lunedì 17 Gennaio 2022
2.6 C
Venezia

Degrado a Mestre, schierati altri militari

HomeMestre e terrafermaDegrado a Mestre, schierati altri militari

Degrado a Mestre, schierati altri militari

Quaranta lagunari in Via Piave e Parco Bissuola: pattugliano le zone a rischio spaccio.

La presenza dei militari nella zone di Via Piave, del Parco Piraghetto sarà un deterrente utile a scoraggiare spacciatori e “indesideati”? L’interrogativo è d’obbligo, anche perché i militari con la loro presenza potranno intervenire, quando è possibile, sugli effetti ultimi di una situazione a catena che mette tutti insieme in un unico calderone (spacciatori, tossicodipendenti, alcolisti, senza fissa dimora, disperati. . .) in un problema che necessita di qualche utile distinguo.

I lagunari già presenti negli aeroporti e nelle stazioni saranno ora 120, rispetto gli 80 dei giorni precedenti, che si occupavano anche delle zone del centro Mestre.

Il loro arrivo si deve alla decisione del Cosp – Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica – che si è riunito la settimana scorsa in Prefettura e che ha deciso conseguentemente l’aumento delle presenze dei lagunari in città.
Lo stesso Ministro dell’Interno Angelino Alfano ha agevolato la scelta del Cosp e Il sindaco Luigi Brugnaro lo ha ripetutamente ringraziato.

I lagunari girano a gruppi di tre con un mitra in mano, che però funge fortunatamente solo da minaccia, in quanto i militari non possono agire in nessun modo , devono avvertire carabinieri e polizia di eventuali violazioni.

Il loro monitorare le zona a rischio, dovrebbe secondo il Cosp e il comandante dei Vigili urbani Marco Agostini, allontanare i frequentatori assidui di Via Piave (dove sono in corso i lavori per il nuovo Farmer’s market), dei parchi e di alcuni quartieri noti, arginare le attività illegali, portare sicurezza e tranquillità agli abitanti di quelle zone.

Tutto vero, anche se purtroppo lavorare solo sugli effetti di un problema non è sufficiente, bisognerebbe ricercare i motivi, le cause della crescita del disagio, inoltre in altre città europee, come esempio Marsiglia – ha considerato Fabrizio Preo di casa Bainsizza – la presenza dei militari non ha diminuito la criminalità e molti cittadini hanno vissuto con disagio l’accostamento continuo, nella quotidianità, a uomini in divisa.

Un’altra considerazione riguarda la circolarità delle situazioni, che come le onde si sposta da un posto all’altro, pare che gran parte dello spaccio si stia trasferendo il altre zone di Mestre, già arrivano denunce e lamentele degli abitanti della zona Ca’ Rossa e Viale San Marco che richiamano a tutto titolo la presenza dei militari e della polizia.

Diventa quindi impensabile e ingovernabile un territorio totalmente militarizzato, qualcosa dovrà pur cambiare nella lettura di questo fenomeno e le azioni preventive dovranno necessariamente essere anche di altro stampo.

Andreina Corso | 24/05/2016 | (Photo d’archive) | [cod miliviapi]

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Giardinetti Reali di Venezia: eliminate due balaustre per dar spazio ai trasporti turistici. Lettere

"Recinzione Napoleonica ripristinata a San Marco dopo 14 anni di battaglie e un esposto del Prof. Mozzatto, ma subito rimossi ben due tratti della storica balaustra per fare dei pontili turistici: continua lo scempio a Venezia per dal posto alle attività...

Psoriasi, nuova cura: Secukinumab risulta efficace e può arrivare presto

Psoriasi, c'è una nuova cura: Secukinumab. Finalmente, dopo tante speranze e dopo tanti falsi miti, arriva una buona notizia su una patologia della pelle che riguarda 125 milioni di persone nel mondo. Psoriasi, c'è una nuova cura che promette molto bene e, soprattutto,...

Rapina in villa sul Terraglio pistole in pugno, minacciata bambina

Rapina odiosa a Mogliano, domenica sera. Sono circa le 19 e 30, quando quattro malviventi con passamontagna in faccia, irrompono nella villa sul Terraglio con le pistole in mano. Immobilizzano il proprietario, il petroliere Giancarlo Miotto di 79 anni, la moglie, e non...

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

DEMOCRAZIA? Gnanca su le scoasse! E io pago per l’immondizia tenuta in casa

Sarà l’età con tutti i prò e tutti i contro, sarà che mi giro attorno e vedo andar tutto al rovescio, anche se la buona vista non mi manca ma, da un po’ di tempo sono cambiata, DEVO protestare, perché quello...

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

“Venezia ‘Non è ecologica’, si può tranquillamente morire di smog”. Di Michele De Col (*)

Ancora una volta Venezia viene estromessa da qualunque provvedimento contro lo smog : natanti e navi possono continuare ad inquinare nonostante i valori ambientali siano spesso peggiori della terraferma! Chi tutela la salute di veneziani e ospiti in centro storico? Nessuno !

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro. Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta. “Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi...

I plateatici dei bar di Venezia tornano al loro posto?

I plateatici di Venezia torneranno al loro posto originale il 31/12/21 "rientrando" dalle espansioni concesse per compensare il lockdown.