5.7 C
Venezia
giovedì 09 Dicembre 2021

Dall’università al reparto in piena emergenza: l’avventura di Vanessa, giovane infermiera a Mestre

HomeLe belle notizieDall'università al reparto in piena emergenza: l'avventura di Vanessa, giovane infermiera a Mestre
la notizia dopo la pubblicità

Vanessa, una ragazza veneta dall’università al lavoro in piena emergenza COVID-19: “Essere infermiera è un dono”.

Nella gravissima situazione in cui stiamo vivendo a causa della pandemia di COVID-19, c’è chi tutti i giorni si espone a notevoli rischi dedicando il suo tempo alla lotta per mantenere in vita sempre più persone che in questo momento si trovano ricoverate.

Per fronteggiare questa emergenza c’è stata una ricerca di nuovo personale sanitario, come medici e infermieri, con impiego immediato per cercare di aiutare tempestivamente le aree più colpite dove vi era una crescita esponenziale del contagio.

Ci sono giovani ragazzi e ragazze che in meno di un anno, oppure in meno di qualche mese, e addirittura, in molti casi, da un momento all’altro sono passati dall’università al lavoro in piena emergenza sanitaria.

Ecco la testimonianza di una ragazza veneta: Vanessa Visentin, laureata in infermieristica che ci racconta la sua esperienza lavorativa in piena emergenza COVID-19.

Dove stai lavorando attualmente e precisamente in che reparto ti trovi?
“Mi sono laureata in Infermieristica il 20 Novembre 2019 e il 9 Gennaio 2020 sono stata assunta al Policlinico San Marco di Mestre in area riabilitativa. Attualmente lavoro in un reparto di riabilitazione creato ad hoc dalla struttura per gestire gli innumerevoli ricoveri di pazienti, prevalentemente ortopedici e neurologici, provenienti dalle altre strutture del territorio, essendo diventato il Policlinico il punto di riferimento per la riabilitazione durante questa pandemia. Tali pazienti richiedono l’attivazione dell’iter riabilitativo ma allo stesso tempo, essendo potenziali portatori del virus, poiché provenienti da strutture “infette”, vanno monitorati per i giorni necessari alla quarantena”

La tua famiglia come sta vivendo il rischio che comporta il tuo lavoro in questa situazione di emergenza?
“In famiglia sentiamo molto questa pandemia poiché non solo io mi trovo a lavorare in ospedale, ma anche mia mamma che è infermiera, dunque le preoccupazioni sono doppie, in particolare per mio papà che si trova ad avere sia moglie che figlia impegnate a fronteggiare il virus. Io e mia mamma cerchiamo di darci forza a vicenda speranzose che la situazione si risolva il più presto possibile, d’altro canto sono molto fieri di dove sono arrivata e di come sto affrontando la situazione”.

Quanto pesa secondo te la paura del contagio in questo momento per chi fa il tuo stesso lavoro?
“Credo che la paura del contagio in noi operatori pesi moltissimo per due motivi in particolare: il primo è che si lavora spesso nell’incertezza e credo che lavorare nell’incertezza sia la cosa più brutta, non sai se chi hai davanti sia positivo o meno, molti sono asintomatici eppure possono essere positivi, non sai se ti sei vestito correttamente, se hai disinfettato bene il telefono, le scarpe o quant’altro quando esci. La seconda è che siamo umani anche noi, abbiamo una famiglia, io ad esempio ho una nonna anziana che vive con noi e pensare di poter portare a casa il virus, che a me magari non causa nulla, ma per lei può essere pericoloso, questo si mi fa paura!”.

Se tu potessi tornare indietro rifaresti il percorso di studi che hai fatto?
“Come spesso dico, rifarei altre mille volte la stessa scelta che ho fatto ormai quasi 4 anni fa. Essere infermiera, è un dono, una passione, non è un lavoro, se lo si fa come lavoro a mio avviso non lo si fa bene ed è meglio cambiare strada. Io ho ancora tanto da imparare ma accanto a me ho colleghi speciali che mi stanno facendo sentire, nonostante sia fresca di laurea, di essere parte di una grande famiglia. Come dico sempre spero di poter essere brava tanto quanto lo è mia mamma che, credo, fin da piccola mi ha influenzata positivamente ad intraprendere questa difficile ma bellissima strada”.

Alessia Tosi

(foto da archivio)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Bella giornata a Venezia rovinata da una dimenticanza: 184 euro di multa Actv

Buongiorno, sono una studentessa 25enne in corso di laurea magistrale e vorrei raccontarVi quanto accadutomi stamane 02/04/2017, al ritorno dalla "So e Zo per i ponti" a Venezia. Premetto di aver passato una bellissima mattinata in compagnia del mio fratellino e di un...

Malattia durante le ferie del lavoratore dipendente. Che fare?

Innanzitutto, ringrazio la Voce di Venezia per avermi concesso questa rubrica in materia di diritto del lavoro. Sovente i media menzionano parole come TFR, licenziamento per giusta causa, parasubordinazione, contratti collettivi e infinite altre, dando per scontato il loro significato. In realtà,...

“Frecce tricolori su Venezia: io non le gradisco e il mio cane ha paura”. Lettere al giornale

Gentile cronista, la prego di pubblicare quanto segue. Le Frecce Tricolori a Venezia oggi (venerdì 28 maggio, ndr) sono passate ripetutamente con sorvoli verosimilmente bassi, tanto che mi tremavano i vetri della casa. Avevo letto che la loro esibizione è domani (sabato 29...

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...

Plateatici liberi a Venezia, ma mia madre non riesce più a passare. Lettere

Gran parte della città comprende e approva la delibera comunale che recita ”I pubblici esercizi possono occupare suolo pubblico anche in deroga alle limitazioni poste dalle norme vigenti, con il massimo della semplificazione amministrativa possibile, fino al 31 Luglio”. Ma la...

Padova: “Prego biglietti”. Stranieri minori fanno il finimondo: scaraventate a terra due verificatrici

Padova, lunedì poco prima delle sei del pomeriggio autobus di linea in via Venezia. Alla fermata sul "10" salgono i controllori, uomini e donne. Ormai da tempo fare il verificatore nei mezzi pubblici è mestiere "a rischio" quindi i dipendenti di Busitalia...

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...

Pensioni, novità in vista: Quota 41, Lavoratori fragili e Opzione donna

Pensioni: novità all'orizzonte in campo previdenziale. Tanta la carne al fuoco con una nuova "faccia" per l' Ape social e una nuova "Quota 41", ma non per tutti, e una certezza: si va verso la proroga per l' Opzione donna.

DEMOCRAZIA? Gnanca su le scoasse! E io pago per l’immondizia tenuta in casa

Sarà l’età con tutti i prò e tutti i contro, sarà che mi giro attorno e vedo andar tutto al rovescio, anche se la buona vista non mi manca ma, da un po’ di tempo sono cambiata, DEVO protestare, perché quello...

La manifestazione di Venezia contro il vaccino: siringhe come carri armati

La difesa ferrea delle proprie convinzioni, ha scatenato gli oltre mille manifestanti contrari al vaccino e alla certificazione verde e li ha trasformati in oratori e attori impegnati a interpretare un copione pieno di riferimenti storici e di accenti letterari e...

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.