Federica Sgoifo vittima del Covid. L’attrice cinquantaseienne si è spenta all’Angelo

ultima modifica: 14/11/2020 ore 16:43

18700

Federica Sgoifo vittima del Covid. L'attrice cinquantaseienne si è spenta all'Angelo

Federica Sgoifo è morta giovedì 12 novembre all’ospedale all’Angelo di Mestre. Ben conosciuta nell’ambiente teatrale Veneto, Federica era nata a Udine e si divideva fra la sua città natale e Venezia, città che adorava e che non ha mai abbandonato, dove aveva vissuto e studiato lingue all’università di Ca’ Foscari.
Attrice professionista e insegnante di recitazione,


era specializzata nell’uso della voce e dizione ed aveva lavorato in Veneto, in Piemonte, nel suo Friuli e aveva insegnato qui a Venezia alla Scuola Giovanni Poli del Teatro All’Avogaria e all’Accademia Teatrale Veneta.
Era presidente e amministratore dell’Associazione LeOnde con la quale aveva firmato molti spettacoli.
Federica

inseguiva sempre un nuovo progetto. Negli ultimi anni si era appassionata alla scrittura drammaturgica e firmava sempre più spesso i testi che portava in scena con la sua associazione e non solo.
Era un’artista appassionata e curiosa che viveva per il teatro, alla continua ricerca di nuovi stimoli e spunti per incrementare la sua arte ma soprattutto per l’insegnamento di questa disciplina. Era Formatore Teatrale per la Regione Veneto dove ha seguito numerosi ragazzi e, prima ancora,


allievi attori che la ricordano con amore e come una guida competente, generosa e che sapeva incoraggiare gli animi di tutti.
Il mondo del teatro veneziano, già provato dalle chiusure imposte da questa terribile pandemia e dalla crisi economica precedente, si stringe attorno alla famiglia di Federica ricordandola con grande affetto e profondo dolore per una dipartita così precoce che lascia nel cuore di tutti un grande vuoto.

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here