Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
9.8C
Venezia
sabato 06 Marzo 2021
HomeOmicidi e assassiniE' di Sofiya Melnyk il corpo trovato in un sacco gettato dal burrone

E’ di Sofiya Melnyk il corpo trovato in un sacco gettato dal burrone

E' di Sofiya Melnyk il corpo trovato in un sacco gettato dal burrone

Il caso di Sofiya Melnyk comincia a trovare conferme. Ora ve ne è la prova: l’interprete 43enne ucraina scomparsa il 15 novembre in Veneto, è morta. E’ stata uccisa, e buttata dentro un sacco dell’immondizia in un burrone.

E’ proprio di Sofiya Melnyk il corpo trovato in un sacco gettato dal burrone.

L’identificazione di quel corpo, martoriato dagli animali in settimane di permanenza nel bosco, l’ha data oggi l’autopsia eseguita a Treviso. La certezza è arrivata con la comparazione della schermografia dentaria.

Null’altro, al momento, ha potuto svelare l’esame autoptico – eseguito dal dottor Alberto Furlanetto – date le condizioni del cadavere. Sembra escluso che la donna sia stata uccisa con armi da fuoco, o da taglio, ma altre cause ritenute più probabili (come lo strangolamento) dovranno essere avvalorate dagli nuovi esami previsti: la Tac e altri accertamenti radiografici e istologici.

Il consulente tecnico del Pm ha chiesto due mesi di tempo. All’esame hanno assistito anche i consulenti della famiglia di Daniel Pascal Albanese, il 50enne che conviveva con Sofiya, e che dopo la sua sparizione si era suicidato, impiccandosi.

I Carabinieri sono tendenti a seguire la pista dell’omicidio-suicidio, probabilmente per motivi di gelosia. Il principale indiziato resta appunto Albanese, ex consulente finanziario, che aveva sapeva delle frequentazioni dell’affascinante 43enne con altri uomini. E forse non aveva saputo rassegnarsi all’idea della fine del loro rapporto.

Sofiya, che aveva frequentato un geologo settantenne emiliano, il quale pagava il mutuo della sua casa, stava pensando di iniziare una nuova vita con un medico sessantenne trevigiano, di Montebelluna, il primo ad essersi allarmato per la sua scomparsa.

Dopo un mese e mezzo di ricerche, la vigilia di Natale era arrivata la svolta, con quel cadavere trovato da alcuni cacciatori in un burrone ai piedi del terzo tornante della strada per il Monte Grappa. Il medico trevigiano che l’ucraina frequentava aveva subito riconosciuto gli stivaletti neri trovati accanto al corpo come quelli della fidanzata.

L’autopsia di Sofiya ha comunque evidenziato, come dato macroscopico, la presenza di numerosi e gravi traumi. Secondo l’anatomopatologo, potrebbero essere compatibili con colpi portati con corpi contundenti, come un bastone, o con calci, ma allo stesso tempo essere dovuti alla caduta dalla sommità della scarpata da cui il corpo è stato gettata, nel caso questo sia
avvenuto quando la donna era ancora viva.

Restano da comporre le ultime tessere, dopodichè il ‘giallo di Sofiya’ finirà tra gli infiniti casi di femminicidio.

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...