COMMENTA QUESTO FATTO
 

Chievo e Sassuolo, un pareggio che serve di più ai veronesi

Chievo e Sassuolo hanno pareggiato 1-1 in un anticipo della 25/a giornata della serie A, ed è un risultato che serve più all’obiettivo salvezza del Chievo, che alle ambizioni di Europa del Sassuolo. Allo scadere del match sono infatti gli uomini di Maran a fare festa, attesi ora dal derby cittadino con il Verona.
La squadra di Di Francesco si schiera con il 4-3-3. In avanti Berardi, Sansone e Falcinelli, che ha vinto il ballottaggio con Trotta. A centrocampo capitan Magnanelli, Duncan e Missiroli. In difesa davanti a Consigli, Cannavaro ed Acerbi sono i centrali, con Peluso e Vrsaljko sulle fasce.
Per i padroni di casa Maran sceglie un 4-3-1-2, con Birsa trequartista che deve servire Inglese e Floro Flores, preferito a Mpoku. I tre interni di centrocampo sono Radovanovic, Pinzi e Rigoni. In difesa, davanti a Bizzarri, Spolli e Cesar, con Dainelli in panchina, agiscono come centrali, sugli esterni Frey e Gobbi.

Partita intensa fin dalle prime battute, con gli ospiti che sembrano voler provare a prendere in mano le redini del gioco. Il Sassuolo continua a spingere ma senza riuscire a creare pericoli a Bizzarri, mentre il Chievo prova a lanciare il suo contropiede ad ogni occasione. E a passare e’ proprio il Chievo.
Radovanovic la rimette in mezzo sugli sviluppi di un corner, Floro Flores fa da sponda per Rigoni che al momento del tiro viene contrastato in maniere irregolare da Peluso: giallo e rigore. Sul dischetto va Birsa che spiazza Consigli.

Neppure il tempo di esultare che Sansone raccoglie palla sul vertice sinsitro e la scaglia in porta con un destro dalla traiettoria beffarda. Il Sassuolo insiste. Berardi e Missiroli partono in contropiede, lo scambio tra i due porta al tiro il centrocampista, conclusione debole e centrale. Bizzarri rischia il dribbling sul Falcinelli: sospiro di sollievo per il pubblico di casa. In chiusura di frazione Sansone devia il tiro di Falcinelli dopo una bella azione del Sassuolo ma non trova la porta.

Ripresa con un solo canovaccio tattico, Sassuolo all’attacco e Chievo chiuso in difesa. La prima emozione la danno gli emiliani: Sansone serve la sovrapposizione di Duncan, palla dentro sulla quale Falcinelli non arriva alla deviazione per un soffio. Subito dopo il Chievo perde anche Frey costretto ad uscire per una botta presa nella prima frazione. Il match continua ad essere intenso e combattuto ma le occasioni da gol latitano. Il predominio del Sassuolo e’ netto, ma il Chievo a bravo a chiudere tutti i varchi davanti a Bizzarri e portare a casa un punto importante verso la salvezza.

Mattia Cagalli
14/02/2016

(cod chievovero)

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here