32 C
Venezia
mercoledì 23 Giugno 2021

Furto notturno in negozio, movimentato arresto dei carabinieri

HomeNotizie Venezia e MestreFurto notturno in negozio, movimentato arresto dei carabinieri

Furto notturno in negozio, movimentato arresto dei carabinieri

I Carabinieri della Compagnia di Mestre nella nottata appena trascorsa hanno tratto in arresto per il reato di furto aggravato e resistenza a pubblico ufficiale JLASSI MARWAN, 29nne tunisino già noto alle Forze dell’Ordine.

L’uomo, si era introdotto nel cuore della notte all’interno di un negozio di abbigliamento in piazzale Parmesan dopo aver rotto una finestrella col lancio di una grossa pietra e essersi arrampicato sulla parete esterna sfruttando l’appoggio del coperchio di un tombino rimosso per l’occasione. Una volta entrato nel locale, il malvivente iniziava a rovistare ovunque mettendo a soqquadro l’intero magazzino e dopo aver sradicato la cassa del registratore, se ne impadroniva lanciandola dalla finestrella rotta con l’intento di recuperarla prima di andar via.

I movimenti dell’uomo facevano però scattare l’allarme e diverse chiamate al 112 che segnalavano il possibile furto in atto. In pochi minuti la pattuglia della Stazione di Marghera e una gazzella del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Mestre sono sul posto e notando l’effrazione della finestra, comprendevano che il ladro era ancora all’interno.

Uno dei militari si introduceva quindi nel locale attraverso l’angusta finestrella braccando il tunisino che nel cercare di sfuggire all’arresto prima distruggeva alcuni costosi macchinari per la stampa su tela, poi ingaggiava col militare dell’Arma una violenta colluttazione al termine della quale veniva bloccato e ammanettato. Dopo pochi minuti anche il titolare del locale era sul posto, consentendo agli altri militari di dar man forte al collega e accompagnare il tunisino in caserma ove è stato dichiarato in arresto. L’uomo stamattina è stato processato per direttissima dopo aver passato il resto della notte in camera di sicurezza.

Redazione
09/02/2016

Data prima pubblicazione della notizia:

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor