spot_img
20.2 C
Venezia
sabato 23 Ottobre 2021

D’Arienzo: “Zaia la smetta con i giochini con coronavirus e scelte del governo”

HomeCoronavirusD'Arienzo: "Zaia la smetta con i giochini con coronavirus e scelte del governo"

Il senatore D’Arienzo: “Zaia la smetta con i giochini. Annuncia le scelte giorni prima”.

Il duro attacco al presidente della Regione Veneto questa mattina da Roma.

“É finita la campagna elettorale, ma il giochino di Zaia continua. Complice la stampa veneta, si appropria delle scelte del Governo e del Comitato tecnico scientifico, annunciandole uno/due giorni prima della decisione finale”.

“Lo fa da mesi, ormai. Altrove, neanche l’avrebbero pubblicato”.
Queste le parole del senatore Vincenzo D’Arienzo, capogruppo Pd in commissione Lavori pubblici.

“I test rapidi a scuola – prosegue – non sono una sua decisione. Lo è, invece, la piena diffusione di questa importante opzione in tutte le scuole del Veneto”.

“Scommettiamo che se non sarà in grado di farlo, darà la colpa al Governo e, complice la stampa veneta – conclude – farà credere il contrario della verità?”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

Data prima pubblicazione della notizia:

2 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Sono favorevole a maggiori restrizioni soprattutto in strada, si obblighino le persone al rispetto delle regole indossando la mascherina su naso e bocca,la sanzione sia di 1000 €, ma non si vieti alle persone che hanno attività e che rispettano le norme la possibilità di lavorare. Non si può chiudere di nuovo per un mese, altrimenti non si riapre più, ma se chiusura deve essere lo sia totale sospendendo tutte le attività,si fermino trasporti,uffici pubblici e privati, scuole di ogni ordine e grado, supermercati, ipermercati,tim,luce acqua e gas e tutti dal primo all’ultimo senza stipendio, si chiuda il parlamento,e si sospendano gli stipendi di tutti i politici da Mattarella in giù, vediamo poi quanti saranno felici di queste restrizioni in nome della sicurezza degli anziani e dei bambini. Conte ci sta mettendo in prigione senza spare un solo colpo di fucile contro il popolo,non c’è riuscito nessuno prima di lui. T’amo pio bove.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements