Emergenza Pm10 a Venezia: giù riscaldamento e spegnere stufe e caminetti

ultimo aggiornamento: 24/12/2015 ore 08:11

174

Emergenza Pm10 a Venezia: giù riscaldamento e spegnere stufe e caminetti

Il Comune di Venezia ha emanato oggi una nuova ordinanza con provvedimenti temporanei ed urgenti per la prevenzione e la riduzione dei livelli di concentrazione di inquinanti nell’atmosfera causati dal perdurare di una situazione meteorologica che ormai è stabile da parecchio tempo in tutta la provincia di Venezia.

In tal senso, infatti, il prefetto di Venezia, Domenico Cuttaia, dopo la riunione del tavolo tecnico zonale tenutasi ieri, ha raccomandato a tutti i sindaci di adottare, anche nei vari comuni del territorio provinciale, le stesse ordinanze predisposte dal sindaco della Città Metropolitana, Luigi Brugnaro, su indicazione unanime dei vari rappresentanti dei comuni presenti al tavolo tecnico zonale.


Le ordinanze stabiliscono misure relative alla regolamentazione della circolazione dei veicoli, alla limitazione del riscaldamento negli ambienti pubblici nonché al divieto di bruciare ramaglie. Scopo di tale raccomandazione è quella di ridurre i livelli di inquinamento da Pm10 attraverso un’azione unitaria ed organica che interessi appunto tutto l’ambito della città metropolitana.

Anche l’amministrazione veneziana, quindi, recependo a sua volta le raccomandazioni del sindaco metropolitano, ha adottato una ulteriore ordinanza, dopo le due analoghe già emesse a novembre e a dicembre, che determina una ulteriore azione di prevenzione e riduzione degli inquinanti atmosferici.

In particolare, il nuovo testo dispone che fino al 31 gennaio, la temperatura ambiente, intesa come media ponderata delle temperature dell’aria misurate nei singoli ambienti riscaldati, non dovrà superare i 17 gradi (con + 2 gradi di tolleranza) negli edifici adibiti ad attività industriali, artigianali ed assimilabili; non dovrà superare, invece, i 18 gradi (con + 2 gradi di tolleranza) per tutti gli altri edifici.


E’ inoltre disposto il divieto di combustione dei materiali vegetali e ramaglie, con esclusione dei falò dell’Epifania, il divieto di utilizzare stufe, caminetti e qualunque altro apparecchio domestico alimentato a legna, a meno che non siano utilizzati per la cottura di cibi, qualora nella stessa unità abitativa sia presente un impianto termico a gas o pompa di calore. I motori degli autobus, nella fase di stazionamento ai capolinea, dovranno essere spenti, così come pure per i veicoli merci che caricano/scaricano materiali o per tutti gli autoveicoli che sono in sosta ai passaggi a livello.

La stessa ordinanza invita le imprese ad effettuare ogni intervento possibile per garantire un’elevata efficienza e manutenzione degli impianti, sensibilizzando gli operatori ad utilizzare veicoli a ridotto impatto ambientale nonché i gestori degli esercizi commerciali a chiudere le porte di accesso per evitare dispersioni termiche.

Redazione
23/12/2015

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here