spot_img
spot_img
spot_img
20.1 C
Venezia
domenica 17 Ottobre 2021

Coronavirus, meno tamponi ma più contagi. C’è attesa per quanto dirà oggi Zaia

HomeCoronavirusCoronavirus, meno tamponi ma più contagi. C'è attesa per quanto dirà oggi Zaia

Coronavirus nel veneziano, zero nuovi contagi, un nuovo decesso

Coronavirus: risalgono i contagi e i morti e c’è molta attesa per quello che dirà il presidente del Veneto, Luca Zaia, nell’annunciato incontro di oggi.
Di certo c’è che nella situazione attuale i due fronti che preoccupano di più sono gli assembramenti, movida o spiagge che siano, e i focolai da migranti, così come i ‘casi d’importazione’.
Non sono pochi a pensare che quanto dirà oggi Zaia riguarderà proprio questi temi.

Sono 16 i nuovi casi di Coronavirus registrati nelle ultime 24 ore in Veneto, secondo il Bollettino regionale, che portano il totale dall’inizio della pandemia a 19.395.
Il dato porta a un aumento delle persone attualmente positive (408, +10 rispetto a ieri), ma sono invariati i soggetti posti in isolamento fiduciario (1.298).

I negativizzati crescono di 6 unità, a 16.948. Non cresce il numero di decessi, fermo a 2.039 di cui 1.435 negli ospedali.
Nessuna variazione per la situazione ospedaliera: 142 i ricoverati nei reparti ordinari e 9 nelle terapie intensive.

La situazione generale mostra aumenti che a tratti possono essere considerati consistenti in quanto sono stati fatti meno tamponi, come sempre nel fine settimana, ma nonostante questo tornano a salire i nuovi contagiati da coronavirus.

Sono 234 in più nel bollettino di domenica sera, a fronte dei 188 del giorno precedente.
Aumentano anche le vittime, da 7 a 9, ben 8 delle quali in Lombardia, che però vede diminuire la percentuale di positivi trovati sul totale nazionale (77, il 32,9%).

Pesano invece i contagiati in Emilia Romagna, 71, e in Calabria, 28, effetto dei focolai rispettivamente in alcune aziende e tra migranti sbarcati con il Covid.

Sono i contesti che ora preoccupano di più, assieme alla movida e agli assembramenti tipici dell’estate, con i nuovi casi tra i giovani in netto aumento.

Il ministro della Salute Roberto Speranza esorta a non abbandonare la prudenza, perché il virus circola ancora e le misure di sicurezza basilari saranno prorogate.

In Italia ci sono ancora oltre 13 mila persone positive al coronavirus, secondo i dati ufficiali del ministero della Salute, considerati sottostimati, la stragrande maggioranza dei quali in isolamento domiciliare.

Le vittime continuano ad aumentare, seppure con numeri a una cifra: la quota impressionante di 35 mila morti non è più tanto lontana.

Detto dell’aumento dei contagiati in 24 ore a fronte di appena 38 mila test, 8 nuove vittime su 9 si concentrano in Lombardia (l’altra è in Abruzzo), che ha però aumentato il numero di tamponi.
La regione di gran lunga più colpita vede anche salire di due unità i posti occupati in terapia intensiva (ora 31), nel secondo giorno consecutivo di lieve incremento a livello nazionale (+1).

Spicca il caso dell’Emilia Romagna, che nonostante il quinto giorno di fila senza vittime fa registrare il 30% dei nuovi contagiati in Italia con un +71, tra gli incrementi più alti delle ultime settimane.
In gran parte di tratta di infettati in un prosciuttificio o dei focolai già individuati nelle aziende di logistica Brt e Tnt.
La Regione chiede screening sistematici alle imprese del settore.

Anche la Calabria fa registrare 28 nuovi casi, migranti di un gruppo di 70 arrivati a Roccella Ionica venerdì.

Nel Lazio se ne registrano 20, dei quali 16 dall’estero (12 sono bengalesi).

In generale sono gli arrivi da altri Paesi, con qualsiasi mezzo, a preoccupare le autorità, mentre si cerca di arginare le violazioni durante la movida.

A Roma oltre 3 mila controlli dei vigili urbani nel weekend, con la chiusura di una discoteca e l’isolamento temporaneo di piazza Trilussa e piazza Bologna, troppo affollate.

All’Argentario, nel Grossetano, una festa abusiva in una villa con oltre 350 persone è stata interrotta dai carabinieri che hanno denunciato due persone, padre e figlio, responsabili del mega party.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

Data prima pubblicazione della notizia:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements