Scatta il divieto di fumo, detenuti mettono a ferro e fuoco il carcere

ultimo aggiornamento: 02/07/2015 ore 19:44

150

detenuti rivolta contro divieto fumo
Sta per entrare in vigore il divieto di fumare in tutte le carceri dello stato australiano di Victoria e ieri la polizia ha dovuto sedare un massiccio disordine scoppiato all’interno di un penitenziario di Melbourne.
A mezzogiorno, 300 detenuti del carcere di Ravenhall a volto coperto e con in mano dei bastoni hanno devastato finestre, abbattuto porte e dato vita a dei piccoli fuochi, causando l’evacuazione del personale e dei visitatori.
Secondo il Dipartimento servizi correttivi, durante la sommossa, diversi prigionieri sono rimasti feriti e sono ora trattati da personale medico, mentre due membri dello staff hanno subito lesioni lievi.
Il ministro Wade Noonan ha dato ordine di intervenire di notte per mettere fine ai disordini ed ha assicurato che verrà fatta un’indagine approfondita su cosa abbia causato la rivolta e su come sia stata affrontata, anche se l’entrata in vigore del divieto di fumo nelle carceri, sembra l’ipotesi più accreditata. Nelle 14 prigioni australiane infatti, fuma circa l’84% dei detenuti e in Victoria circa 1300 di essi, hanno frequentato programmi per smettere.

Redazione

02/07/2015


Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here