COMMENTA QUESTO FATTO
 

“Eleva” passerelle a scomparsa per risolvere i problemi dell’acqua alta

Eleva è un sistema innovativo di passerella collaudata e brevettata a livello internazionale che permette di agevolare i pedoni al transito quando c’è l’acqua alta.
Gli Ideatori sono Marco Biava di Bergamo e Felice Zini di Brescia che assieme ai loro collaboratori hanno preso come riferimento la città di Venezia, analizzando a fondo le sue problematiche e le sue esigenze.

Queste pedane, a differenza di quelle in legno fino ad oggi utilizzate, sono realizzate in acciaio inox AISI 316L e con materiali resistenti alla corrosione dell’acqua marina. Sono prive di impianto elettrico e di oli dinamici che in caso di guasto o perdite inquinerebbero le falde acquifere creando un danno ambientale.
Quando sono chiuse sono alte 30 cm al di sotto del manto stradale (quindi quando non servono non si vedono) e si sollevano ad un’altezza fissa di 50 cm. In fase di manutenzione ordinaria la passerella si può alzare di 150 cm. La dimensione del piano calpestabile di ogni elemento è di 400 cm x 120 cm (variabile).

La loro stabilità è garantita da un meccanismo a doppia forbice ad azionamento idraulico a bassa pressione 4/6 bar ricavato dall’acqua di rete ad esempio: antincendio, pompe di immersione, condotta acqua potabile oppure utilizzando l’acqua del canale. La portata utile di ogni elemento è di 12000 kg (16 persone).

Quando le passerelle rientrano nel suolo l’acqua viene scaricata nel mare attraverso i cunicoli dentro i quali sono inserite. I cunicoli sono dotati protezioni laterali a tendina per evitare l’entrata di “Eleva” passerelle a scomparsa per risolvere i problemi dell’acqua altacorpi estranei. Il rivestimento del calpestio può essere costituito dalla stessa pavimentazione dell’area interessata, questo significa che quando le passerelle saranno chiuse risulterebbero invisibili e mantenendo inalterata l’estetica dell’area. Il comando di salita e di discesa può essere azionato automaticamente o manualmente.

I motivi per utilizzare queste passerelle sono molteplici: sono sicure, pratiche, stabili, durevoli nel tempo, hanno più portata utile, il loro funzionamento è a basso consumo, hanno bassi costi di manutenzione e hanno un basso impatto ambientale.

“Le nostre aspettative sono quelle di far conoscere queste pedane a tutte le città che hanno come problema l’acqua alta adeguando le passerelle in funzione alle loro esigenze. L’idea ci è venuta guardando il telegiornale che parlava delle inondazioni nella città di Venezia e volevamo trovare una soluzione per risolvere una volta per tutte il disagio delle passerelle di legno attualmente utilizzate per deviare i problemi derivanti dall’allagamento in città e abbiamo inventato e brevettato queste pedane curando ogni minimo particolare. Ci piacerebbe avere l’opportunità di posare un campione per testarne il funzionamento in un luogo dove verrà ritenuto più opportuno, tutto a nostre spese. Ci auguriamo di ricevere un’opinione in merito dai cittadini e dal sindaco di Venezia Luigi Brugnano e se ne avremo la possibilità, invitarlo a visionare una nostra passerella in funzione e toccarne con mano il nostro innovativo prodotto. Nel frattempo ci auguriamo che qualche comune o regione prenda in considerazione la nostra innovazione perché rende più agevole il transito dei pedoni nelle emergenze causate dalle inondazioni”.

Marco Biava e Felice Zini
19/03/2016

 
ASSOCIAZIONE LA VOCE DI VENEZIA 5X1000
 

(cod eleva)

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here