Corpo di uomo morto in acqua in Rio di Cannaregio. Testimone: "Credevamo giocattolo"

Il corpo di un uomo morto è affiorato dalle acque del di Rio di cannaregio questa mattina, poco dopo le 10. Ad avvistarlo è stato un gruppo di veneziani che si trovava sulla fondamenta, e ha notato un corpo senza vita di quello che poi è emerso essere un uomo, forse di giovane età.

Il cadavere galleggiava a pelo d’acqua vicino all’imbarcadero delle Guglie, affiancando le barche ormeggiate. Ad avvisare le forze dell’ordine una veneziana, M.G. che in quel momento stava attraversando la zona assieme alla sorella, B.G. .

“Stavamo tornando da una passeggiata – spiega B.G. – e quando siamo state all’altezza del ponte delle Guglie e abbiamo visto un gruppo di persone che fissavano l’acqua vicino al pontile dell’Actv. Ci siamo avvicinate e abbiamo scorto il corpo di quello che potrebbe essere un ragazzo. Non era possibile vedere bene il volto, che era rivolto verso l’acqua, ma si vedevano i capelli neri. Mia sorella ha subito chiamato la Polizia”.

Scattato l’allarme, sul posto sono presto intervenuti i carabinieri, i vigili urbani che hanno delimitato la zona e i sanitari del 118, anche se per la persona in acqua non c’era più nulla da fare. Secondo le prime testimonianze, la vittima portava una camicia chiara e dei pantaloni scuri.

“In un primo momento non eravamo sicuri che si trattasse di una persona – spiega un testimone – ma quando ci siamo avvicinati abbiamo notato i capelli scuri e la corporatura e sono svaniti i dubbi. Dall’aspetto del volto è probabile che si trovasse in acqua da più giorni”.

Sono ora in corso gli accertamenti sull’identità del cadavere, uno dei dubbi da verificare è che possa trattarsi del 26enne di nazionalità romena scomparso a Venezia giovedì 15 novembre.

Sul posto è giunto il medico legale per un primo esame esterno della salma.

Seguono aggiornamenti.

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here