Fermato per controllo si denuda, ladra sputa in faccia: la lunga giornata della Polizia Locale

Ennesima giornata impegnativa per la polizia locale quella di ieri, che al termine delle attività di sicurezza urbana e stradale ha tratto in arresto una persona per rapina impropria, ha sanzionato un uomo per atti contrari alla pubblica decenza, ha denunciato un conducente per resistenza e rifiuto delle generalità e ha ritirato la patente a un altro guidatore per possesso di stupefacenti. Numerose anche le sanzioni per violazioni al codice della strada.

La lunga giornata degli agenti di Polizia Locale inizia ieri mattina verso le 10.45.
Gli agenti del Nucleo Operativo e della Sezione di Piazzale Roma hanno tratto in arresto una donna italiana per il reato di rapina impropria. La donna, nota alle forze dell’ordine per precedenti di polizia, aveva infatti sottratto in un supermercato di Piazzale Roma articoli di vario tipo per un valore di 120 euro. Fermata all’uscita del negozio da un addetto alla vigilanza, la donna ha reagito minacciando di spaccargli in testa la bottiglia di birra che teneva in mano. Ha inoltre sputato in faccia al vigilantes e gli ha graffiato un braccio. E’ quindi fuggita verso piazzale Roma, dove è stata fermata dagli agenti di polizia locale. La ladra è stata quindi dichiarata in arresto e questa mattina è comparsa davanti al giudice per la convalida dell’arresto. Misura convalidata e udienza fissata per maggio; nel frattempo l’imputata dovrà presentarsi per tre volte alla settimana alla polizia giudiziaria.

Sempre nel pomeriggio di ieri a piazzale Roma, verso le ore 15.45, un operaio edile di Santa Maria di Sala ha avvicinato gli agenti di polizia locale impegnati nel servizio viabilistico esponendo alla pubblica vista i genitali. Ad una richiesta di spiegazioni, l’uomo ha manifestato evidenti segnali di ubriachezza. Una volta raggiunto il vicino Comando, è scattata una sanzione di circa 3500 euro.

ASSOCIAZIONE LA VOCE DI VENEZIA 5X1000

L’attività della Polizia locale ha visto poi tra le 20 e l’una di ieri, dieci pattuglie tra auto dotate di colori d’istituto, auto civetta e unità cinofile, che hanno posto in essere una serie di posti di controllo tra Marghera, Piazzale Giovannacci e Mestre via Miranese, via Giustizia e Chirignago. Coinvolti il Reparto Motorizzato e il Servizio Sicurezza Urbana.

Al termine delle operazioni un cittadino italiano di quarant’anni è stato denunciato a piede libero per rifiuto di generalità e resistenza a pubblico ufficiale. Il soggetto, in evidente stato di alterazione psichica, si è piazzato al centro del posto di blocco di piazzale Giovannacci denudandosi quasi totalmente e provocando gli agenti. Alla richiesta di fornire le proprie generalità, l’uomo ha dato ulteriormente in escandescenze. E’ stato quindi bloccato e condotto al Comando Generale per l’identificazione.

Durante i controlli è stata ritirata la patente per trenta giorni ad un mestrino di trentacinque anni trovato in possesso di hashish mentre era alla guida. Sono stati inoltre elevati verbali per guida con patente, revisione e assicurazione scaduta ed altre violazioni minori. Elevati infine un verbale a carico di un cliente di una prostituta e due per ubriachezza manifesta.

Complessivamente sono stati controllati oltre cinquanta veicoli.

ULTIME NOTIZIE PUBBLICATE


Una persona ha commentato

  1. Affermo che, anche con le nuove disposizioni legislative, le Ordinanze Sindacali ed i Regolamenti di Polizia Urbana devono essere conformi ai principi generali dell’Ordinamento, secondo i quali la prostituzione su strada non può essere vietata in maniera vasta ed indeterminata. Di conseguenza, i relativi verbali di contravvenzione possono essere impugnati in un ricorso. In più per le medesime ragioni, i primi provvedimenti suddetti non possono essere emessi per problematiche permanenti ed i secondi non possono riguardare materie di sicurezza e/o ordine pubblico.
    P.S. I relativi soggetti possono essere sanzionati per evasione fiscale, anche per le tasse locali (art. 36 comma 34bis Legge 248/2006, come chiarificato dalla Cassazione con la Sentenza n. 10578/2011).

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here