Igiene e sicurezza, chiuso parrucchiere cinese

ultimo aggiornamento: 22/04/2015 ore 14:52

228

parrucchiere cinese VTVE

I negozi di parrucchiere cinesi spopolano, ma non sempre i prezzi bassi sono sinonimo di qualità. Ieri il Nucleo Carabinieri Direzione territoriale del lavoro di Venezia, comandati dal maresciallo Fabio Ricco, ha messo i sigilli ad un negozio di parrucchiere situato in Via Mestrina.

Nelle ultime settimane i Carabinieri dell’Ispettorato del Lavoro stanno facendo dei controlli in queste ed altre attività commerciali della provincia di Venezia, smascherando chi non è in regola con le normative imposte.


Scarsa igiene con servizi al limite della decenza, presenza di muffa, impianto elettrico non a norma, mancanza di segnaletica di sicurezza e anche un contatore dell’energia elettrica bruciato. Nonché personale non qualificato, lavatrici e stendini per lavare i vestiti dove non avrebbero dovuto esserci, prodotti mischiati dentro gli armadi.

Tutti elementi questi, che hanno costretto i militari a chiudere l’attività, finché tutto non verrà messo a norma. I titolari cinesi inoltre, dovranno pagare una multa di 15mila euro.

Redazione


22/04/2015

Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here