1.2 C
Venezia
domenica 17 Gennaio 2021

Fischi a San Siro. Ancora, con il pareggio Inter Chievo

Home Calcio Fischi a San Siro. Ancora, con il pareggio Inter Chievo
sponsor

fischi san siro inter chievo

sponsor

Quest’anno San Siro sembra che sia abbonato ai fischi (tra Inter e Milan). Sono rare le partite in cui l’ex Scala del calcio non accompagna così l’uscita dei giocatori a fine partita.
Inter – Chievo ieri in campo, e ancora fischi per l’Inter che si deve accontentare di un solo punto e sciupa forse l’ultima occasione per agganciare la zona Europa League.

commercial

La sconfitta del Genoa nel match delle 12.30 aveva aperto le porte ai nerazzurri verso il definitivo rilancio in classifica. Ma a quattro partite dalla fine del campionato, l’Inter resta ancorata all’ottavo posto a quota 49 punti. Eterna incompiuta, fallisce la prova di maturità.

E se ha ragione Mancini che alla vigilia aveva detto: “La gara di domani sarà fondamentale per l’Europa”, allora le speranze dei nerazzurri si riducono drasticamente. Il calendario è proibitivo: domenica i nerazzurri saranno impegnati all’Olimpico contro la Lazio, la settimana successiva c’è il derby d’Italia.

L’occasione per far punti era proprio la gara contro il Chievo, ma l’Inter non sfrutta l’opportunità. L’approccio alla gara dei padroni di casa è poco aggressivo ed incisivo, costruiscono tanto ma non riescono a concretizzare. Il Chievo copre bene gli spazi e si fa pericoloso nella ripresa, l’Inter è prevedibile e manca il salto di qualità.

Così con un palo colpito da Icardi e una traversa centrata da Biraghi, il risultato è tutto sommato giusto. Contro un Chievo compatto e ordinato, che unisce al fiato la grinta della provinciale, servirebbe il guizzo dei giocatori di talento.

Ma come afferma anche l’allenatore dopo la gara: “Icardi è stato un po’ sottotono. E Shaqiri e Podolski sarebbero dovuti essere un po’ più precisi e inventare qualcosa”. Invece in attacco è mancata precisione e l’Inter ha cercato più la conclusione dalla distanza che l’azione corale.

Sarebbe bastato alzare i ritmi di gioco e provare a cambiare più volte fronte d’azione, ma i nerazzurri sono ancora macchinosi. Il pubblico, con il passare dei minuti, si infastidisce. Fino ai fischi finali, gli ennesimi in una stagione che resta deludente.

Il Chievo, tutto sommato, ha fatto una gara intelligente. Già nei primi minuti di gara si limita a difendere, pressando il portatore di palla senza lasciare tempo di ragionare all’avversario. L’Inter è qualitativamente più competitiva e si porta subito avanti.

Al 6′ Palacio recupera palla dalla linea del fallo laterale, serve Guarin che prova la conclusione, ma il tiro finisce poco a lato. Il colombiano ci riprova poco dopo ma manca ancora precisione. Al 19′ l’occasione più limpida dei padroni di casa: cross di Juan Jesus, Icardi supera tutti in elevazione e prova di testa colpendo però il palo.

L’Inter costruisce, manovra, ma non riesce a sbloccare la partita. Dalla panchina Mancini mette in guardia: “Siamo lenti e prevedibili”. Il Chievo concede pochissimo, fa buona guardia e usa bene il fuorigioco.

Nella ripresa i veneti si fanno più coraggiosi e intraprendenti. Ed è bravo Vidic al 4′ a respingere un cross pericoloso di Biraghi. Si spende molto, come sempre, Palacio: sacrificio che andrebbe premiato al 14′ dopo una grande azione personale, ma Radovanovic nega la gioia con un intervento in scivolata.

Il Chievo, però, cresce e tocca ad Handanovic – il migliore in campo per l’Inter – a salvare il risultato. Prima su Izco al 19′, poi al 25′ su Meggiorini e ancora su Paloschi tre minuti dopo.

Mancini nella ripresa prova a sconvolgere gli equilibri inserendo Shaqiri e Podolski, ma i due non riescono a sfruttare l’opportunità. Ci prova Icardi al 34′ con una rovesciata, molto spettacolare ma poco efficace.
Il finale è concitato, entrambe le squadre vorrebbero di più. E al 40′ il Chievo ci va vicinissimo con Biraghi che colpisce la traversa.

In pieno recupero, poi, ennesimo calo di attenzione dell’Inter che mette tutto a rischio: Paloschi vola tra le linee difensive e Ranocchia rischia tantissimo con un intervento.

Dalla panchina le urla di Mancini: “Dove c…o vai?”. Finisce 0-0 e il pubblico di San Siro si lascia andare ancora una volta ai fischi.

Roberto Dal Maschio

04/05/2015

Riproduzione vietata

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando...

La morte di Daiana, 28 anni, mentre cammina in Strada Nova, sconvolge Venezia

La morte di Daiana, 28 anni, ha sconvolto la città. Già quando si riferiva di un improvviso malore per la giovane donna, mentre si...

Un Campagnolo a Venezia: la venezianità vista da un Millennial boy. Lettere

UN CAMPAGNOLO A VENEZIA: la venezianità vista da un Millennial boy Fin dai primi giorni di scuola superiore nel centro storico veneziano, il biglietto da...

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo. Ultima ora

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo domani. La norma è contenuta nella bozza del nuovo Dpcm. Via libera a crociere navi italiane. Le...

Whatsapp cede dati a Facebook? Fuga di utenti in massa: sospeso tutto per tre mesi

Whatsapp cede i dati a Facebook? Sul punto c'è una gran confusione, dice l'azienda di messaggistica, ma ormai il l'allarme era partito tra i...

Mestre, sabato ore 18: centinaia per lo spritz senza mascherina [video]. Lettere

Mestre, sabato sera: poche ore fa. Il video parla da solo. La segnalazione del lettore questa volta produce le prove incontrovertibili di come (alcuni) giovani se...
commercial

Accumulatore scomparso, lo trovano morto sotto metri di abbigliamento

Accumulatore scomparso da giorni, i pompieri lo trovano morto sotto alcuni metri di abbigliamento. Oggi pomeriggio, venerdì 15 gennaio 2021, i vigili del fuoco sono...

Coronavirus a Venezia arretra. Addio a madre e figlio di Cavallino-Treporti

Coronavirus a Venezia che mostra un arretramento, come un'onda di marea che si ritrae, sperando definitivamente. 135 nuovi casi in 24 ore: un numero significativo,...

È morta Gina Smerghetto, la mamma del falconiere Ivan Busso

È morta ieri, venerdì 15 gennaio, Gina Smerghetto di 65 anni. È scomparsa poco prima della celebrazione del funerale del figlio Ivan Busso, il...

Il virus torna a scuola: classi che riprendono subito fermate (due a Venezia)

La scuola è ripartita ma nella provincia di Venezia ben otto classi sono state fermate dopo la pausa natalizia. Sono quelle in cui ha...

Coronavirus Venezia, quasi 10% di ricoveri in più in 3 giorni a Venezia e Mestre

Coronavirus Venezia e provincia che è ormai diventato come tirare i dadi ogni giorno. Al trend segnalato ieri con un leggero rallentamento dei numeri,...

Donna dimessa a piedi dal pronto soccorso di notte (poi morta), Lihard: verificare responsabilità

Il Movimento per la difesa della Sanità Pubblica Veneziana è venuto a conoscenza della dolorosa trafila, conclusasi tragicamente, di una signora colta da malore...
sponsor

Venezia surreale per il covid. La basilica di San Marco diventa “faro”

Di Giorgia Pradolin E' un meraviglioso set a luci spente Piazza San Marco. Vuota e immersa nel silenzio, tranne l'eco di qualche passo sui masegni,...

È morto Ivone Pitteri della Taverna Brenta di Oriago

È scomparso ieri, domenica 10 gennaio, il titolare della Taverna Brenta di Oriago di Mira, Ivone Pitteri, a 60 anni. Era conosciuto e stimato....

Covid martedì in Veneto: numeri pesantissimi. Prima regione d’Italia per nuovi contagi

Covid oggi in Veneto che si apre con un dato molto pesante. Il numero dei morti per Covid-19 in Veneto registra oggi, martedì, 166 decessi...

Quando finisce il Grande Fratello VIP? La conferma di Signorini

Dopo un primo allungamento all'8 febbraio e le successive voci che parlavano di "finale il 15 febbraio", nell'ultima puntata di GF VIP Party Alfonso...

Dati Covid Veneto oggi in calo. Flor “gela” Crisanti

Dati del Covid in Veneto oggi in calo nel bollettino odierno della Regione del Veneto. I nuovi contagi nelle ultime 24 ore sono 1.715,...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati
commercial

Nuovo Dpcm: altra stretta, ma è scontro con le Regioni

Nuovo Dpcm, in arrivo un'altra stretta. Si andranno a modificare i coefficienti ma il focus sarà anti-movida con un ulteriore stop agli spostamenti. Il nuovo...

Crisanti: “Variante Inglese responsabile in Veneto? Bloccare Regione!”

Andrea Crisanti: "Variante Inglese responsabile in Veneto? Bloccare Regione subito!". Il professore di Microbiologia all'Universita' di Padova "legge" le ultime dichiarazioni del governatore Luca...

Baby Gang in tram, Sambo: “Dov’è finito il piano educativo?”. Lettere

Baby Gang in tram. (Riceviamo e pubblichiamo). Ieri è andato in scena l'ennesimo episodio di violenza ad opera di adolescenti. Gli adulti, in particolare quegli adulti che...

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...

Operazione ‘Onda Lunga’: alberghi e appartamenti a Venezia con traffici dei ‘Permessi di Soggiorno’

Operazione 'Onda Lunga' della Divisione Anticrimine della Questura di Venezia: sequestri per oltre un milione di euro. Nella mattinata di oggi si è infatti svolta...

Coronavirus Venezia, altri 12 morti in un giorno. Ulss 3 Serenissima vaccina più di tutte

Coronavirus Venezia e provincia: numeri dei nuovi contagiati in calo rispetto alla media giornaliera. Un dato che da speranza nonostante la fisiologica diminuzione di...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.