25.5 C
Venezia
sabato 24 Luglio 2021

Covid, aggiornamento di oggi. Ospedale di Salerno senza posti, arrivano carabinieri

HomeCovid oggiCovid, aggiornamento di oggi. Ospedale di Salerno senza posti, arrivano carabinieri

Covid: l’aggiornamento di oggi si apre con una notizia di cronaca che arriva da un ospedale di Salerno.
Sono arrivati i carabinieri all’ospedale “Scarlato” di Scafati (Salerno) dove da giorni si registrano code di ambulanze all’esterno.
I militari del Reparto Territoriale di Nocera Inferiore – come riportato da alcuni quotidiani e confermato da fonti investigative – al loro arrivo hanno trovato quattro mezzi di soccorso che attendevano con pazienti all’interno.
Un equipaggio stava aspettando che si liberasse un posto da circa 24 ore con il paziente a bordo.
Gli uomini dell’Arma, guidati dal tenente colonnello Rosario Di Gangi, hanno appurato che l’ospedale non riceveva per saturazione.
In queste ore sono in corso ulteriori accertamenti per verificare come vengono assegnati gli interventi e se il tutto stia funzionando in maniera corretta.
A Scafati negli ultimi giorni si sta vivendo una situazione definita insostenibile dagli stessi operatori sanitari.
L’ospedale è saturo soprattutto a causa del grave aumento di contagi che ha interessato il territorio dell’Agro Nocerino Sarnese.
Soltanto a Scafati i cittadini attualmente positivi sono 1336, una percentuale altissima che sta mandando in tilt la rete ospedaliera.

AGGIORNAMENTO DEI DATI DI OGGI, DOMENICA 7 MARZO
Sono 20.765 i test positivi al coronavirus nelle ultime 24 ore in Italia.
La nuova cifra porta il totale dall’inizio dell’emergenza a 3.067.486.
Sono invece 207 le vittime in un giorno, secondo i dati del ministero della Salute, per un totale di 99.785 morti.
Sono 271.336 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute.
Ieri erano stati 355.024.
Il tasso di positività di oggi è del 7,6%, in aumento di un punto rispetto al 6,6% di ieri.
Sono 2.605 i pazienti in terapia intensiva per il Covid in Italia.
Il numero mostra un +34 in più rispetto a ieri nel saldo quotidiano tra entrate e uscite.
Gli ingressi giornalieri in rianimazione, secondo i dati del ministero della Salute, sono 161 (ieri erano 214).
Nei reparti ordinari ci sono invece 21.144 persone, in aumento di 443 unità rispetto a ieri.
Ad oggi in Italia, secondo i dati del ministero della Salute, ci sono 472.862 attualmente positivi.
La cifra mostra un aumento di 7.050 rispetto alla giornata di ieri.
I guariti e i dimessi dall’inizio dell’emergenza sono invece 2.494.839, con un incremento di 13.467 nelle ultime 24 ore.

SITUAZIONE IN LOMBARDIA SI AGGRAVA
In Lombardia sono 4.397 i nuovi casi con 42.591 tamponi effettuati con il tasso di positività.
Il numero è in crescita al 10.3% (ieri 9.6%).
Aumentano sia i ricoverati in terapia intensiva (+8, 573) che negli altri reparti (+124, 5.058).
I decessi sono 33 per un totale complessivo di 28.738 morti in regione dall’inizio della pandemia.
La provincia di Brescia torna a essere la più colpita con 1228 positivi, seguita dalla città metropolitana di Milano (1.096), Monza e Brianza (381), Bergamo (369), Pavia (233), Mantova (205), Lecco (176), Como (166), Cremona (161), Varese (114), Lodi e Sondrio (51).
Oggi però a Milano la gente non ha rinunciato al rito dell’aperitivo collettivo.
Moltissimi i giovani sui Navigli a Milano, che si sono riuniti approfittando della bella giornata di sole per consumare cibo e bevande da asporto.
Data l’affluenza è stato indispensabile bloccare i punti di accesso alla Darsena per evitare assembramenti dopo quanto accaduto lo scorso weekend negli ultimi giorni di zona gialla.
Nonostante la massiccia presenza delle forze dell’ordine, non sempre è stato rispettato il distanziamento sociale, con gruppetti di persone sedute lungo l’argine del Naviglio a distanza ravvicinata.
Terminato l’aperitivo, la Darsena di Milano è lentamente svuotata, complice la chiusura dei locali a cui era consentito l’asporto fino alle 18.
Sono rimasti attivi i blocchi ai punti di accesso alle zone del Naviglio e le forze dell’ordine continuano a presidiare la zona per evitare assembramenti.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.