8.4 C
Venezia
mercoledì 01 Dicembre 2021

Dove nasce l’arcobaleno – L’inno alla gioia di Andrea Caschetto

HomeLibri, recensioni e nuove usciteDove nasce l'arcobaleno - L'inno alla gioia di Andrea Caschetto
la notizia dopo la pubblicità

dove-nasce-larcobaleno

Il mondo è un posto meraviglioso, bisogna solo saperlo guardare nel giusto modo e avere un atteggiamento positivo per una società che troppe volte ci mette alla prova. E allora libri come Dove nasce l’arcobaleno di Andrea Caschetto edito da Giunti, ci ridanno fiducia nell’umanità e nelle persone.

Nel febbraio del 2015 Andrea Caschetto parte per un lungo viaggio. Non ha bussole con sé, segue l’arcobaleno. Il bagaglio è leggero: nello zaino, con gli indumenti necessari per il caldo e il freddo, ci sono una strana macchina per fare le bolle di sapone più grandi del mondo, qualche giocattolo semplice, musica, matite colorate e, soprattutto, un naso rosso da clown. Serve per far sorridere i bambini che non sanno più come si fa. Sono i bambini randagi, che vivono nelle strade e negli orfanotrofi, e senza padre né madre fanno famiglia a sé.

Somewhere over the rainbow, skies are blue And the dreams that you dare to dream Really do come true. Seguendo la lezione di Dorothy ne Il mago di Oz, Andrea osa a realizzare il suo sogno, a cercare quei posti oltre l’arcobaleno, dove portare gioia di vivere a quei bambini costretti in un orfanotrofio, a donare loro la speranza.

Persone come Andrea, sopravvissuto a 15 anni ad un tumore al cervello che avrebbe dovuto portargli una stanchezza cronica, sono la pentola d’oro di questo mondo, sono d’esempio e il loro modo di essere riempiono il cuore di ogni lettore di gioia. Si sorride e ci si commuove con Dove nasce l’arcobaleno e ci si sente partecipi in un’avventura umanitaria nel senso più ampio del termine. Sì perché non sono solo i bambini con cui Andrea incrocia la sua vita ad usufruire del suo grande cuore, ma è anche l’essere umano lettore che si sente in voglia di diventare migliore grazie al suo grande esempio.

Ma aldilà del contenuto, la forza di questo libro è la sua prosa. Andrea scrive con naturalezza ed entusiasmo e ogni parola sembra portarsi dietro un bagaglio di emozioni e sensazioni così vere e reali che non puoi non sentirti anche tu felice per ogni suo raggiungimento, per ogni sorriso che scoppia sul viso di un bambino e in parallelo su quello del lettore.
E allora riempite la valigia del vostro cuore dello stretto indispensabile e preparati ad un viaggio in giro per il mondo dove, alla fine, ci sentiremo più ricchi e con un cuore colmo d’amore verso il mondo è gli esseri umani.

Sara Prian

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

Salvate Venezia: i vip contro lo sfruttamento selvaggio che uccide la città

Sotto la spinta di Venetian Heritage, benemerita associazione già intervenuta tante volte generosamente per aiutare la salvaguardia, Mick Jagger, Francis Ford Coppola, James Ivory, Wes Anderson, Tilda Swinton, il direttore del Guggenheim Museum Richard Armstrong, l'artista Anish Kapoor scrivono a politici e amministratori.

5×1000 alla Voce di Venezia: da 16 anni ti siamo fedeli, ci meritiamo una firma?

5x1000 al nostro giornale: da 15 anni ti siamo fedeli, meritiamo una tua firma? Tu che ci leggi conosci già il nostro lavoro. Sicuramente hai già letto nostri articoli: le ultime notizie più importanti del giorno da leggere già dalle prime ore del...

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

“Mi sono trovata visitatori alle spalle in casa mia! Io grido e loro: ‘Ma non è tutto Biennale?’ “

L'articolo che avete pubblicato ieri sui turisti per la Biennale alla Celestia contiene un grande fondo di verità. Dopo averlo letto mi sono decisa a scrivervi per raccontarvi un fatto che mi è appena accaduto. Abito in una laterale di via Garibaldi,...

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

Situazione Actv/Avm Venezia: Brugnaro convoca i sindacati

Nonostante a Venezia i flussi turistici siano ripresi, nei primi dieci mesi del 2021 situazione ricavi peggiore di quanto si prevedeva

“Venezia ‘Non è ecologica’, si può tranquillamente morire di smog”. Di Michele De Col (*)

Ancora una volta Venezia viene estromessa da qualunque provvedimento contro lo smog : natanti e navi possono continuare ad inquinare nonostante i valori ambientali siano spesso peggiori della terraferma! Chi tutela la salute di veneziani e ospiti in centro storico? Nessuno !

Venditori abusivi e forze di polizia, il dibattito dei nostri lettori

Questo articolo qui sotto ha avuto la capacità di aprire un acceso dibattito tra alcuni nostri lettori in merito alla questione dei venditori ambulanti abusivi a Venezia. Tutte le posizioni sono rispettabili e dettate da valutazioni personali di logica e di coscienza...

La confessione di chi è “scappato” da Venezia: “Vetrerie, portieri, bugie…”. Lettere al giornale

In risposta alla lettera al giornale: "Il lusso dei grandi alberghi veneziani porta ricchezza? La confessione di Jacopo, portiere per 5 anni". Il sistema delle vetrerie è stato creato grazie alle sale, praticamente dei supermercati del vetro ( dove gira anche vetro...