21.5 C
Venezia
martedì 27 Luglio 2021

Dipendenti comunali in protesta a Lido: in 150 potrebbero restare a casa

HomeLido di VeneziaDipendenti comunali in protesta a Lido: in 150 potrebbero restare a casa

Dipendenti comunali in protesta a Lido: in 150 potrebbero restare a casa

Sagome bianche a Santa Maria Elisabetta durante la Festa per rivendicare un diritto, ai margini dello svolgimento della Mostra del Cinema. Sono l’espressione esplicita della protesta dei dipendenti comunali e precari preoccupati per il loro domani.

Sono circa 150 i lavoratori che rischiano di restare a casa se entro il 30 dicembre il Comune non provvede ad inserirli nel Bilancio di Previsione del 2017.

Attualmente occupano uffici di diversi referati e competenze e attraverso i sindacati, vorrebbero, come afferma Sergio Chilorio della CGIL “ripristinare un rapporto con il Sindaco e con la Giunta, cercare insieme un modo per superare questa ed altre difficoltà”

I dipendenti sono preoccupati anche per quell’ipotesi di contratto integrativo che Luigi Brugnaro vorrebbe applicare nei confronti di chi promuove idee innovative, una ricerca di merito, quindi, di cui non è chiara l’origine e confusa sembra l’attuazione concreta. In realtà quel che rivendicano i lavoratori è la necessità di ascolto e di condivisione dei problemi. Il Sindaco sembra considerare marginali le proteste di questi dipendenti, che su ogni sagoma hanno scritto il perché del loro malessere.

Matteo, con 4 figli da otto anni precario operatore culturale, e poi ancora tanti nomi e tante storie che si “mostrano” alla città per rivendicare un diritto e che si inseriscono nell’ambito della Mostra raccontando il vero. E non da comparse, ma da protagonisti alla ricerca di un regista, il Comune, che sappia apprezzarli assicurando loro il posto di lavoro.

Andreina Corso | 01/09/2016 | (Photo La Voce di Venezia) | [cod proteco]

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.