28.9 C
Venezia
domenica 25 Luglio 2021

Dati su nuovi assunti erano sbagliati. Sono solo la metà

HomeEconomiaDati su nuovi assunti erano sbagliati. Sono solo la metà

dati nuovi assunti sbagliati job acts

I dati entusiastici sui nuovi posti di lavoro erano sbagliati. I nuovi numero dimezzano a 327.758 i nuovi occupati. In particolare sono stati completamente rivisti i dati su apprendistato e collaborazioni.

La tabella diffusa due giorni fa diceva che i posti di lavoro a tempo indeterminato attivati tra gennaio e luglio di quest’anno erano stati 630.858 in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Non era vero.

Ieri c’è stata l’ammissione dell’errore: l’aumento c’è ma i posti di lavoro in più sono la metà, 327.758.
Altre correzioni: la prima tabella, ieri sparita dal sito del ministero, diceva che i contratti cessati nello stesso periodo erano quasi 700 mila. Quella pubblicata ieri, invece, ne indica quasi un milione.

Alla fine, in ogni caso, cambia poco in proiezione Jobs act: già nei mesi scorsi era chiaro che i posti di lavoro non stanno aumentando, quella che sta crescendo è la fetta di contratti a tempo indeterminato, o meglio a tutele crescenti e quindi senza più l’articolo 18.

Redazione

27/08/2015

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. Non posso che condividere su tutto… Un paese in cui corruzione, malversazione, sfruttamento del lavoro dilagano scarica ogni responsabilità sui lavoratori, sulle famiglie e sulle future generazioni.
    I dati entusiastici sono diffusi dalla stampa che appartiene alle stesse forze economiche che controllano le economie occidentali. Esistono versioni in lingua inglese di noti giornali italiani (di cui non faccio il nome) che riportano dati entusiastici sulle riforme di Renzi per dimostrare alle élite mondiali che il nostro paese si sta “modernizzando” e “liberalizzando”. La realtà è che si va verso la più grande crisi mai vista dal 1929 e le politiche neo-liberiste non faranno altro che aggravare una situazione sempre più esplosiva.
    Avv. Gianluca Teat

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.