29.3 C
Venezia
lunedì 26 Luglio 2021

Covid mercoledì: leggero aumento ma ancora tanti decessi

HomeaggiornamentoCovid mercoledì: leggero aumento ma ancora tanti decessi

Covid oggi: leggero aumento con ancora oltre 21.000 casi in un giorno e ancora tanti decessi.
L’epidemia di Covid-19 in Italia continua a viaggiare su numeri molto elevati, anche se si intravede qualche segnale positivo, come la possibilità che le terapie intensive possano raggiungere il picco ormai a giorni, mentre per il picco dei decessi potrebbe volerci ancora una settimana. Segnali positivi anche per quanto riguarda l’indice di contagio Rt, che nelle analisi di più esperti mostra segni di tendenza alla diminuzione.
I dati del ministero della Salute indicano che i casi positivi sono stati 21.267, il 13% in più rispetto ai 18.765 di 24 ore prima.
I nuovi contagi sono stati individuati grazie a 363.767 tamponi, fra molecolari e antigenici rapidi, contro i 335.189 del giorno precedente. Di conseguenza il tasso di positività è salito al 5,8%, lo 0,2% in più rispetto al 5,6% di 24 ore prima; calcolando invece il rapporto fra i casi positivi e i soli tamponi molecolari il tasso di positività è del 9%, con una flessione del 2%.

I decessi sono stati 460: il 17% in meno rispetto ai 551 di 24 ore prima: un numero ancora elevato che costituisce – viene detto – un “dato atteso”. Riflette infatti l’aumento dei casi positivi avvenuto circa 20 giorni fa, ma che è stato comunque rallentato grazie alla vaccinazione di molti anziani e che si avvia verso il picco, atteso fra circa una settimana, rileva il fisico Giorgio Sestili, fondatore della pagina Facebook ‘Coronavirus – Dati e analisi scientifiche’ e del network di comunicazione della scienza ‘giorgiosestili.it’.
“Nelle ultime settimane, osserva ancora l’esperto, “la letalità si è leggermente ridotta, posizionandosi sotto il 2 %, mentre in precedenza era sopra di almeno il 2%”.
Per quanto riguarda la situazione nelle unità di terapia intensiva, i ricoverati sono complessivamente 3.588: 42 più in 24 ore nel saldo giornaliero tra entrate e uscite, pari a un incremento dell’1%.
Gli ingressi giornalieri sono stati 300, in lieve flessione rispetto ai 317 del giorno precedente.
I ricoverati nei reparti Covid sono complessivamente 28.438 persone, con un incremento di 10 unità in 24 ore.

Tra le regioni, a registrare il maggiore incremento giornaliero è la Lombardia, con 4.282; seguita da Piemonte (2.223), Campania (2.045), Veneto (2.042), Emilia Romagna (1.725), Toscana (1.197), Lazio e Puglia (1.709 ciascuno). È possibile osservare che” in varie regioni e province autonome le misure di contenimento hanno avuto i primi effetti positivi”, dice il fisico Roberto Battiston, dell’Università di Trento, coordinatore dell’Osservatorio dei dati epidemiologici in collaborazione con Agenas. Per il fisico l’indice di contagio Rt è pari a 1,07 ed è in calo. “La situazione è stazionaria, ma in via di miglioramento”, scrive il fisico sul suo sito. “Si inziano infatti a vedere segni di stabilizzazione e di discesa dell’indice Rt” e “a partire da martedì-mercoledì – prosegue – ci si aspetta di vedere gli effetti sugli Rt delle regioni rosse attivate lunedì 15 marzo”. Segnali positivi anche dalle analisi di Sestili: “Veniamo da diverse settimane di un consistente aumento dei casi positivi, arrivati a incrementi settimanali superiori al 20% e sappiamo – osserva – che l’andamento dei decessi segue quello dei casi positivi a distanza di 20 giorni. Nell’ultima settimana abbiamo però assistito a un calo del 2%: questo significa che abbiamo raggiunto il picco e che i casi hanno smesso di crescere”. C’è però da notare, rileva il fisico, che “i decessi non sono aumentati in modo proporzionale ai casi”. Questo è accaduto perché le vaccinazioni degli anziani hanno rallentato almeno parzialmente la crescita.

» ti potrebbe interessare anche: “Vietata visita a parenti e amici. Cos’è cambiato con la zona rossa a Venezia e in Veneto

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.