COMMENTA QUESTO FATTO
 

Due nuove ambulanze per Venezia grazie alla Regione (ma Zaia non si fa vedere)

Cerimonia questa mattina all’Ospedale civile di Venezia: sono state inaugurate ufficialmente le due nuove idroambulanze in dotazione al Suem 118.

Come ha sottolineato il direttore generale dell’Ulss 3 Serenissima, Giuseppe Dal Ben, i due nuovi mezzi consentiranno di mantenere l’attuale parco di sette idroambulanze, dismettendo le due più vecchie.

“Venezia e le isole sono un territorio unico al mondo, che ha un enorme fascino ma anche grandi difficoltà logistiche. Garantire i servizi di urgenza ed emergenza alla popolazione veneziana richiede un grande investimento economico e tecnologico, ma è scelta prioritaria, ribadita anche del nuovo piano sociosanitario della Regione, per tutelare la specificità veneziana e garantire a residenti e turisti il diritto alla salute. Il futuro di Venezia non può prescindere da quello della sua sanità”, ha commentato l’assessore regionale al Sociale, Manuela Lanzarin.

L’acquisto dei due motoscafi è avvenuto sulla base di un programma nazionale che ha visto la partnership della Regione Veneto. Un motivo in più per cui è stata notata l’assenza del Presidente della Regione, Luca Zaia.

Il Governatore era dato come sicuramente presente alla cerimonia, così più di qualche faccia delle autorità presenti ha cominciato a guardarsi interrogandosi stupita quando il motoscafo della Regione è arrivato senza di lui a bordo. “Un impegno improvviso…”, è stata la motivazione ufficiale.

E’ noto che occasioni ufficiali di presentazioni di migliorie pubbliche siano vettori di messaggi positivi in termini di popolarità e consensi, quindi per quale motivo il Presidente non avrebbe dovuto presenziare all’inaugurazione di due nuove idroambulanze, contrariamente a quanto annunciato, oltretutto per un progetto della “sua” Regione andato a buon fine?
Il Governatore non aveva mai rinunciato a tali occasioni come dimostrano, ad esempio, la sua partecipazione all’inaugurazione della piattaforma per l’elicottero al Padiglione Jona, oppure a quella per la nuova Risonanza Magnetica al Civile di Venezia.

“Rumors” di corridoio affermerebbero che il buon feeling tra il Governatore e l’attuale direttore generale dell’Ulss 3 Serenissima, Giuseppe Dal Ben, possa essere momentaneamente sospeso. E’ possibile, infatti, che non sia ritenuto consigliabile apparire nelle foto sorridenti al suo fianco finchè non sarà chiarita la questione, anche giudiziaria, delle “Liste d’Attesa” che ha lanciato il nome dell’Ulss veneziana alla ribalta delle cronache per le accuse di manomissione dei dati per proprio tornaconto.

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here