Crocefisso restituito al ‘Sacro Cuore’, l’aveva rubato un tunisino

ultimo aggiornamento: 31/12/2019 ore 09:52

85

crocefisso rubato cavallino maresciallo sorice 311219

Una caso di qualche tempo fa, che aveva creato perplessità e preoccupazione nei cittadini di Cavallino-Treporti, è stato risolto dai Carabinieri della locale Stazione dei Carabinieri.

Dopo attenta attività investigativa e di riscontro, i militari hanno denunciato in stato di libertà, per il reato di “furto aggravato all’interno di edifici adibiti all’esercizio del culto” B.I. 18enne, cittadino tunisino, pregiudicato, residente in Cavallino Treporti, di fatto domiciliato in Jesolo.

L’individuazione del colpevole aveva anche consentito la restituzione del crocefisso in ottone rubato nel pomeriggio del 17 agosto u.s. presso la locale parrocchia del “Sacro Cuore”.

L’attività investigativa era partita subito dopo la denuncia da parte del sacerdote della parrocchia. Il furto era avvenuto da sopra l’altare ma l’autore era stato ripreso dall’impianto di videosorveglianza della chiesa.

E’ stato proprio lo straniero, ormai scoperto, ad accompagnare gli investigatori presso l’attuale domicilio in Jesolo dove è stato recuperato del crocefisso che è stato subito restituito a Don Fabio Miotto dal Comandante della locale Stazione Carabinieri, Mar. Ca. Cosimo Sorice.

Riproduzione Riservata.

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here