Comunicato della Croce Rossa: “Non bere l’acqua del rubinetto”, ma da noi ciò è stato smentito ufficialmente

ultima modifica: 02/11/2018 ore 14:27

2468

M5S scopre nuove sostanze cancerogene nell'acqua che beviamo

Comunicato della Croce Rossa: “Non bere l’acqua del rubinetto”, ma ai dovuti controlli la notizia si rivela priva di fondamento.

“Divieto assoluto di bere l’acqua del rubinetto per le giornate del 29/10 e 30/10…”, oggi e domani, insomma. La motivazione? Da paura: possibile contaminazione dell’acqua dell’acquedotto municipale.
Il messaggio comincia a girare nella mattinata di lunedì aumentando le potenzialità di diffusione attraverso sms e Whatsapp e spaventando diversa gente che si mette a cercare conferme ufficiali da istituzioni “affidabili”.

La platea, occorre ricordarlo, è già provata dal thriller delle previsioni del tempo che sta andando in onda e l’impatto emotivo che provoca il messaggio allarmante è notevole.
Diverse mail e telefonate arrivano anche alla nostra redazione.

La cosa più immediata da fare è stato sentire la Croce Rossa Italiana, presunta autrice del messaggio, che smentisce immediatamente di aver divulgato tale avviso di pericolo. Anzi, l’ente rilascia subito un suo proprio comunicato (questa volta davvero) che recita: “In relazione al presunto invito a non bere acqua di rubinetto oggi e domani, Croce Rossa italiana- Comitato Regionale Veneto smentisce ogni disposizione di questo tipo…”.

A questo punto decidiamo davvero di pubblicare la notizia, ma solo al fine di tranquillizzare le persone e fare rientrare qualsiasi ingiustificato allarme.

Passa poco tempo ed arriva anche la smentita ufficiale di Veritas e Comune di Venezia che tagliano definitivamente ogni discorso allarmistico: “Sta girando da qualche ora un messaggio WhatsApp, firmato Croce rossa italiana, che invita i cittadini a non bere acqua di rubinetto, causa contaminazione. Al momento non è possibile determinare se questo messaggio sia una fake news o se faccia riferimento a una situazione reale, verificatasi chissà dove e poi arrivata qui attraverso i social.

L’unica cosa certa è che nel territorio dove Veritas gestisce il servizio idrico integrato (quindi l’acquedotto pubblico) non c’è e non c’è stata alcuna contaminazione dell’acqua potabile. L’acqua che esce dai rubinetti allacciati al pubblico acquedotto è sicura, controllata e perfettamente potabile. Veritas invita i cittadini a consumarla senza alcuna
incertezza o diffidenza.

A questo punto è possibile rassicurare i lettori che l’acqua del nostro acquedotto è potabilissima.

E se dovessimo trovare una spiegazione al messaggio allarmistico, proveremmo probabilmente a cercarlo nella personalità disturbata di qualche individuo che prova eccitazione nel vedere una sua idea ottenere una propagazione così veloce e così profonda grazie ai moderni mezzi di comunicazione.

Oppure, come suggerisce scherzosamente qualcuno, nella fervida mente di qualcuno che intendeva dare uno slancio ulteriore alle vendite di acqua in bottiglia.

Riproduzione Riservata.

LEGGI TUTTO

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Carnevale di Venezia 2020
➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here