19.8 C
Venezia
mercoledì 28 Luglio 2021

Disastro maltempo in Germania. Il racconto

HomeGermaniaDisastro maltempo in Germania. Il racconto

Disastro Maltempo in Germania: un evento che Angela Merkel ha definito “catastrofe” con molta gente che ha perso la casa negli stessi momenti in cui si vedevano le auto portate via dalla corrente.
La natura ci sta presentando il conto obbligandoci a parlare di cambiamenti climatici, di emissioni Co2, di tempeste sempre più frequenti, mentre il maltempo si sta spostando in Olanda ed è stato aggiornato il bollettino delle vittime.
125 finora i morti nel bilancio del maltempo che ha colpito prima la Germania e poi il Belgio.
Continuano le ricerche dei circa 1.300 dispersi nel Land tedesco della Renania-Palatinato (nella foto). Secondo quanto scrive il Guardian, in questo Land le vittime sono 63, mentre nel vicino Nord Reno-Vestfalia i morti sono 43.
In Belgio, intanto, il ministro dell’Interno, Annelies Verlinden, ha detto che i morti sono saliti a 20 (gran parte dei quali a Liegi) e altre 20 persone risultano disperse.

“Prima mi ha chiamato la vicina che era in vacanza perché andassi a vedere la sua cantina, ed effettivamente l’acqua entrava dai muri. Non sapevamo cosa fare, i vigili del fuoco erano sopraffatti dalle chiamate in ogni zona della città, ci hanno messo in lista d’attesa. Poi mi ha chiamato un’altra vicina per andare ad aiutarla nella sua cantina e salvare il salvabile. Quindi sono andata nella mia, e l’acqua entrava a fiumi da una finestra chiusa“.
Questo il racconto all’ANSA di Claudia D’Avino, conduttrice radiofonica di Wdr Cosmo e Radio Colonia.
Colonia è proprio una delle città colpite dall’alluvione che ha travolto la Germania, in particolare nelle regioni Renania Palatinato e Renania Settentrionale Westfalia.
Non ho mai visto niente del genere – continua Claudia D’Avino – ma è stato anche molto bello vedere la solidarietà immediata, come uno shock dall’isolamento del Covid all’aiuto immediato del tuo vicino. Non ho visto nessuno che si sia chiesto se fosse il caso di entrare in casa d’altri a causa del Covid”.

In Germania la bomba d’acqua che ha allagato le regioni occidentali ha fatto danni inimmaginabili: sono al lavoro quindicimila persone tra soccorritori, militari, polizia e vigili del fuoco.
In Germania si ricorda solo un’altra alluvione così devastante, quella del ’95, ma in quel caso i morti furono una ventina, un quinto di quelli di cui si ha notizia fino a questo momento.

“Molte persone sono morte perché nonostante le evacuazioni delle città e gli appelli ad andarsene molti sono tornati nelle case per recuperare quello che potevano, ecco perché ci sono oltre 1.300 dispersi – continua D’Avino -, e anche perché i ripetitori dei telefoni sono crollati e sono stati portati via dall’acqua“, interrompendo le comunicazioni.

Armin Laschet, ministro-presidente del Nord Reno-Vestfalia e candidato della Cdu alla cancelleria, ha visitato Hagen, una delle zone più colpite, e ha affermato che è necessario lavorare per evitare nuove catastrofi dovute al clima.
“Il problema è che la canalizzazione non ha retto all’impatto di tanta acqua – conclude D’Avino -. Le persone buttavano fuori l’acqua e quella tornava nelle case“.

» potrebbe interessarti anche: “Maltempo in Veneto: 99 persone sfollate. Previsioni ancora brutte

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. “La natura ci sta presentando il conto obbligandoci a parlare di cambiamenti climatici, di emissioni Co2, ….” Forse è il caso di ricordare pure il ruolo e l’impatto che hanno gli esperimenti militari sul clima….

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.