31.4 C
Venezia
giovedì 29 Luglio 2021

Giorgio Napolitano testimonia oggi sull’indagine Stato-mafia

HomeCronacaGiorgio Napolitano testimonia oggi sull'indagine Stato-mafia

Complotto per far cadere Berlusconi, Napolitano

Oggi è il giorno della deposizione del presidente Napolitano. Questa mattina, poco dopo le 10, con un sistema di domande che dovranno essere approvate una per una, Giorgio Napolitano risponderà ad una ventina di quesiti con libertà totale di dire ‘non so’ o di interrompere in qualsiasi momento.
Saranno presenti l’avvocato di Totò Riina, Luca Cianferoni, gli altri legali, difensori di imputati o rappresentanti di parti civili, ma non è chiaro quanto potranno intervenire.

Il processo sulla presunta trattativa fra lo Stato e la mafia al tempo delle stragi entra nel Quirinale, per una deposizione a porte chiuse del Capo dello Stato.
Si cerca di ricostruire il passato attraverso i ricordi del presidente della Repubblica, ad esempio su quello che gli scrisse, cinque settimane prima di morire improvvisamente, il suo consigliere giuridico Loris D’Ambrosio, nel giugno 2012.

Nella lettera D’Ambrosio confidava i propri turbamenti circa «… il vivo timore di essere stato allora considerato solo un ingenuo e utile scriba di cose utili a fungere da scudo per indicibili accordi…», premesso da un enigmatico «lei sa».

Napolitano un anno fa ritenne inutile la testimonianza e scrisse una lettera alla corte d’assise presieduta dal giudice Alfredo Montalto in cui comunicava di non sapere nulla. Non è bastato, e così oggi sarà chiamato a deporre su quella vicenda, stimolato dalle richieste dei pm che vorrebbero saperne di più.

Il presidente Montalto deciderà di volta in volta l’ammissibilità o meno delle domande, fermo restando che tutto non può prescindere dalla «disponibilità» a rispondere del presidente della Repubblica, che «può essere negata, concessa e revocata in qualunque momento, e la corte non potrà che prenderne atto».

Redazione

28/10/2014

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.