COMMENTA QUESTO FATTO
 

Ultima Ora. Venezia, raid notturno di ladri scoperto all'alba a Rialto. Nessuno ha sentito nulla

A Venezia svolta decisiva negli episodi di spaccate notturne a negozi e bar.

Una veneziana di 25 anni, ed una 24enne di Frosinone, sono state infatti arrestate dalla polizia la scorsa notte a Venezia con il forte sospetto di essere le autrici di furti nei negozi del centro storico degli ultimi tempi.

La Questura di Venezia, attraverso il Questore dott. Masciopinto, era sull’allerta massima riguardo questo tipo di reati e sulla sicurezza in generale a Venezia.

Le due donne indagate hanno entrambe precedenti per furto e stupefacenti. Sono state fermate da una volante lagunare a Dorsoduro, vicino ad un negozio la cui vetrata, sebbene non infranta, presentava i classici segni di effrazione. Le spaccate notturne potrebbero essere in relazione a quelle della ‘Latteria Popolare’ (nella foto) e del ‘Bacaro al Ravano’.

Perquisite, sono state trovate in possesso di grimaldelli, strumenti da scasso, nonché di articoli, come biscotti, che risultano rubati al Caffè Poggi, nel quale era stato segnalato un furto poco prima.

Su disposizione dell’autorità giudiziaria, le due donne sono state arrestate per i reati di furto consumato e furto tentato. Domani il processo con rito direttissimo.

Le ladre si sono trovate effettivamente incastrate grazie ai biscotti. Confezioni di dolcetti artigianali che avevano rubato, poco prima dell’arresto, al Caffè Poggi in zona San Vio erano addosso alle due donne. Si tratta di prodotti venduti in centro storico esclusivamente dal Caffè Poggi.

Il ruolino di marcia delle due ladre era intenso: il Caffè Poggi alle 3.30 di domenica e il vicino bar Da Gino, poi la pasticceria Toletta.

D.G., veneziana di 25 anni, e la complice Z.S., 24enne di Frosinone, entrambe con precedenti per furti e stupefacenti, stavano cercando di sfondare la vetrata della porta d’ingresso della pasticceria di fronte alla elementare Renier Michiel ma il terzo ‘colpo’ le ha tradite.

Troppo rumore, qualcuno ha chiamato il 113 e le Volanti lagunari, già in zona appunto per la prevenzione dei specifici reati notturni, le hanno arrestate in flagranza, con le accuse di furto e tentato furto in concorso.

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here