6.4 C
Venezia
sabato 23 Gennaio 2021

Coronavirus, aumentano guariti, tolgono conferenze stampa. Ricciardi: seconda ondata certa

Home Coronavirus Coronavirus, aumentano guariti, tolgono conferenze stampa. Ricciardi: seconda ondata certa
sponsor

Coronavirus, aumentano guariti, tolgono conferenze stampa. Ricciardi: seconda ondata certa

sponsor

Niente più conferenza stampa quotidiana di Angelo Borrelli, che grazie alla diretta streaming è entrata nelle case degli italiani e per diverse settimane ha rappresentato anche l’unico appuntamento istituzionale in cui fare domande agli esperti sulla pandemia.

commercial

Dopo 55 giorni senza interruzioni, la Protezione Civile dice addio all’appuntamento nel giorno in cui l’Italia fa segnare il record dei guariti, 2.563 in 24 ore, che portano il totale a 42.727.

Un dato che però non significa però vittoria, cioè che il virus sia debellato, ma solo che non c’è più emergenza nelle strutture ospedaliere.

Avverte il consulente del ministro Roberto Speranza e rappresentante italiano dell’Oms Walter Ricciardi: “Una seconda ondata di epidemia in autunno più che un ipotesi è una certezza”. Non solo: se si accelerano le riaperture il rischio concreto è che l’ondata arrivi prima dell’estate.

E c’è un altro elemento da tenere in considerazione, una buona parte dei nuovi contagi avviene in ambito domiciliare. Quindi prima di ripartire bisognerà organizzare la quarantena per le migliaia di persone che non hanno nelle proprie case le condizioni per potersi isolare.

Ecco perché, come ripetono fin quasi alla noia anche il presidente dell’Iss Silvio Brusaferro e quello del Consiglio superiore di Sanità Franco Locatelli, bisogna essere “assolutamente cauti e attenti nella ripresa, sia della nostra vita sociale sia nelle attività produttive”.

In particolare in Lombardia, la regione che – dice Ricciardi – “ha i maggiori problemi in Europa”. Riaprirla troppo presto, nonostante le pressioni, sarebbe una scelta “non saggia”. A determinare la fine della conferenze stampa quotidiana è però proprio l’andamento dei numeri.

“I dati sanitari ci indicano che si è alleggerita decisamente la pressione sulle strutture ospedaliere e tutto ciò ci rende consapevoli del grande lavoro svolto negli ospedali e della collaborazione dei cittadini – dice Borrelli – E per questo abbiamo deciso di rimodulare le conferenze stampa, ci saranno due volte a settimana”.

Il bollettino con i dati, criticato da molti anche se resta pur sempre l’unico documento contenente tutti i dati che le regioni hanno trasmesso al governo, però non scomparirà: “Continueremo a garantire massima trasparenza su dati ogni giorno, veicolandoli sul sito e sui social”, dice il capo Dipartimento.

Quei numeri che, anche oggi, confermano il trend discendente della curva. I nuovi casi sono “solo” 355 mentre dalle terapie intensive sono usciti altri 124 pazienti – record giornaliero anche questo -; la Lombardia è scesa sotto i mille ricoveri in rianimazione e dai reparti ordinari sono stati dimessi in 1.107 in tutta Italia.

Ma non solo: la percentuale dei positivi sul numero dei tamponi è oggi al 5.35%, la più bassa dall’inizio dell’epidemia, in sostanza un malato ogni 18,8 test.

L’altra buona notizia è che aver impedito la diffusione del contagio nel centro sud è un “dato ormai solido” dice Locatelli.

E’ vero che il numero dei morti è ancora alto, con 575 vittime nelle ultime 24 ore. Ma, fa notare il presidente del Css, è anche vero che ci sono 13 tra Regioni e Province autonome che fanno registrare un aumento dei decessi inferiore a 10.

Da domani dunque le luci nell’auditorium ‘Elio Di Cicco’ nella sede della Protezione Civile a Roma si accenderanno solo il lunedì e il giovedì. Finora non erano mai state spente: il 21 febbraio, il giorno dopo la scoperta del paziente uno a Codogno, ha ospitato i giornalisti in attesa della fine del vertice tra il Premier Giuseppe Conte e i ministri Speranza e Luigi Di Maio.

Il giorno dopo l’intero governo è arrivato in via Vitorchiano per il Consiglio dei ministri, e dopo mezzanotte il presidente del Consiglio ha fatto la sua prima comparsa in auditorium.

La prima conferenza stampa di Borrelli c’è stata il 23 febbraio mentre il giorno dopo è stato diffuso il primo bollettino: erano solo 5 le vittime – oggi sono 22.745 – e 219 i contagiati, oggi arrivati a 172.434.

Altri numeri, altra era, eppure meno di due mesi fa. La prima volta che gli italiani hanno visto Susanna Di Pietra, l’interprete Lis, è stato il 25 febbraio e poco meno di un mese dopo, il 22 marzo, hanno saputo che in Protezione civile si erano registrati 12 casi positivi al virus.

Si è temuto lo avesse preso anche Borrelli quando per tre giorni, dal 25 al 28 marzo, il capo Dipartimento si è assentato perché aveva la febbre. Ma anche in quel caso la conferenza stampa non è saltata.

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Venezia rialza la testa: si girano tre film

Venezia rialza la testa, al via le produzioni cinematografiche in città. Ciak, si gira. La laguna vuota e semideserta diventa un...

Whatsapp cede dati a Facebook? Fuga di utenti in massa: sospeso tutto per tre mesi

Whatsapp cede i dati a Facebook? Sul punto c'è una gran confusione, dice l'azienda di messaggistica, ma ormai il l'allarme era partito tra i...

Mestre, sabato ore 18: centinaia per lo spritz senza mascherina [video]. Lettere

Mestre, sabato sera: poche ore fa. Il video parla da solo. La segnalazione del lettore questa volta produce le prove incontrovertibili di come (alcuni) giovani se...

“Il Carnevale di Venezia 2021 si farà”: ma come? Tutti gli scenari della kermesse

Tra un paio di settimane avrà inizio il Carnevale di Venezia 2021 mentre aumentano le incognite sulla sua organizzazione. Nel Carnevale 2020 ci fu...

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente. Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in...

Coronavirus a Venezia arretra. Addio a madre e figlio di Cavallino-Treporti

Coronavirus a Venezia che mostra un arretramento, come un'onda di marea che si ritrae, sperando definitivamente. 135 nuovi casi in 24 ore: un numero significativo,...
commercial

Oltre 400 daspi a Venezia nel 2020, ritirate 83 patenti

Oltre 400 daspi urbani a Venezia nel 2020. Il Comando generale della Polizia locale di Venezia informa che, in occasione della festività di San Sebastiano,...

Venezia deserta per il Covid, ecco Rialto di domenica [VIDEO]

Venezia deserta per il Covid, con un video vi mostriamo la zona di Rialto oggi pomeriggio, domenica 17 gennaio 2021. Sono immagini tristi e nel...

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando...

Crolla a terra a San Giovanni Grisostomo, malore fulminante

Verosimile malore fulminante a San Giovanni Grisostomo, a Venezia, ieri sera. Un uomo che stava passeggiando è improvvisamente crollato a terra probabilmente colto da un...

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo. Ultima ora

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo domani. La norma è contenuta nella bozza del nuovo Dpcm. Via libera a crociere navi italiane. Le...

L’Isola dei Famosi 2021, i concorrenti: indiscrezioni su 47 possibili naufraghi

Il Grande Fratello VIP non è finito, anzi, ancora non è chiaro quando andrà in onda la finale. Nel frattempo già si parla del...
sponsor

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. L’azienda : un errore

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. Un mero "errore materiale" secondo la spiegazione. Uno scambio di fiale? Una cosa così. E' successo...

È morto anche il papà del falconiere, Gianni Busso

Nella notte tra lunedì e martedì è morto Gianni Busso, di 72 anni, all'ospedale dell'Angelo di Mestre, dov'era ricoverato dall'11 dicembre scorso per il...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Veneto prossima settimana in zona arancione o gialla. Zaia: «Sicuramente non rossa»

Sono 1359 i positivi nelle ultime 24 ore in Veneto con l'incidenza dei contagi al 3%. Non avendo più con la nuova circolare la...

Hanging Challenge e i ragazzini su TikTok si stringono una cinta al collo. Morta bimba di 10 anni

Hanging Challenge è il nome di quest'ultima aberrazione. E' una 'sfida', le chiamano 'challenge', ed è l'ultima arrivata tra quelle lanciate sui social per provocare...

Esplode la casa, morti due anziani. Forse colpa perdita Gpl dello stabile

Padova, San Giorgio in Bosco, teatro della tragedia di questa mattina legata agli impianti di riscaldamento. A causa dello scoppio e conseguente incendio nell'appartamento, due...
commercial

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...

Incidente con lo scooter sul Ponte della Libertà: residente a Lido ricoverato in gravi condizioni

Incidente con lo scooter giovedì pomeriggio sul Ponte della Libertà. Un uomo di 57 è ricoverato in gravi condizioni a Mestre. Diverse le ipotesi della...

Trovato morto nel letto d’ospedale dopo l’intervento al piede

Trovato morto nel suo letto d'ospedale dopo l'intervento al piede. E’ successo il 19 gennaio all'ospedale di Mirano: un uomo di 72 anni, Luigi Geretto,...

Terremoto, i comuni più a rischio in Veneto: la mappa aggiornata

Terremoto, i comuni più a rischio in Veneto sono 11. La mappa delle zone sismiche della regione è stata aggiornata dalla giunta regionale, su...

Virus, c’è una nuova “variante”. Bloccati tutti voli dal Brasile

Virus, c'è una nuova "variante" dopo quella definita "variante inglese". Altrettanto maggiormente aggressiva e pericolosa? Le uniche cose certe al momento sono che l'Italia ha...

23 persone morte dopo il vaccino in Norvegia. Pfizer: “Incidenti in linea con previsioni”

23 persone morte dopo il vaccino in Norvegia. Di più: la definizione testuale dice: "La Norvegia registra 23 morti 'legate alla vaccinazione' ". L'agenzia del...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.