Fermate i lavori al Parco della Marinaressa

ultimo aggiornamento: 30/04/2015 ore 04:34

247

lavori parco marinaressa venezia LARGE

Il Parco della Marinaressa, uno dei due spazi verdi in Riva dei Sette Martiri, di proprietà dell’autorità Portuale, che pochi anni fa – 2010 – era finalmente stato recuperato e reso disponibile alla cittadinanza.

Il parco, la cui area è in Concessione al comune di Venezia come “parco pubblico”, viene dato per il periodo della Biennale – 6 mesi -, ad una società privata – Yorkshire Sculpture Park – del Regno Unito – come gran parte di altri spazi; poi dovrebbe essere nuovamente usufruito dalla cittadinanza come parco pubblico ma… sarà così?


Da qualche giorno, una soc. privata sta eseguendo dei lavori non certo di ordinaria manutenzione, ma di ristrutturazione nel parco senza che fino ad oggi sia stato approvato un regolare progetto da parte dell’Amministrazione Comunale, con tutti i necessari passaggi istituzionali, Municipalità di Venezia compresa.

La direzione Ambiente stessa, dovrebbe aver autorizzato tali interventi, e dovrebbe quindi seguirli, in quanto risultano molto delicati perchè scavi non accorti, rischiano di compromettere le alberature d’alto fusto presenti;

alla soc. Veritas che al momento ne ha in gestione la manutenzione è stato chiesto se tali operazioni ad esposizione terminata un domani non ne compromettano la ripresa della manutenzione da parte loro?


L’unica cosa che la società ha, è un parere favorevole della Soprintendenza, che di fatto però non autorizza nulla.

La movimentazione dei mezzi presenti nel parco, per eseguire questi lavori – ruspe ecc – necessita di autorizzazione rilasciata dalla direzione Lavori Pubblici, con Fidejussione a garanzia dell’eventuale manomissione dei masegni, che non risulta essere stata chiesta.

Nella giornata adierna quindi, o domani a più tardi, il commissario all’insaputa della MUNICIPALITA – politica – che avrebbe dovuto esprimere un parere nel merito, sta per concedere a questi privati, in cambio di quattro soldi, un pezzo di città, certo, in accordo con l’Autorità Portuale, – che ci guadagna anch’essa – ma la cui Concessione attiva fino al 2016 non prevedeva la possibilità di sub affitto a terzi – e per giunta nell’accordo attuale ci si vincola anche l’uso con un diritto di prelazione verso la stessa soc., per gli anni a venire.

Da piano regolatore la destinazione del “Parco della Marinaressa” è e rimane “parco ad uso pubblico”.

Peraltro non essendoci stati i necessari passaggi, che garanzie ci sono su come un domani, trascorsi i 6 mesi, verrà riconsegnato il parco al Comune, per essere messo a disposizione della cittadinanza?
Si farà la stessa fine dei Giardini della Biennale, 6 mesi esposizione e 6 mesi interdetti??

Caro Commissario il suo mandato è quello di far quadrare i conti, faccia fermare i lavori perché queste decisioni sono uguali uguali alle scelte del peggior politico di centrosinistra che ha amministrato questa città negli ultimi 25 anni.

Sebastiano Costalonga

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Una persona ha commentato

  1. Vi ringraziamo per aver distrutto l’unico parchetto utile a chi abitava nei dintorni. dove si poteve correre nell’erba, ora l’erba non si può calpestare l’entrata è solo di passaggio non ci si può fermare, certo bravi complimenti chiedere il parere dei cittadini Mai. venduti come sempre!
    RIVOGLIAMO IL NOSTRO PARCHETTO PUBBLICO! CHI NON è INTERESSATO ALLA BIAENNALE NON DEVE SEMPRE SUBIRE, 100000 EURO POTEVATE UTILIZZARLI X ALTRO ORA NON ABIAMO PIù UN POSTO DOVE POTER GIRARE PACIFICAMENTE CON I NOSTRI CANI!

Please enter your comment!
Please enter your name here