Morte Domenico Maurantonio, non risulta lassativo, mentre alcol probabile

ultima modifica: 15/05/2015 ore 17:42

118

Domenico Maurantonio no lassativo ma avevano bevuto

Qualche compagno di Domenico Maurantonio, il 19enne precipitato dal balcone dell’hotel milanese in cui soggiornava con la classe, inizia a parlare.
Due studentesse del liceo “Nievo” di Padova, hanno raccontato agli inquirenti, di aver visto aggirarsi quella notte per il corridoio del quinto piano, un uomo che le aveva aiutate a utilizzare la tessera magnetica per entrare nella loro camera. Secondo quanto raccontato poi dalla preside dell’istituto, Grazia Rubini, «uno slavo che usciva sulla scala di emergenza per andare a fumare».
La preside non può credere che con la morte di Domenico centri un suo studente. «Se uno di loro è colpevole cambio mestiere perché significa che non ho capito nulla di questi ragazzi». Il “Nievo” è uno dei licei più prestigiosi della città, frequentato dai ragazzi della migliore borghesia di Padova.
Il sospetto che serpeggia a scuola e non solo, è però che la tragica morte sia opera di qualche compagno e che gli studenti non abbiano raccontato tutta la verità.

Intanto notizie arrivano dall’autopsia: le prime indicazioni dai reagenti delle analisi biochimiche, i cosiddetti esami tossicologici, potrebbero infatti già fornire alcune prime indicazioni nel pomeriggio, o al più tardi domani o lunedì mattina. Secondo quanto appreso dagli investigatori non è ancora possibile affermare che a Domenico Maurantonio sia stata somministrata una sostanza (l’ipotesi circolata, quella dello scherzo finito male, è che qualcuno gli abbia dato di nascosto un lassativo). La polizia non lo esclude, ma in certi casi anche una forte assunzione di alcol, specie se avvenuta in tempi ristretti o a stomaco vuoto, potrebbe provocare gli stessi effetti intestinali che sono stati rilevati sul luogo della morte. Oppure aver acuito l’effetto di una qualche sostanza davvero messa di nascosto, di cui però allo stato non c’è traccia. La presenza di residui alcolici in stomaco e intestino, inoltre, sarebbe stata confermata dall’autopsia. E’ probabile quindi che nell’arco di poche ore, tra oggi pomeriggio e domani, già si possa escludere o inquadrare meglio l’accaduto. Intanto il capo della Squadra Mobile, Alessandro Giuliano, ribadisce che “al momento non ci risulta che sia stato somministrato del lassativo a Domenico Maurantonio né abbiamo mai parlato di un simile medicinale. A maggior ragione smentiamo che sia stato identificato chi lo ha versato”, ha confermato che gli interrogatori dei compagni di classe e degli amici dello studente morto proseguiranno anche oggi.

Redazione

15/05/2015

Riproduzione vietata

Riproduzione Riservata.

LEGGI TUTTO

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

nuovo virus cinese 'Coronavirus' ceppo della Sars: ultimi aggiornamenti
"Bomba Day" a Marghera: evacuazione domenica 2 febbraio per migliaia di cittadini. Tutte le informazioni

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here