19 C
Venezia
mercoledì 28 Luglio 2021

Coronavirus Veneto, la regione con più aumenti. I numeri per provincia

HomeCoronavirusCoronavirus Veneto, la regione con più aumenti. I numeri per provincia

Coronavirus Venezia, altre tre croci

Coronavirus in Veneto che segna numeri in rialzo. Sono 63 in 24 ore i nuovi positivi nella nostra regione.
Studiando le quantità si scopre che nel Trevigiano sono stati registrati 30 nuovi contagi, 8 nel Padovano, 6 nel Veneziano, una nel Bellunese, 9 nel Veronese, 6 nel Vicentino e 5 nel Rodigino.

In Veneto oggi ci sono 1.660 persone “attualmente positivi”, mentre si registra un nuovo decesso.

Sale anche il numero delle persone ricoverate: 3 in più in degenza ordinaria, 1 in più in terapia intensiva.
12 le persone ricoverate a Dolo (Venezia), su 44 del totale regionale.

SITUAZIONE GENERALE
Si abbassa l’età dei contagiati: se nei primi mesi della pandemia emergevano nella grande maggioranza i casi registrati in persone anziane, adesso le infezioni sono rilevate soprattutto nei giovani, tanto che l’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) rileva che a spingere la pandemia sono i contagi che avvengono fra chi ha da 20 a 40 anni.

“L’epidemia sta cambiando e le persone di 20, 30, 40 anni stanno sempre di più pilotando la diffusione”, ha detto il direttore dell’ufficio del Pacifico Occidentale dell’Oms, Takeshi Kasai. “Molti non sanno di avere l’infezione – ha aggiunto – e ciò aumenta il rischio di contagio dei più vulnerabili”.

Una preoccupazione confermata in Italia dalla curva delle nuove diagnosi di infezione, che continua a salire nonostante le fisiologiche oscillazioni quotidiane.
I dati del ministero della Salute indicano che nelle ultime 24 ore si sono registrati 403 casi, 83 più di ieri e concentrati soprattutto in Veneto (63) e Lombardia (50); contemporaneamente aumentato il numero di tamponi: quasi 54.000 contro i 30.000 del 18 agosto.
I decessi sono stati cinque, contro i quattro del giorno precedente.

I dati italiani indicano inoltre che l’età mediana dei casi confermati di infezione da Sars-CoV-2 è scesa dagli oltre 60 anni registrati nei primi due mesi dell’epidemia ai 35 anni di quest’ultimo periodo. Sempre nelle ultime settimane si è assistito a un incremento dei casi nella fascia di età compresa fra 0 e 18 anni. La stessa tendenza emerge dai dati Istat relativi ai primi risultati dei test sierologici condotti a campione sulla popolazione italiana e relativi a quasi 65.000 persone.

Emerge infatti che oltre il 48% dei casi positivi ha meno di 50 anni e che fra questi il 13,1% ha meno di 17 anni, il 14,8% ha fra 18 e 34 anni e il 20,2% ha fra 35 e 49 anni.
La maggior parte dei casi riguarda ancora gli ultracinquantenni, con il 19,9% di casi positivi nella fascia d’età compresa fra 50 e 59 anni, il 13,3% fra 60 e 69 anni e il 18,7% fra chi ha più di 70 anni.

“L’età media dei casi di infezione varia a seconda di chi è stato sottoposto a tampone: attualmente si fanno tamponi in prevalenza a persone che tornano dall’estero o a contatti di persone infettate, quindi in persone molte delle quali sono del tutto asintomatiche e spesso giovani”, ha osservato l’infettivologo Massimo Galli, dell’Università di Milano e primario dell’ospedale Sacco. “Al momento del grande disastro – ha detto riferendosi alle prime fasi dell’epidemia in Italia – si facevano tamponi solo ai pazienti gravi, che erano in maggioranza anziani.

Gli anziani, come dimostrano varie evidenze, compresi i nostri dati di Castiglione d’Adda, non solo sviluppano un’infezione più grave, ma sono anche più suscettibili dei giovani all’infezione, si infettano più facilmente”. Adesso però “gli anziani hanno imparato a essere prudenti, a proteggersi, ma bisogna evitare che l’infezione esca di controllo e si estenda di nuovo alle fasce più fragili”.

A far scattare il campanello d’allarme sono i ricoveri nelle unità di terapia intensiva: “stiamo cominciando a rivedere casi che necessitano di ricovero in rianimazione, anche se pochi, per fortuna. Nel mio ospedale – ha detto Galli – le persone intubate sono due, nemmeno particolarmente anziane, tornate da un viaggio all’estero: tocca per forza continuare a raccomandare cautela e il rispetto per le misure di prevenzione”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.