COMMENTA QUESTO FATTO
 

Migranti sloggiati dal Bragosso: con le proteste hanno perso diritto all'accoglienza

Traffico internazionale di droga, nuovo arresto della Polizia di Stato.

Come noto, il 10 luglio scorso, la Polizia di Venezia, coordinata dalla locale Procura – Direzione Distrettuale Antimafia, ha effettuato l’operazione “San Michele”, che ha permesso di smantellare un’organizzazione nigeriana dedita al traffico di stupefacenti, insediatasi nel quartiere Piave, in particolare in Via Monte San Michele.

Le indagini, condotte dalla Squadra Mobile di Venezia e dal Servizio Centrale Operativo, hanno permesso di accertare che la tipologia di narcotico spacciata dal sodalizio criminale, la cosiddetta “eroina gialla”, ha cagionato la morte di 11 assuntori, per il grado di purezza particolarmente elevato.

Non sono cessate le ricerche da parte degli investigatori dei catturandi sfuggiti al blitz di luglio, oggi infatti, alle prime luci del giorno gli agenti della Mobile di Venezia in collaborazione con i colleghi di Udine, hanno rintracciato nella sua abitazione di Tavagnacco (UD) e tratto in arresto il trentaseiesimo nigeriano finito in manette a seguito dell’imponente operazione San Michele, IRABOR Jeremiah alias IRABOR Eric di 28 anni.

Lo straniero, destinatario di un’ordinanza di misura cautelare restrittiva per il reato di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, dopo gli accertamenti di rito, è stato tradotto nella Casa Circondariale di Udine a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here