Furti nei negozi di Venezia, poliziotti sgominano banda di romeni

ultimo aggiornamento: 25/09/2015 ore 19:15

142

Furti nei negozi di Venezia banda arrestata

Nella giornata di ieri, gli agenti del Commissariato San Marco in servizio di controllo del territorio in città, hanno proceduto all’arresto di quattro cittadini di nazionalità rumena che avevano derubato il proprietario del negozio di maschere denominato “CA MACANA ATELIER”.
Lo stesso negoziante, accortosi del furto subito, aveva subito chiamato il 113 segnalando quanto stava accadendo.

La pattuglia del Commissariato giungeva sul posto pochi minuti dopo il fatto e grazie alla descrizione fornita dal commerciante e le immagini della telecamere di videosorveglianza, riconosceva immediatamente gli autori del reato, che già erano noti alle forze dell’ordine visti i loro precedenti penali specifici.
Dalle immagini estrapolate si percepiva la destrezza dei soggetti che, con un’abile mossa, avevano distratto il negoziante e si erano appropriati dell’incasso dell’intera giornata.


I poliziotti hanno immediatamante iniziato la ricerca dei responsabili, che terminava poco dopo presso la zona del ponte degli Scalzi dove gli indiziati venivano individuati.
Gli agenti non hanno proceduto immediatamente all’arresto ma hanno aspettato che gli indiziati si muovessero per seguirne le mosse.

Ed infatti, i quattro – dopo aver osservato vari negozi – si soffermavano davanti ad un’attività in lista di Spagna. Uno di essi, poi identificato per TOMULESCO Ioan, si era appostato all’ingresso del negozio facendo da palo, mentre gli altri tre sono entrati.

Non solo: gli operatori hanno notato cone i soggetti, tra il primo episodio criminoso e quello successivo, si fossero cambiati d’abito, nell’evidente tentativo di dissimulare la loro presenza qualora le Forze dell’Ordine li stessero cercando. La cosa però non sfuggiva agli occhi allenati dei poliziotti, i cui visi erano ormai ben conosciuti e proprio per questo nella memoria degli agenti nonostante il diverso abbigliamento.


Prima di terminare l’ennesima attività criminosa, gli agenti li hanno bloccati, interrompendo di fatto i loro propositi sbarrando loro le vie di fuga, mentre il quarto uomo veniva fermato in strada.
Oltre all’incasso del furto compiuto nel negozio di maschere, i quattro cittadini rumeni venivano trovati in possesso di altro materiale rubato: tra cui anche un Ipad ed uno smartphone.

I quattro pregiudicati sono stati quindi identificati per:
PITAI Alin Bogdan, nato a Iasi (Romania) il 18/01/1991, domiciliato a Ferrara (pregiudicato);
COLAC Marian, nato a Iasi (Romania) il 23/08/1993, domiciliato a Ferrara (pregiudicato);
CSAPO Stefan, nato a Iasi (Romania) il 22/12/1986, domiciliato a Ferrara (pregiudicato);
TOMULESCU Ioan, nato a Iasi (Romania) il 18/01/1991, S.F.D. sedicente (pregiudicato).

I quattro sono stati arrestati e messi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria per concorso in furto e ricettazione, mentre la refurtiva veniva riconsegnata ai legittimi proprietari che ringraziavano per il celere ed efficace operato degli agenti del Commissariato San Marco.

25/09/2015

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here