-0.1 C
Venezia
lunedì 25 Gennaio 2021

Dall’università al reparto in piena emergenza: l’avventura di Vanessa, giovane infermiera a Mestre

Home Le belle notizie Dall'università al reparto in piena emergenza: l'avventura di Vanessa, giovane infermiera a Mestre
sponsor

Vanessa, una ragazza veneta dall’università al lavoro in piena emergenza COVID-19: “Essere infermiera è un dono”.

sponsor

commercial

Nella gravissima situazione in cui stiamo vivendo a causa della pandemia di COVID-19, c’è chi tutti i giorni si espone a notevoli rischi dedicando il suo tempo alla lotta per mantenere in vita sempre più persone che in questo momento si trovano ricoverate.

Per fronteggiare questa emergenza c’è stata una ricerca di nuovo personale sanitario, come medici e infermieri, con impiego immediato per cercare di aiutare tempestivamente le aree più colpite dove vi era una crescita esponenziale del contagio.

Ci sono giovani ragazzi e ragazze che in meno di un anno, oppure in meno di qualche mese, e addirittura, in molti casi, da un momento all’altro sono passati dall’università al lavoro in piena emergenza sanitaria.

Ecco la testimonianza di una ragazza veneta: Vanessa Visentin, laureata in infermieristica che ci racconta la sua esperienza lavorativa in piena emergenza COVID-19.

Dove stai lavorando attualmente e precisamente in che reparto ti trovi?
“Mi sono laureata in Infermieristica il 20 Novembre 2019 e il 9 Gennaio 2020 sono stata assunta al Policlinico San Marco di Mestre in area riabilitativa. Attualmente lavoro in un reparto di riabilitazione creato ad hoc dalla struttura per gestire gli innumerevoli ricoveri di pazienti, prevalentemente ortopedici e neurologici, provenienti dalle altre strutture del territorio, essendo diventato il Policlinico il punto di riferimento per la riabilitazione durante questa pandemia. Tali pazienti richiedono l’attivazione dell’iter riabilitativo ma allo stesso tempo, essendo potenziali portatori del virus, poiché provenienti da strutture “infette”, vanno monitorati per i giorni necessari alla quarantena”

La tua famiglia come sta vivendo il rischio che comporta il tuo lavoro in questa situazione di emergenza?
“In famiglia sentiamo molto questa pandemia poiché non solo io mi trovo a lavorare in ospedale, ma anche mia mamma che è infermiera, dunque le preoccupazioni sono doppie, in particolare per mio papà che si trova ad avere sia moglie che figlia impegnate a fronteggiare il virus. Io e mia mamma cerchiamo di darci forza a vicenda speranzose che la situazione si risolva il più presto possibile, d’altro canto sono molto fieri di dove sono arrivata e di come sto affrontando la situazione”.

Quanto pesa secondo te la paura del contagio in questo momento per chi fa il tuo stesso lavoro?
“Credo che la paura del contagio in noi operatori pesi moltissimo per due motivi in particolare: il primo è che si lavora spesso nell’incertezza e credo che lavorare nell’incertezza sia la cosa più brutta, non sai se chi hai davanti sia positivo o meno, molti sono asintomatici eppure possono essere positivi, non sai se ti sei vestito correttamente, se hai disinfettato bene il telefono, le scarpe o quant’altro quando esci. La seconda è che siamo umani anche noi, abbiamo una famiglia, io ad esempio ho una nonna anziana che vive con noi e pensare di poter portare a casa il virus, che a me magari non causa nulla, ma per lei può essere pericoloso, questo si mi fa paura!”.

Se tu potessi tornare indietro rifaresti il percorso di studi che hai fatto?
“Come spesso dico, rifarei altre mille volte la stessa scelta che ho fatto ormai quasi 4 anni fa. Essere infermiera, è un dono, una passione, non è un lavoro, se lo si fa come lavoro a mio avviso non lo si fa bene ed è meglio cambiare strada. Io ho ancora tanto da imparare ma accanto a me ho colleghi speciali che mi stanno facendo sentire, nonostante sia fresca di laurea, di essere parte di una grande famiglia. Come dico sempre spero di poter essere brava tanto quanto lo è mia mamma che, credo, fin da piccola mi ha influenzata positivamente ad intraprendere questa difficile ma bellissima strada”.

Alessia Tosi

(foto da archivio)

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor
sponsor

Altri titoli

Oltre 400 daspi a Venezia nel 2020, ritirate 83 patenti

Oltre 400 daspi urbani a Venezia nel 2020. Il Comando generale della Polizia locale di Venezia informa che, in occasione della festività di San Sebastiano,...

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente. Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in...

Whatsapp cede dati a Facebook? Fuga di utenti in massa: sospeso tutto per tre mesi

Whatsapp cede i dati a Facebook? Sul punto c'è una gran confusione, dice l'azienda di messaggistica, ma ormai il l'allarme era partito tra i...

“Il Carnevale di Venezia 2021 si farà”: ma come? Tutti gli scenari della kermesse

Tra un paio di settimane avrà inizio il Carnevale di Venezia 2021 mentre aumentano le incognite sulla sua organizzazione. Nel Carnevale 2020 ci fu...

Crolla a terra a San Giovanni Grisostomo, malore fulminante

Verosimile malore fulminante a San Giovanni Grisostomo, a Venezia, ieri sera. Un uomo che stava passeggiando è improvvisamente crollato a terra probabilmente colto da un...
commercial

L’Isola dei Famosi 2021, i concorrenti: indiscrezioni su 47 possibili naufraghi

Il Grande Fratello VIP non è finito, anzi, ancora non è chiaro quando andrà in onda la finale. Nel frattempo già si parla del...

Hanging Challenge e i ragazzini su TikTok si stringono una cinta al collo. Morta bimba di 10 anni

Hanging Challenge è il nome di quest'ultima aberrazione. E' una 'sfida', le chiamano 'challenge', ed è l'ultima arrivata tra quelle lanciate sui social per provocare...

È morto anche il papà del falconiere, Gianni Busso

Nella notte tra lunedì e martedì è morto Gianni Busso, di 72 anni, all'ospedale dell'Angelo di Mestre, dov'era ricoverato dall'11 dicembre scorso per il...

Veneto prossima settimana in zona arancione o gialla. Zaia: «Sicuramente non rossa»

Sono 1359 i positivi nelle ultime 24 ore in Veneto con l'incidenza dei contagi al 3%. Non avendo più con la nuova circolare la...

Morte della donna dimessa a piedi dal pronto soccorso, partite le indagini

Ci saranno minuziose indagini conseguentemente al decesso di Fabiana Carone, la povera donna di 52 anni morta dopo aver fatto rientro al proprio domicilio...
sponsor

Incidente con lo scooter sul Ponte della Libertà: residente a Lido ricoverato in gravi condizioni

Incidente con lo scooter giovedì pomeriggio sul Ponte della Libertà. Un uomo di 57 è ricoverato in gravi condizioni a Mestre. Diverse le ipotesi della...

Trovato morto nel letto d’ospedale dopo l’intervento al piede

Trovato morto nel suo letto d'ospedale dopo l'intervento al piede. E’ successo il 19 gennaio all'ospedale di Mirano: un uomo di 72 anni, Luigi Geretto,...

Terremoto, i comuni più a rischio in Veneto: la mappa aggiornata

Terremoto, i comuni più a rischio in Veneto sono 11. La mappa delle zone sismiche della regione è stata aggiornata dalla giunta regionale, su...

Mestre, sabato ore 18: centinaia per lo spritz senza mascherina [video]. Lettere

Mestre, sabato sera: poche ore fa. Il video parla da solo. La segnalazione del lettore questa volta produce le prove incontrovertibili di come (alcuni) giovani se...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati
commercial

Coronavirus Venezia, la seconda ondata si sta ritirando

Coronavirus Venezia e provincia, la seconda ondata da segni di regressione. Il primo segno si può interpretare con il tasso di occupazione dei posti letto. I...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Ancora Legge n. 104. Cosa posso fare e non posso fare durante i giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap. Quali...

Giovane fermato alla guida, ma non ha mai preso la patente. In auto droga e Taser

Compagnia Carabinieri di Venezia Mestre attenta e presente nei controlli coordinati del centro città e periferia. Tra i vari reati accertati ieri la condotta grave...

Donna dimessa a piedi dal pronto soccorso di notte (poi morta), Lihard: verificare responsabilità

Il Movimento per la difesa della Sanità Pubblica Veneziana è venuto a conoscenza della dolorosa trafila, conclusasi tragicamente, di una signora colta da malore...

Coronavirus Venezia, nuovi positivi con leggera ripresa

Coronavirus Venezia (e provincia) una giornata in chiaro-scuro quella che va dalle ore 17 di martedì alle ore 17 di mercoledì. In attesa che i...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.