Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
1.6C
Venezia
lunedì 08 Marzo 2021
HomeLettereEx Umberto I di Mestre, area di degrado e di pericolo

Ex Umberto I di Mestre, area di degrado e di pericolo

I militanti di ‪#‎ForzaNuova‬ impegnati stasera con l’ennesima passeggiata per la sicurezza, nella zona calda dell’ Ex Umberto primo, il buco nero di Mestre per eccellenza, dove stranieri e senza dimora entrano ed escono.
Recinzioni divelte, accampamenti e giacigli, fra i ruderi dell ex ospedale, area di grande interesse urbano, nel cuore pulsante di Mestre , lasciata da anni al completo abbandono in balia di spacciatori e delinquenti stranieri, sempre piu aggressivi.

Qualche mese fa l’occupazione di un appartamento chiuso per ristrutturazione, con il proprietario minacciato alla gola con un coltello, e segni di spaccio all’interno,” Esasperazione, tristezza e rabbia, ” ma non rassegnazione, racconta il ragazzo aggredito, “siamo in trincea in un angolo di città dimenticato”.
Residenti intimiditi e aggrediti verbalmente, recente l’episodio di una signora minacciata con un coltello, da un extracomunitario, non denunciato per ovvi motivi.

Cittadino chiama , #ForzaNuova risponde e annuncia mobilitazioni per chiedere la riqualificazione e lo sgombero dell’area, per la sicurezza degli abitanti stanchi, impauriti e impotenti.
“Una situazione ormai senza controllo ” precisa il Dirigente Regionale Sebastiano Sartori, ” è tempo che tutti prendano posizione su un problema gravissimo ” << l' immigrazione incontrollata e i suoi danni >>” la latitanza delle istituzioni e i mancati controlli creano problemi di ordine pubblico ” e dichiara, “Forza Nuova Chiede al Prefetto e al Questore di occuparsi di tutto ciò, l’immigrazione che loro favoriscono porta a tutto questo, noi continueremo a monitorare la zona accanto ai cittadini , che vogliono sicurezza e legalità e non vanno lasciati soli. “.

Dirigente Regionale
Prof Sebastiano Sartori
12/01/2016

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...
spot
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...
spot