martedì 18 Gennaio 2022
7.5 C
Venezia

Feto trovato in un cassonetto. Di età gestazionale di 5 mesi, era in un borsone

HomeNotizie VenetoFeto trovato in un cassonetto. Di età gestazionale di 5 mesi, era in un borsone

Feto trovato in un cassonetto. Di età gestazionale di 5 mesi, era in un borsone

Un feto di circa 4-5 mesi è stato trovato in un cassonetto delle immondizie del cimitero di Tempio di Ormelle.
Un corpicino sporco di sangue avvolto in un lenzuolo e rannicchiato all’interno di un borsone sportivo, tra asciugamani e sacchettini di plastica. E’ questa l’immagine straziante che si sono trovati davanti agli occhi i carabinieri allertati dai collaboratori del parroco di Tempio di Ormelle che ieri mattina, mentre stavano cambiando i fiori del cimitero.

A scoprirlo un collaboratore del parroco della chiesa di San Giacomo che si occupa di tenere l’area in ordine. L’uomo ha notato nel cassonetto uno zaino e, nel tirarlo fuori, ha sentito che era pesante e ha notato sul tessuto una estesa macchia di sangue.

Il parroco ha chiamato i carabinieri che hanno aperto lo zaino trovando il feto avvolto in un lenzuolino.

I militari indagano a tutto campo: sarà eseguita l’autopsia sul corpicino per determinare l’età gestazionale e le cause della morte, per accertare se questa sia avvenuta dentro o fuori l’utero materno.

Il parroco don Corrado, impietosito, ha voluto dare il nome della sua chiesa, Giovanni, al feto che poi è stato portato via dai militari e affidato al medico legale.

Del fatto è stata informata la magistratura trevigiana che dovrà conferire l’incarico per l’autopsia.

Nel frattempo i carabinieri hanno passato a setaccio vari ospedali e alcune farmacie per verificare se qualche donna abbia chiesto medicinali o altro che possa far pensare ad una post gravidanza. Finora le ricerche non hanno sortito alcun esito.

Tra le ipotesi formulate dagli inquirenti anche quella che si possa trattare di un caso di aborto spontaneo.

Paolo Pradolin | 01/05/2016 | (Photo d’archive) | [cod ormefe]

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Ecco cosa si prova ad andar via dalla Venezia in cui si è nati. “Le lacrime durante il trasloco”. Lettere

In risposta alla lettera: “Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai veneziani di adesso”. Di G.A. & D. Pugiotto La marsaria Quela matina del febraro sesantaoto Xe ga Liga la barca del Mario in fondamenta, e col careto del osto, che spussa de...

No Vax passano alle minacce: lettera con proiettile a dottoressa di Padova

No Vax passano alle minacce: l'immunologa Viola a Padova finisce sotto scorta a causa di una lettera con proiettile. C'è grande riserbo dagli inquirenti ma si è saputo che la lettera di minacce No vax conteneva un proiettile ed è stata...

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

Sciopero Actv a Venezia: la gente “assalta” il motoscafo che fa finecorsa [video]

Qualcuno a bordo già lo sospettava: quel motoscafo era "anonimo", cioè senza cartello di linea. In più, ad ogni fermata precedente (Tre Archi, Madonna dell'Orto, ecc..), il marinaio ripeteva diligentemente "Solo Fondamente Nove", quindi assomigliava in tutto e per tutto ad...

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

Lido, in una laterale del Lungomare all'altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c'è...

Weekend di sofferenze a Venezia. Alla Celestia visitatori della Biennale opprimono i residenti

L'ultimo weekend a Venezia ha portato un flusso eccezionale di persone. I numeri ufficiali si sapranno più avanti ma per chi abita in città non ce n'è bisogno: la prima settimana estiva ha visto la città assalita da turisti, vacanzieri e...

“C’è l’obbligo di vaccinazione, perché non posso scegliere il Novavax?”. Lettere

Siamo a gennaio 2022 ( i commenti che ho letto sono molto più vecchi). Non mi sono ancora vaccinata perché, vedendo anche brutte conseguenze post vaccino su alcune persone a me conosciute ( direttamente o indirettamente) a me questa Terapia genica...

Musei Civici Veneziani, grave attacco a lavoratrici e lavoratori

Nei Musei Civici Veneziani si aggrava l’attacco alle lavoratrici e ai lavoratori dei servizi in appalto, con l’annuncio delle cooperative Coopculture e Socio Culturale della disdetta dei contratti integrativi aziendali. Ancora una volta l'unica strategia che le aziende intendono attuare è quella...

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

Niente vaporetti senza GP: “La situazione qui a Burano è tragica”. Lettere

Con riferimento all'articolo "Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv", riceviamo e pubblichiamo. La situazione nell’isola di Burano è tragica!! Una parte degli isolani è letteralmente sequestrata in isola. Non è possibile fare un tampone...