sabato 22 Gennaio 2022
1.9 C
Venezia

Giochi: Bang! e i casi di plagio. Intervista a Leo Colovini

HomeGiochi-amo, giochi da tavolo e di ruoloGiochi: Bang! e i casi di plagio. Intervista a Leo Colovini

Giochi: Bang! e i casi di plagio. Intervista a Leo Colovini

Si è conclusa con una sentenza negativa, che potrebbe portare a ripercussioni anche pesanti nel mondo dei prodotti ludici, la causa che opponeva negli Stati Uniti Da Vinci Editrice, casa italiana di Bang! (foto sopra), gioco di carte western di Emiliano Sciarra, dal grande successo in tutto il mondo, a Yoka Games, editore in lingua inglese di “The legenda of the 3 kingdoms”, in originale Sanguosha, accusato dai produttori italiani di essere un vero e proprio clone di Bang! trasportato dal mondo del west alla leggenda cinese dei Tre Regni senza però, secondo gli avvocati della ditta italiana, che vi fossero sostanziali variazioni a livello di regolamento, singole carte e caratteristiche dei personaggi.

La corte federale di Houston, Texas, ha però decretato, con una sentenza che, se interpretata alla lettera, potrebbe avere ripercussioni anche pesanti sul mondo ludico, specie nei suoi prodotti più famosi, che “Personaggi, regole e interazioni di Bang non sono sostanzialmente simili a quelli di LOTK, gli aspetti che potrebbero essere definiti similari non sono espressivi”.

Emiliano Sciarra ha subito replicato amaramente, commentando che “La sentenza è un esempio di come certe volte la legge e la giustizia siano cose molto diverse”.

In effetti, la situazione del copyright del mondo ludico, settore che, se non ancora in Italia, in altri paesi come ad esempio Stati Uniti, Germania, Cina o Giappone muove profitti molto alti, può essere definita una sorta di limbo legislativo: il gioco in sé, infatti, rientra nelle regole del copyright per quanto riguardagli aspetti “fisici” (illustrazioni, tabellone, carte, segnalini), ma a livello di regolamento viene visto solo come un procedimento che non può ottenere brevetto o copyright.

“Molti giudici”, spiega Sciarpa dalla sua pagina internet, “Si arenano sulla constatazione che non si può mettere il copyright sul lancio dei dadi o sulla pesca di una carta. Ma è come dire che non si può brevettare una macchina perché usa viti, dadi e bulloni, oppure che non si può applicare il copyright a una canzone perché usa le note e gli strumenti musicali”.

La protezione dell’idea di un gioco, dunque, data la sentenza americana, potrebbe diventare un problema.
Come si può quindi proteggere una propria idea ludica originale? “Di fatto”, spiega Leo Colovini leo colovini giochi up(foto a fianco), veneziano, inventore di giochi riconosciuto a livello mondiale e tra gli ideatori del Premio Archimede per giochi inediti: “ Non si può. Si possono proteggere solo gli aspetti fisici, un particolare meccanico, la grafica, il titolo per un prodotto che, magari, ha portato l’autore e i produttori a spendere settimane intere effettive di lavoro, a volte spalmate anche in anni”.

Il caso di Bang! appare inoltre particolare anche perché, per la prima volta, è stato il presunto “plagiatore” a trionfare nelle vendite, arrecando ulteriore danno agli italiani.

“Premetto”, spiega ancora Colovini, “Che il problema del plagio si verifica assai raramente, di solito solo quando il gioco è davvero un grande successo, altrimenti nella maggior parte dei casi non vale troppo la pena di produrre un plagio. Il caso di Bang è davvero eclatante, perché di solito il plagio vende a rimorchio dell’originale. Nel caso di Bang invece il problema è che il plagio ha venduto quasi dieci volte tanto l’originale”.

Massimo Tonizzo | 30/07/2016 | (Photo d’archive) | [cod bangpla]

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Tornelli a Venezia nel 2022 perché quest’anno è invasione di turisti

Venezia quest'anno sta subendo una vera e propria invasione di turisti, tornati in massa come e più del 2019, per questo dal 2022 arriveranno i "tornelli". La misura è stata annunciata dal sindaco, assieme alla prenotazione e ad una 'app'....

“Far pagare spese sanitarie a chi non si vaccina: proposta oscena”. Lettera

La proposta di far pagare le cure sanitarie a chi si ammala dopo aver rifiutato il vaccino è oscena: "E le altre malattie?"

5×1000 alla Voce di Venezia: da 16 anni ti siamo fedeli, ci meritiamo una firma?

5x1000 al nostro giornale: da 16 anni ti siamo fedeli, meritiamo una tua firma? Tu che ci leggi conosci già il nostro lavoro. Sicuramente conosci i nostri articoli: le ultime notizie più importanti del giorno da leggere già dalle prime ore del mattino. 365...

Banchi souvenir in Piazza San Marco: più grandi e più ordinati

In arrivo nuove regole per i banchi di souvenir in piazza San Marco: stamani il sopralluogo sul posto  dell'assessore Costalonga. Il Comune è infatti al lavoro per riformare il vecchio regolamento per gli ambulanti del mercato di piazza San Marco, risalente al...

Festa riuscita? Ve la racconto io la festa: un Rave in via Garibaldi. Lettere

Gentile direttore, vorrei sapere perché tutti contribuiscono a portare avanti questa farsa degli eventi in sicurezza quando invece è solo un'attività di facciata. Situazione di questa notte: un esercito di agenti a controllare che i residenti si posizionassero diligentemente entro gli spazi...

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

“Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”: un sondaggio per conoscersi e un comitato per il sostegno

Tra il serio e il faceto, “Tutta la Città Insieme!” lancia il Comitato FaVeRAT - “Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”. Per aderire, chiede di rispondere ad un sondaggio ed inviare racconti su come si convive con strutture ricettive nel proprio condominio...

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott.ssa è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...