11.1 C
Venezia
sabato 23 Gennaio 2021

I figli, i bambini, sono le altre vittime di un femminicidio. Di Andreina Corso

Home Violenza contro le donne I figli, i bambini, sono le altre vittime di un femminicidio. Di Andreina Corso
sponsor

Marocchino arrestato per abusi sessuali su figlia della convivente. Lei aveva meno di 10 anni

sponsor

Il Governo, un decreto per i figli orfani delle vittime del femminicidio. E noi.

commercial

Pur con colpevole ritardo, il decreto ministeriale a favore dei figli orfani di madri ammazzate dal loro padre o dal compagno, è uscito dalle aule parlamentari e si appresta a un’immediata applicazione. L’ha annunciato il ministro dell’Economia Gualtieri.

Sono dodici milioni stanziati per finanziare borse di studio, sostenere spese mediche, formazione e inserimento al lavoro rivolte a ‘loro’, vittime del carnefice che li ha privati della madre.

Nulla sarà come prima per un bambino che ha vissuto quella tragedia, il mondo intorno cambia, tutto muta, anche il colore del cielo. Si spegne la fiducia negli altri, nella vita, eppure lui, lei, con quei pochi anni sulle spalle violati, con il cuore preso a sassate, devono andare avanti lo stesso, con quell’ergastolo esistenziale fatto di dolore, rabbia e risentimento.

Spesso, prima del femminicidio, i bambini a scuola rivelano il loro malessere, sono stanchi, svogliati, talvolta sgarbati, oppure tristi, di una tristezza malata, indefinita e infinita, sapendo che il loro ritorno a casa non sarà sereno. Urla, litigi, botte, che i loro occhi innocenti vedono infierire sul corpo della madre. Vorrebbero aiutarla, ma non ce la fanno, si chiudono in una stanza e si sentono in colpa per non averla difesa. Qualche volta i figli più grandi, hanno tentato di fronteggiare il padre, di impedirgli di avvicinarsi alla madre e anche loro sono stati picchiati con furia omicida.

E il mattino dopo, a scuola, questi bambini, quegli adolescenti diranno che sono caduti dalle scale, o che sono inciampati contro un armadio, difficile che parlino, hanno paura e devono anche affrontare lo studio, per evitare di essere rimproverati dagli insegnanti.

Sconfitta su sconfitta, questa la loro vita, anche prima del peggio.

Poco si parla e si dice, a scuola, di questi bambini. Poco si sa e si fa. Che ne sappiamo di quel processo lungo e tormentato di un bambino che respira violenza in casa e che a scuola, fra i banchi dell’aula mostra irrequietezza, è distratto, non si applica, non ascolta, con il risultato di trovarsi tutte queste cose scritte sulla scheda di valutazione, che la madre riceverà dalle mani degli insegnanti. Ci si immagina un dialogo imbarazzante, un ragionamento fra sconosciuti, un vuoto non colmato tra la vita della scuola e la vita che c’è.

Signora, suo figlio è troppo distratto, si muove in continuazione, non segue le lezioni, non fa i compiti.
Sì, è vero, a casa gli parlo, cerco di fargli capire l’importanza della scuola.
Signora, forse è un disturbo dell’attenzione, non sarebbe il caso di farlo aiutare, consultare qualcuno, magari uno psicologo?
Va bene, ci penso e poi le so dire.

Nel salutare l’insegnante, la madre sente che vorrebbe parlare, dire la verità, comprende che dovrebbe forse spiegare, raccontare, avrebbe bisogno di un rapporto umano. Ma come si fa, come si può scavalcare il muro della paura, della vergogna di trovarsi a vivere una situazione così brutta che ricade purtroppo sul figlio. Si sente morire, ma sceglie di non dire niente.

La madre è appena fuori scuola, quando incontra le madri dei compagni di classe di suo figlio. Una di loro le si avvicina e si lamenta che a causa di ‘suo figlio’, il programma non va avanti, le dicono che alza le mani, risponde male e dice parolacce.

La madre, umiliata e ferita, promette, anche a loro che gli parlerà e insieme comprende perché suo figlio non è mai invitato alle feste di compleanno dei compagni.

La madre rientra a casa, guarda suo figlio e non gli dice niente. Sa che si avvicina il momento del rientro a casa di quell’uomo che ancora turberà la loro vita. La scheda di valutazione la nasconde fra la biancheria in camera da letto. Prepara la tavola e accarezza suo figlio, prima piano, poi lo stringe forte, senza parole.

Quella stretta potrebbe essere l’ultima, perché quello che sarebbe suo marito secondo la legge, ha promesso che prima o poi l’ammazzerà, che a casa comanda lui e lei deve ubbidire e basta.

I vicini si sono abituati alle urla della donna, soprattutto di notte, ma le pareti che dividono le case, non sono dure quanto quelle dei cuori che scelgono di non intervenire, che non chiamano la polizia, che non sanno mai niente.

Non hanno sentito niente, quegli ignavi che Dante ha spedito in Inferno, che agli odiosi microfoni di cronisti pronti a tutto e con il pelo sullo stomaco, una volta che la madre è stata ammazzata, diranno che andava tutto bene, che lui, l’assassino, sembrava una brava persona.

Ora vien da chiedersi quanti e quali siano i silenzi che ricadono sulla vita di chi si sente in pericolo, quante e quali siano le motivazioni per prevenire, aiutare una famiglia con questi problemi.

Qualche bambino può contare sui nonni, sui parenti. Altri vengono affidati a famiglie che li possano amare, curare, accoglierli nella loro vita.

Mi ha colpito il titolo del libro di Ivano Dionigi: “Quando la vita ti viene a trovare” e parla di Lucrezio, Seneca e noi. Una riflessione profonda sulla vita “che ci viene a trovare”. E subito ripenso a quei bambini, che magari quando saranno più grandi potranno approfittare del dono in denaro previsto da quel decreto ministeriale che faciliterà alcuni momenti della vita che sarà, quando sarà ancora lei, la vita, ad andarli a trovare. Forse porterà dei doni, chissà.

Una gratitudine commossa nel titolo del libro di Dionigi mi fa pensare al perché i bambini siano visitati da tanta crudeltà e perché tutto non si spezza o si ricompone quando succedono fatti tremendi.

Invece tutto continua come prima, la sfortuna perseguita gli infelici e se questi ultimi sono bambini, il mondo non li vede, non ce la fa, la famiglia non ha forza, la scuola non ha i mezzi e le risorse per muoversi a loro favore.

Sì, il mondo va avanti, anzi, indietro, quando la vita ci viene a trovare.

Andreina Corso

(per approfondire: “femminicidio“)

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor
sponsor

Altri titoli

Venezia rialza la testa: si girano tre film

Venezia rialza la testa, al via le produzioni cinematografiche in città. Ciak, si gira. La laguna vuota e semideserta diventa un...

Whatsapp cede dati a Facebook? Fuga di utenti in massa: sospeso tutto per tre mesi

Whatsapp cede i dati a Facebook? Sul punto c'è una gran confusione, dice l'azienda di messaggistica, ma ormai il l'allarme era partito tra i...

Mestre, sabato ore 18: centinaia per lo spritz senza mascherina [video]. Lettere

Mestre, sabato sera: poche ore fa. Il video parla da solo. La segnalazione del lettore questa volta produce le prove incontrovertibili di come (alcuni) giovani se...

“Il Carnevale di Venezia 2021 si farà”: ma come? Tutti gli scenari della kermesse

Tra un paio di settimane avrà inizio il Carnevale di Venezia 2021 mentre aumentano le incognite sulla sua organizzazione. Nel Carnevale 2020 ci fu...

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente. Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in...

Coronavirus a Venezia arretra. Addio a madre e figlio di Cavallino-Treporti

Coronavirus a Venezia che mostra un arretramento, come un'onda di marea che si ritrae, sperando definitivamente. 135 nuovi casi in 24 ore: un numero significativo,...
commercial

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando...

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo. Ultima ora

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo domani. La norma è contenuta nella bozza del nuovo Dpcm. Via libera a crociere navi italiane. Le...

Oltre 400 daspi a Venezia nel 2020, ritirate 83 patenti

Oltre 400 daspi urbani a Venezia nel 2020. Il Comando generale della Polizia locale di Venezia informa che, in occasione della festività di San Sebastiano,...

È morta Gina Smerghetto, la mamma del falconiere Ivan Busso

È morta ieri, venerdì 15 gennaio, Gina Smerghetto di 65 anni. È scomparsa poco prima della celebrazione del funerale del figlio Ivan Busso, il...

Venezia deserta per il Covid, ecco Rialto di domenica [VIDEO]

Venezia deserta per il Covid, con un video vi mostriamo la zona di Rialto oggi pomeriggio, domenica 17 gennaio 2021. Sono immagini tristi e nel...

L’Isola dei Famosi 2021, i concorrenti: indiscrezioni su 47 possibili naufraghi

Il Grande Fratello VIP non è finito, anzi, ancora non è chiaro quando andrà in onda la finale. Nel frattempo già si parla del...
sponsor

23 persone morte dopo il vaccino in Norvegia. Pfizer: “Incidenti in linea con previsioni”

23 persone morte dopo il vaccino in Norvegia. Di più: la definizione testuale dice: "La Norvegia registra 23 morti 'legate alla vaccinazione' ". L'agenzia del...

Mestre: all’esame di guida manda l’amico, tanto è nigeriano come lui

Mestre: all'esame di guida manda l'amico. Così un terzo si è sostituito al connazionale per sostenere l’esame teorico di guida. Ma è andata male...

Crolla a terra a San Giovanni Grisostomo, malore fulminante

Verosimile malore fulminante a San Giovanni Grisostomo, a Venezia, ieri sera. Un uomo che stava passeggiando è improvvisamente crollato a terra probabilmente colto da un...

Donna dimessa a piedi dal pronto soccorso di notte (poi morta), Lihard: verificare responsabilità

Il Movimento per la difesa della Sanità Pubblica Veneziana è venuto a conoscenza della dolorosa trafila, conclusasi tragicamente, di una signora colta da malore...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

È morto anche il papà del falconiere, Gianni Busso

Nella notte tra lunedì e martedì è morto Gianni Busso, di 72 anni, all'ospedale dell'Angelo di Mestre, dov'era ricoverato dall'11 dicembre scorso per il...
commercial

Veneto prossima settimana in zona arancione o gialla. Zaia: «Sicuramente non rossa»

Sono 1359 i positivi nelle ultime 24 ore in Veneto con l'incidenza dei contagi al 3%. Non avendo più con la nuova circolare la...

Esplode la casa, morti due anziani. Forse colpa perdita Gpl dello stabile

Padova, San Giorgio in Bosco, teatro della tragedia di questa mattina legata agli impianti di riscaldamento. A causa dello scoppio e conseguente incendio nell'appartamento, due...

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...

Virus, c’è una nuova “variante”. Bloccati tutti voli dal Brasile

Virus, c'è una nuova "variante" dopo quella definita "variante inglese". Altrettanto maggiormente aggressiva e pericolosa? Le uniche cose certe al momento sono che l'Italia ha...

Nuovo Dpcm voce per voce. Zone gialle, arancione, rosse: cosa si può e non si può fare

Nuovo Dpcm voce per voce. E' aperta la scuola? Posso muovermi da casa? Il nuovo Dpcm, ovvero: cosa è consentito e cosa è vietato nell'Italia divisa...

Hanging Challenge e i ragazzini su TikTok si stringono una cinta al collo. Morta bimba di 10 anni

Hanging Challenge è il nome di quest'ultima aberrazione. E' una 'sfida', le chiamano 'challenge', ed è l'ultima arrivata tra quelle lanciate sui social per provocare...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.