25.6 C
Venezia
mercoledì 04 Agosto 2021

Covid mercoledì in Veneto: 2.191 nuovi contagi in 24 ore

HomeCovid in VenetoCovid mercoledì in Veneto: 2.191 nuovi contagi in 24 ore

Covid in Veneto che non mostra segni di recessione: 2.191 nuovi contagi in 24 ore. Anche oggi dunque, in attesa che Ema sblocchi o meno domani le vaccinazioni AstraZeneca, il Veneto fa i conti con i numeri sempre più preoccupanti della terza impennata della pandemia. 2.191 nuovi contagi e si innalza il dato delle vittime, 59 nelle ultime 24 ore.
Il totale degli infetti da inizio dell’epidemia sale a 359.247, quello delle vittime a 10.259.
Crescita anche nei normali reparti medici, sono 1.337 i letti occupati, mentre nelle terapie intensive sono 191. Cifre che preoccupano anche il Presidente Luca Zaia: “i nostri modelli ci dicono che prima di fine marzo si potrebbero oltrepassare oltre 300 prese in carico nelle terapie intensive – osserva -. Sembra la replica di marzo dello scorso anno”.

Una strada in salita per il Veneto. “I nostri modelli di proiezione – aggiunge – indicano che fino a fine marzo ci sarà la parte più impegnativa. Speriamo che ci aiuti la buona stagione e la campagna vaccinale, anche quella già fatta”.
Il Governatore al tempo stesso esterna la sua preoccupazione per lo stop imposto alla campagna vaccinale con AstraZeneca. “Per noi pesa per la metà sul totale dei vaccini – ricorda -. Spero che le autorità regolatrici e di controllo, e intendo Ministero e Aifa, pretendano e facciano estrema chiarezza immediata sui casi”.
Zaia conferma che in Veneto non si è registrato nessun caso avverso. “A tutt’oggi – ribadisce – sembra che non vi siano correlazioni tra vaccini e casi. Nel dato veneto, a fronte di migliaia di vaccinazioni non abbiamo avuto segnalazioni di gravi quadri clinici. Avendo vaccinazioni di massa così importanti, statisticamente ci possono essere casi di esordio di patologie e mortalità, che possono essere dissociati, per casualità, ma il magistrato con i suoi tecnici dovrà accertare se c’è o no correlazione. Fondamentale per noi è riavere autorizzate le vaccinazioni”.

In ogni caso il Veneto si dice pronto a ‘studiare’ eventuali correlazioni tra la somministrazione delle dosi ed effetti collaterali importanti. “Il dottor Flor (dg regionale della sanità, ndr) – annuncia Zaia – ha avuto un colloquio con il prof. Paolo Simioni dell’Università di Padova, esperto di malattie del sangue. Si è messo a disposizione per una ricerca, per valutare la coagulazione del sangue pre e post vaccino, su tutti i vaccini. Siamo a favore di un monitoraggio ‘random’, ci servirebbero volontari. È un intervento che ci sembra banale, e la questione mi sembra ragionevole”.

» potrebbe interessarti anche: “Covid, Zaia: “La vita è normale ma in 48 ore 198 ricoveri perché non respiravano””

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.