria Ausiliatrice a Jesolo Lido);

– don Riccardo Redigolo (31 anni, laureato in Architettura, originario della parrocchia di S. Giovanni Battista di Jesolo, in servizio pastorale negli ultimi mesi a Gambarare di Mira);


– don Marco Zane (32 anni, diplomato ragioniere, proveniente dalla parrocchia di S. Marco di Mestre, nell’ultimo anno ha collaborato con le parrocchie veneziane dei Gesuati, Carmini e S. Trovaso).

Il giorno successivo l’ordinazione – ossia la mattina di domenica 23 giugno – tutti e quattro i neosacerdoti presiederanno la loro “prima messa” nelle rispettive parrocchie di origine: alle ore 10.00 don Giovanni Carnio e don Marco Zane, alle 10.30 don Gianpiero Giromella e don Riccardo
Redigolo.

(nella foto i dei quattro ordinandi con – nell’ordine dall’alto in basso – don Giovanni Carnio (in piedi sul gradino più alto), don Marco Zane, don Riccardo Redigolo e don Gianpiero Giromella)

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here