lunedì 17 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

Festa del Redentore, domani apre il Ponte Votivo che è in fase di completamento [foto]. Tutte le celebrazioni

HomeRedentoreFesta del Redentore, domani apre il Ponte Votivo che è in fase di completamento . Tutte le celebrazioni

ponte votivo madonna della salute di venezia
Sarà aperto domani il Ponte Votivo per la festa del Redentore, che in queste ore, come vi mostriamo, è in fase di completamento.

Il tempo di pandemia da coronavirus condiziona ma non ferma la comunità ecclesiale e civile di Venezia che si appresta a rivivere, in particolare nella giornata di domenica 19 luglio 2020, la festa del Redentore, sempre sentita e attesa al di là delle modalità necessariamente speciali di quest’anno: da quasi quattro secoli e mezzo, in tale circostanza, migliaia di fedeli attraversano il canale della Giudecca in pellegrinaggio per sciogliere l’antico voto, che risale al XVI secolo, quando la città lagunare fu colpita da una terribile peste (1575 -1577).

Domani, venerdì 17 luglio 2020, alle 19.45 in occasione della Festa del Redentore, si svolgerà la tradizionale inaugurazione del Ponte Votivo, che collega le Zattere con la chiesa del Redentore all’isola della Giudecca, alla presenza del sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, del Patriarca di Venezia, Francesco Moraglia, e delle massime autorità cittadine.

L’apertura ufficiale al pubblico (lato Zattere) sarà invece la sera, dalle ore 20.30.

IL PONTE VOTIVO

Lungo quasi 334 metri e largo 3,6 metri, il ponte poggia su due galleggianti in Canal Grande ed è una tradizione per Venezia che ritorna in alcune delle sue feste più importanti, come la Madonna della Salute, il Redentore e, negli anni, anche per la la Venice Marathon.

Lo scorso novembre il ponte si è rivisto anche per collegare le Fondamente Nove con l’isola di San Michele in occasione della settimana per la commemorazione dei defunti, come accadeva prima degli anni ’50.

Nelle immagini scattate questa mattina, 16 luglio 2020, il ponte Votivo è ancora in fase di costruzione: la sua struttura, realizzata su incarico del Comune di Venezia da Insula, è composta da 16 moduli galleggianti in legno e acciaio, ancorati da pali in acciaio zincato. Ogni modulo galleggiante è costituito da un elemento d’impalcato di 19 x 3,8 metri, sorretto da due galleggianti.

ponte votivo redentore

Il ponte Votivo sarà illuminato da 140 lampade, comprensive di luci d’emergenza e a sorreggerlo vi sono 34 barche.

Passerelle basculanti consentono l’accesso dalle fondamenta con ogni condizione di marea e un varco largo 10 metri permette il passaggio dei mezzi pubblici e di pronto intervento. La modularità ne consente l’impiego per altre manifestazioni: la struttura è utilizzata anche per realizzare l’attraversamento del Canal Grande durante la festa della Salute e della Venice Marathon.

Il ponte resterà aperto al pubblico dalle ore 20.30 di venerdì 17 luglio alla mezzanotte di domenica 19 luglio.

Venezia rinnova l’antico voto, anche in tempo di pandemia. Domenica sera, alle ore 19, è infatti confermata la Messa solenne con il Patriarca Moraglia (in diretta tv e streaming)

LE CELEBRAZIONI
· Venerdì 17 luglio, alle ore 19.45, l’apertura ufficiale del ponte votivo che attraversa il canale della Giudecca, alla presenza delle autorità cittadine

· Nella serata di venerdì confluisce al tempio del Redentore il pellegrinaggio (semplice, con piccoli gruppi distanziati o anche singolarmente) proposto ai giovani da Azione cattolica e Pastorale giovanile diocesana

· Domenica 19 luglio, alle ore 19.00, la Messa solenne con l’omelia del Patriarca (ingresso fino ad esaurimento posti disponibili in chiesa e con diretta tv e streaming)

· Il programma delle celebrazioni (necessariamente condizionate dalle norme sanitarie e di sicurezza oggi vigenti) e le origini della festa del Redentore

Redentore, Concerto di Musica Sacra a Venezia, Chiesa del S.S. Redentore

Domenica 19 luglio, nella Basilica del SS. Redentore e con inizio alle ore 19, si terrà la solenne concelebrazione eucaristica presieduta dal Patriarca di Venezia Francesco Moraglia alla presenza delle autorità cittadine; al termine della celebrazione (che dovrà sempre rispettare le norme vigenti circa capienza, distanziamenti ecc.) ci sarà la benedizione eucaristica alla città dall’esterno del tempio.

Al momento dell’omelia il Patriarca Moraglia pronuncerà un’articolata riflessione – offerta in particolare alla Chiesa e alla città di Venezia – che sarà poi possibile reperire, in versione integrale, sul sito diocesano del Patriarcato. Tale celebrazione sarà trasmessa in diretta televisiva su Antenna 3 Nordest (canale 13 del digitale terrestre) e in streaming su Gente Veneta Facebook.

APPUNTAMENTI RELIGIOSI
L’attuale tempo di pandemia, con le relative disposizioni e norme a tutela della salute delle persone, comporta qualche modifica anche negli appuntamenti prettamente religiosi della festa del Redentore.

Nella basilica alla Giudecca, domenica 19 luglio le Messe sono previste alle ore 8.00 – 10.00 – 12.00 – 15.00 – 17.00 – 19.00 (solenne).

L’ingresso in chiesa dei fedeli sarà possibile solo fino all’esaurimento dei posti disponibili in base alle norme vigenti (e per il tempio del Redentore queste limitano la capienza a poco più di un’ottantina di posti). La stessa liturgia della Messa solenne serale, presieduta da Patriarca Francesco Moraglia, sarà necessariamente più sobria: in particolare non vi sarà processione d’ingresso (e poi d’uscita) all’esterno della chiesa; anche l’adorazione eucaristica finale si terrà all’interno mentre solamente il Patriarca – come già aveva fatto durante il periodo di emergenza (lockdown) – uscirà, al termine della Messa, per impartire la benedizione eucaristica alla città.

monsignor moraglia patriarca venezia tondo nostra

Venerdì 17 e sabato 18 luglio, inoltre, nella basilica del Redentore la celebrazione eucaristica sarà celebrata alle ore 18.30; non vi sarà ovviamente la tradizionale messa notturna, poco dopo la mezzanotte, al termine dei fuochi d’artificio in quanto – com’è noto – quest’anno non si potranno effettuare.

Nella serata di venerdì 17 luglio, infine, confluirà al tempio del Redentore il pellegrinaggio proposto da Azione cattolica e Pastorale giovanile ad adolescenti e giovani ma aperto a tutte le persone interessate (v. nota qui sotto). Non si potranno tenere, invece, la pesca di beneficienza che veniva organizzata solitamente nei locali parrocchiali a fianco della chiesa né le tradizionali opportunità di visita al convento del Redentore durante i giorni della festa.

GIOVANI “INCONTRO AL REDENTORE”
E’ la proposta di Azione cattolica e Pastorale giovanile per un pellegrinaggio tutto veneziano: venerdì 17 luglio (dalle ore 20.30 alle 23).
Un pellegrinaggio molto semplice e “libero” nelle modalità, anche e soprattutto per rispettare le norme vigenti a tutela della salute e non creare, quindi, alcun rischio di assembramento.

La proposta – del settore Giovani di Azione cattolica e della Pastorale giovanile diocesana – per la sera di venerdì 17 luglio, dalle ore 20.30 alle 23.00 circa, è rivolta ad adolescenti e giovani ma è aperta a tutti. Ed avrà pure come ospite straordinario – attraverso una video testimonianza – Sammy Basso, il giovane di 25 anni affetto dalla malattia genetica della progeria, che è allo stesso tempo impegnato in una ricerca avanzata per curare questa e altre patologie.

Il pellegrinaggio si concretizzerà così: si parte a piccoli gruppi o singolarmente, dalla Scuola Grande di San Rocco, nella fascia oraria dalle ore 20.30 alle 21.30. I pellegrini potranno accedere agli spazi della Scuola Grande di San Rocco per una prima tappa che consiste in una videocatechesi della professoressa Ester Brunet e da qui si sposteranno verso la chiesa di Santa Maria del Rosario alle Zattere (Gesuati) dove saranno accolti da alcuni volontari che illustreranno alcune opere d’arte sacra del ciclo iconografico.

Sempre in quest’ultima chiesa vi sarà la possibilità di ascoltare la testimonianza di Sammy Basso e saranno presenti, inoltre, dei sacerdoti disponibili per il sacramento della riconciliazione. Tutti sono poi invitati a raggiungere a piedi l’isola della Giudecca, utilizzando il ponte votivo, per completare il pellegrinaggio presso la chiesa del Redentore dove il gruppo degli evangelizzatori di Venezia organizza, in serata, una veglia eucaristica di preghiera.

FESTA DEL REDENTORE, LE ORIGINI
Nel triennio 1575 – 1577 la Serenissima fu scossa dal flagello della peste. Favorito dall’altissima concentrazione di abitanti, il morbo serpeggiò a lungo e causò moltissime vittime: quasi 50.000, più di un terzo della popolazione. Il Senato, il 4 settembre 1576, deliberò che il Doge dovesse pronunciare il voto di erigere una chiesa dedicata al Redentore, affinché intercedesse per far finire la pestilenza. Ogni anno la città avrebbe reso onore alla basilica, nel giorno in cui fosse stata dichiarata libera dal contagio.

Il 13 luglio 1577 la pestilenza fu dichiarata definitivamente debellata e si decise di festeggiare la liberazione dalla peste la terza domenica del mese di luglio, con una celebrazione religiosa e una festa popolare.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...

Mauro da Mantova, no vax “untore”, non dà segni di miglioramento

Mauro da Mantova, no vax-"untore", noto per le sue partecipazioni radiofoniche al programma "La Zanzara", ricoverato ormai da 4 giorni in terapia intensiva, non dà segni di miglioramento, le sue condizioni permangono ancora gravissime a causa del Covid. Una decina di giorni...

Polmonite Bilaterale da Covid, ricoverata in rianimazione. Ha sette mesi

A sette mesi ha il Covid ed è ricoverata in rianimazione. Alla piccola viene assicurata la migliore assistenza possibile, per questo è stata trasferita dalla Calabria a Roma. La piccola ha soli sette mesi ed è ricoverata in terapia intensiva perché contagiata...

“Far pagare spese sanitarie a chi non si vaccina: proposta oscena”. Lettera

La proposta di far pagare le cure sanitarie a chi si ammala dopo aver rifiutato il vaccino è oscena: "E le altre malattie?"

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

“Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”: un sondaggio per conoscersi e un comitato per il sostegno

Tra il serio e il faceto, “Tutta la Città Insieme!” lancia il Comitato FaVeRAT - “Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”. Per aderire, chiede di rispondere ad un sondaggio ed inviare racconti su come si convive con strutture ricettive nel proprio condominio...

“Alle vetrerie di Murano 3 milioni, anche ai furbetti, quelli che evadono milioni di euro”. Lettere

In riferimento all'articolo: "Fornaci di Murano ‘salvate’ dalla Regione". Lettere al giornale. Io penso che: …ma come, le vetrerie di Murano vengono finanziate con tre milioni di euro, dopo che più di qualcuna, da quanto leggo su quotidiani locali,   è stata “pizzicata” ad...

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

Green Pass obbligatorio: quali sono le regole

Green Pass obbligatorio, la guida: tutte le regole. Dove non si entra senza, come procurarselo, quanto dura, ecc...