Confartigianato: “Il panettiere di Venezia va premiato, non sfrattato”

ultimo aggiornamento: 27/02/2015 ore 18:14

125

panettiere di Venezia

Sul rischio di sfratto al panettiere di Venezia, residente a Dorsoduro, interviene duramente la Confartigianato di San Lio che indica come l’episodio sia ormai lo specchio della situazione nel centro storico lagunare.

Gianni De Checchi, segretario Confartigianato Venezia, ha così dichiarato: “Siamo rimasti sconvolti alla notizia del possibile sfratto del signor Edgardo Cargnelli dalla sua casa e dal suo panificio di Calle dea Dona Onesta a Dorsoduro. Forse se fossimo stati avvisati prima della situazione avremmo potuto intervenire ma ciò non toglie che questa situazione diventa il simbolo più concreto della deriva che ormai ha preso la città. Una storica attività chiude senza nessuno che prenda il testimone e un cittadino che ha vissuto sempre a Venezia mandato in strada senza tanti remore. Con il suo storico panificio Cargnelli ha dato un servizio alla cittadinanza e dovrebbe ricevere un premio per aver resistito in questa città, invece rischia lo sfratto”.


“Non entro nel merito degli aspetti giuridici della questione, ma di quelli politici si: questa è la città che il prossimo Sindaco si troverà in mano, un enorme casa di vacanze, un grande villaggio turistico dove non troveranno più spazio attività economiche, ma nemmeno i residenti” ha prseguito De Checchi.

Confartigianato Venezia rivolge un appello al Commissario: “Chiami il signor Cargnelli e il suo avvocato per trovare una soluzione e per avviare una mediazione”.
“Siamo a disposizione per dare una mano a Cargnelli se ritiene utile il nostro intervento, possiamo incontrarci per capire assieme al suo legale se vi sono margini di azione per risolvere quanto gli sta accadendo, una situazione che, se confermata, dovrebbe far vergognare Venezia”.


TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here