24.9 C
Venezia
martedì 27 Luglio 2021

Ebola: in isolamento a Vicenza 11 militari americani della caserma Del Din

HomeNotizie VenetoEbola: in isolamento a Vicenza 11 militari americani della caserma Del Din

caserma del din vicenza militari americani

Ebola in Italia non ha ancora fatto registrare alcun caso, ma sono diverse le situazioni di persone in isolamento perchè ritenute ‘a rischio’. Ieri è emerso il caso più eclatante.

A Vicenza vi sono 11 militari americani di stanza nella caserma Usa ‘Del Din’ in isolamento in quanto appena rientrati dalla Liberia, uno dei paesi più colpiti da Ebola.

L’ambasciata americana a Roma ha precisato che il “rischio potenziale di infezione è basso” dal momento che nel paese africano il gruppo di soldati “non ha avuto contatto con persone contagiate dal virus”.

I militari di Vicenza sono stati accolti in Italia dai carabinieri protetti dalle tute previste e in città c’è molta preoccupazione, anche se in serata il sindaco, Achille Variati, ha detto di aver avuto assicurazioni che “tutti i militari tornati dall’Africa sono sani. Nessuno di loro presenta i sintomi dell’Ebola”.

La caserma ‘Del Din’ di Vicenza è la nuova struttura che il Pentagono ha realizzato a Vicenza – dopo anni di polemiche e manifestazioni dei comitati contrari all’opera – nell’area dell’ex aeroporto Dal Molin.

I militari americani di Vicenza in Liberia si erano occupati della costruzione e dell’avvio di infrastrutture sanitarie dedicate a contenere il contagio del virus Ebola.

I militari ora sono ‘rinchiusi’ in isolamento, non possono avere contatti con l’esterno e nemmeno con i familiari per 21 giorni, periodo nel quale sono attentamente monitorati.

Se Ebola dovesse fare la sua comparsa, sin dai primi sintomi, come febbre per esempio, vi è pronta una stanza isolata all’ospedale di Vicenza.

Redazione

28/10/2014

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.