8 C
Venezia
domenica 28 Novembre 2021

Dimessa dal Pronto Soccorso dell’Ospedale dell’Angelo muore il giorno dopo

HomeSanitàDimessa dal Pronto Soccorso dell'Ospedale dell'Angelo muore il giorno dopo
la notizia dopo la pubblicità

Lettere al Giornale. Ospedale dell'Angelo, grandi disagi

Sarà la magistratura ad accertare cosa è successo ad una donna di Marcon che si è recata al Pronto soccorso dell’Angelo perché stava male. Lasciata andare a casa, il giorno dopo è peggiorata fino a morire. Una morte per cui sei medici sono stati iscritti nel registro degli indagati.

Il primo passo delle indagini della Procura sarà quello di far eseguire l’autopsia per l’accertamento delle cause del decesso. Passaggio tutt’altro che scontato dato che la velocità con cui la direzione sanitaria stava programmando di effettuare l’esame autoptico “in proprio” avrebbe potuto far correre il rischio di inficiare l’accertamento disposto dal perito della Procura. E’ noto, infatti, che in questi casi il corpo debba restare a disposizione dell’Autorità Giudiziaria procedente.

Luigina Di Pol, 64 anni, sposata, due figli, residente a Marcon, è stata dichiarata morta il 21 settembre al Pronto soccorso dell’Ospedale dell’Angelo.
Perché la donna è morta?
Questa la domanda a cui si cercherà di rispondere con le indagini che per il momento vedono l’iscrizione al registro degli indagati di sei medici.

Quali sono le circostanze che hanno portato al decesso?
E’ l’altra domanda di primaria importanza a cui è però più facile rispondere, dato che i fatti sono registrati.
La signora sembra non soffrisse di particolari patologie gravi. Si è recata al Pronto soccorso dell’Ospedale dell’Angelo di Mestre una prima volta il 20 settembre, accompagnata dal figlio. Forse non era nulla di grave, dato che è andata a casa subito, forse invece il suo improvviso stato confusionale avrebbe dovuto essere considerato un campanello d’allarme di qualcosa.

A casa le sue condizioni non sono infatti migliorate, anzi. Tanto che il giorno dopo il figlio ha chiamato il 118.

Questa volta però l’accesso alla struttura sanitaria ha avuto l’esito più infausto. Dopo qualche ora la signora è mancata. Subito viene informata la famiglia che i funerali non potevano avere luogo subito perché la struttura sanitaria era intenzionata a procedere con l’autopsia per l’accertamento delle cause di decesso, ma è arrivato l’interessamento dell’Autorità Giudiziaria per cui tutto è passato in mano alla Procura.

Sul fatto, al momento, poche certezze e alcune conferme da cercare.
Dato certo sarebbe che sei nominativi di medici sono stati iscritti nel registro degli indagati.
Dettaglio da confermare: un medico avrebbe “rimproverato” il figlio della signora per essere tornati la seconda volta.

► Lettere al Giornale. Ospedale dell’Angelo, grandi disagi

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

Le sirene esistono? Ecco un video reale di pescatori per farvi riflettere e decidere (video non manipolato)

Le sirene sono personaggi leggendari che hanno sempre accompagnato la mitologia di tutte le culture. In tempi moderni la questione si è ulteriormente arricchita grazie all'avvento di telecamere più economiche, così sono cominciati a circolare sedicenti video che le riprendevano. Le sirene...

Reliquie Santa Lucia da Venezia alla Sicilia con assistenza della Polizia

Santa Lucia da Venezia alla Sicilia Domenica 14 dicembre, la Polizia di Stato accompagnerà “Santa Lucia” nel suo prossimo viaggio in Sicilia. Alle 7:30 del mattino le spoglie della Santa saranno portate, con imbarcazioni della Polizia di Stato, dalla basilica dei Santi Geremia...

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

“Venezia va rispettata, chiediamo ai veneziani il permesso per vederla”. Lettere

"Venezia va rispettata così come i veneziani...". Il senso di chiedere "permesso" segno implicito di rispetto quando si va in casa d'altri

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

Chi volontariamente non si vaccina ruba un pezzo di probabilità di evitare la dissoluzione del genere umano. Lettere

Con la propaganda No-Vax io non riesco a discutere né a confrontarmi perché si tratta di un Extramondo *(una specie di Vandea del XXI secolo)* nel quale non riesco neanche a respirare. La Storia non si muove in senso vettoriale ma circolare...

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

Malore fatale in bicicletta a Lido e due giovani picchiano vigile perché non possono passare

Mentre avveniva la tragedia, negli stessi istanti in cui perdeva la vita il 65enne lidense, una coppia picchiava selvaggiamente un agente della Polizia locale del Lido, solo perché non permetteva loro di passare essendo la strada bloccata.

Identificata baby gang che terrorizza Venezia e Mestre. Brugnaro: “Abbiamo 27 nomi”

Il sindaco di Venezia conferma quanto era nei dubbi e nei timori della gente comune: sono tanti e due-tre, verosimilmente i "capi", sono molto, molto pericolosi. "Sappiamo chi sono. Abbiamo 27 nomi. Due o tre sono particolarmente pericolosi. Mi auguro che qualcuno...